In Mauritania per le donne il divorzio è un giorno di festa

Condividi l'articolo sui canali social

In alcune parti della Mauritania, non è raro che le donne celebrino il loro divorzio. L'occasione è spesso scandita da feste e cene, con sottofondo di tamburelli e ululati in onore delle divorziate. Mentre della questione si occupa anche il New York Times, pubblichiamo un articolo per Africa Rebirth di Vanessa Moahi.

La festa viene fatta per accogliere nuovamente la divorziata nella casa della sua famiglia. Ha anche lo scopo di trasmettere che è tornata ancora una volta alla sua dignità e pace. Dopo la conclusione della procedura di divorzio, la maggior parte delle donne mauritane torna a casa della propria famiglia con i propri figli. Le loro madri e sorelle li accolgono con i suoni di Zaghrouta e ululanti grida di gioia.

Si dice che l'antica tradizione sia emersa da un vecchio sistema tribale immutabile. Nei tempi antichi la società mauritana era composta solo da poche tribù che vivevano in regioni separate. I matrimoni misti non erano comuni. Questo per preservare il lignaggio, l'alleanza e la classe sociale.

Le donne erano spesso costrette a sposare i loro cugini. La cultura mauritana ha dato origine alla tradizione di celebrare il divorzio a causa del fatto che c'erano poche opzioni presentate alle donne dopo il divorzio. Inoltre, era un modo per garantire che le donne divorziate non fossero influenzate negativamente dal loro passato o dal fatto di essere divorziate. Il fenomeno si diffuse rapidamente nel tempo, fino a significare dichiarazione di indipendenza e disponibilità del divorziato.

In Mauritania alcune donne indossano i loro precedenti matrimoni come status symbol e distintivi d'onore. I matrimoni multipli sono visti come un riflesso di unicità, bellezza e attrattiva. Mariam Bint Ahmed Salem, una donna mauritana sulla cinquantina, concorda affermando: “Sono stata sposata nove volte. Al momento sono divorziato e non ho intenzione di percorrere di nuovo la navata. Ho figli da più partner. Sono orgogliosa di me stessa e della vita che ho vissuto. Mostra quanto sono bella e attraente!".

Per inciso, la maggior parte degli uomini mauritani crede che una donna divorziata sia più matura, esperta e comprensiva delle difficoltà e delle sfide della vita. Hanno anche la convinzione comune che una donna non sposata sia più narcisista ed esageri il suo valore. Questo spesso porta a ostacoli e condizioni irragionevoli da parte dell'addio al nubilato e della sua famiglia in quanto riguarda le elevate spese di dote.

Al contrario, un uomo divorziato incontra maggiori difficoltà a risposarsi, in particolare se non è benestante o finanziariamente stabile. Le donne mauritane preferiscono gli uomini non sposati. Credono che più matrimoni falliti da parte di un uomo riflettano l'incapacità di assumersi la responsabilità e indichino inoltre che l'uomo è impaziente e potrebbe essere violento nei loro confronti.

Nonostante l'accoglienza che la maggior parte delle donne mauritane trova dopo il divorzio, sembra comunque che non sia così piacevole come molti vorrebbero far credere. C'è stato un drammatico aumento dei tassi di divorzio nel Paese secondo le organizzazioni della società civile attive sulle questioni familiari. È per questo che la società civile sta cercando di sensibilizzare sui pericoli che ciò comporta per la stabilità familiare e lo sviluppo del bambino.

In un rapporto ufficiale del governo mauritano pubblicato nel 2018, quasi un terzo di tutti i matrimoni finisce con il divorzio. Più criticamente, il 60 per cento dei divorzi ha subito una separazione di cinque o più anni prima. Questo rende difficile per le donne risposarsi. Lo studio ha concluso che il 74% delle donne divorziate si è risposato, ma solo il 25% si è sposato tre o più volte.

(Fonte: Africa Rebirth - Vanessa Moahi; Foto: Inter-Parlamentary Union - Carlos Oliveira Reis)