Caritas, “la sospensione degli aiuti alimentari in Etiopia da parte di Usaid e Pam non è né umana né morale”

Condividi l'articolo sui canali social

Caritas Internationalis si unisce all’appello delle Chiese etiopi nell’esortare l’Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e il Programma Alimentare Mondiale (PAM) a riprendere immediatamente la distribuzione degli aiuti alimentari. Tali aiuti sono stati sospesi il 30 marzo 2023 nella regione del Tigray, dopo che grandi quantità di cibo destinate alla popolazione erano state dirottate e vendute sul mercato locale. La sospensione è stata poi estesa all’intero territorio etiope all’inizio di giugno.

“Per tre mesi, milioni di persone bisognose di assistenza umanitaria sono state private del cibo, con conseguente peggioramento delle condizioni di salute e di sicurezza di coloro che già soffrono gravi traumi e privazioni a seguito di una guerra in atto da due anni e di una prolungata siccità”, sottolinea il Segretario Generale di Caritas Internationalis, Alistair Dutton.

Sebbene continuino gli altri aiuti vitali, tra cui i programmi di nutrizione per le donne e i bambini, l’acqua potabile e il sostegno alle attività agricole e allo sviluppo, la sospensione delle distribuzioni di cibo sta minacciando ulteriormente le vite, soprattutto per le persone anziane o in cattive condizioni di salute, i bambini e gli sfollati interni.

“Le persone stanno morendo di fame. Nelle ultime settimane, centinaia di persone sono morte nella regione settentrionale del Tigray, in Etiopia, a causa della carenza di cibo. Questo non è né umano né morale», continua Dutton.  Il furto e la corruzione negli aiuti alimentari non devono essere tollerati e i responsabili devono essere chiamati a risponderne. È necessario condurre un’indagine approfondita e mettere in atto meccanismi di responsabilità trasparenti per evitare future sottrazioni di aiuti. «Ma non possono essere le persone innocenti a soffrire nel frattempo”, aggiunge il Segretario Generale della Confederazione Caritas, notando come l’imperativo umanitario impone che la preoccupazione principale debba essere quella dei milioni di etiopi in condizione di grave insicurezza alimentare, che dipendono dall’assistenza umanitaria, e che non devono essere costrette a pagare per gli abusi commessi da altri.

La Confederazione Caritas fa eco agli appelli di diversi leader religiosi etiopi. In una lettera congiunta indirizzata al governo dell’Etiopia, a USAID e al Programma alimentare mondiale, il Cardinale Berhaneyesus (Presidente della Conferenza Episcopale Cattolica dell’Etiopia) e il Reverendo Kes Yonas (Presidente della Chiesa Evangelica Mekaneyesus dell’Etiopia) affermano che ulteriori ritardi nella consegna del supporto alimentare porterebbero solo ad un’ulteriore catastrofe umanitaria. Abune Mathias, Patriarca della Chiesa ortodossa etiope Tewahedo, sottolinea inoltre come la sospensione di questo sostegno vitale stia causando gravi sofferenze alla popolazione a causa della grave insicurezza alimentare. Il vescovo cattolico di Adigrat, monsignor Tesfaselassie Medhin, ha dichiarato che la morte di centinaia di persone per fame non può essere il prezzo da pagare per adeguare il sistema.

Pertanto, Caritas Internationalis si unisce alla richiesta dei leader religiosi etiopi a USAID e al PAM di riprendere immediatamente la distribuzione degli aiuti alimentari ed evitare le prevedibili conseguenze devastanti per coloro che hanno il diritto di ricevere gli aiuti.

“L’USAID e il PAM hanno annunciato che l’assistenza alimentare sarà ripresa solo quando saranno in atto forti misure di monitoraggio, ma le persone non possono aspettare. Gli aiuti alimentari devono raggiungere tutti coloro che ne hanno bisogno adesso. Ogni singolo giorno può fare la differenza”, afferma Dutton.

(Foto: Tobin Jones/Amison)