Giornata della Memoria: la Commissione Usa sulla libertà religiosa, “in guardia contro crescita dell’antisemitismo”

Condividi l'articolo sui canali social

Washington, DC – La Commissione degli Stati Uniti per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) celebra la Giornata internazionale della memoria dell’Olocausto. L’USCIRF ricorda i milioni di ebrei presi di mira e i sei milioni assassinati di massa dalla “Soluzione Finale” della Germania nazista, e i milioni di altri – tra cui rom e sinti, slavi, persone con disabilità, individui LGBTQI+ e testimoni di Geova – assassinati dal regime nazista. L’USCIRF è anche preoccupata per la crescente ondata di distorsione e negazione dell’Olocausto che si verifica come parte di una più ampia ondata di antisemitismo globale.

“Le orribili atrocità dell’Olocausto non sono una reliquia della storia. Proiettano una lunga ombra sul presente. L’odio e l’intolleranza verso gli ebrei, purtroppo, non sono un semplice ricordo”, ha affermato il presidente dell’USCIRF Abraham Cooper. “Mentre celebriamo l’occasione solenne di oggi, l’USCIRF esorta il governo degli Stati Uniti a non dimenticare le lezioni del passato. I funzionari statunitensi devono condannare coloro che continuano a negare o distorcere la verità dell’Olocausto e ritenere responsabili coloro che cercano di distruggere Israele, la patria dei sopravvissuti e dei loro discendenti. Gli Stati Uniti devono anche denunciare i governi che non riescono a proteggere le comunità ebraiche che temono di praticare apertamente la propria fede oggi”.

Quasi ottant’anni dopo la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, i governi continuano a esprimere o tollerare l’antisemitismo legato all’Olocausto. Nel settembre 2023, il presidente palestinese Mahmoud Abbas si è impegnato in una distorsione pubblica dell’Olocausto. Il presidente iraniano Ebrahim Raisi aveva precedentemente suggerito che ciò non fosse mai accaduto. Molti paesi omettono o distorcono l’Olocausto nei libri di testo ufficiali. I memoriali dell’Olocausto sono stati vandalizzati in tutta Europa, inclusi Paesi Bassi, Germania, Danimarca, Grecia, Svezia e Italia.

Sulla scia degli attacchi terroristici del 7 ottobre e della successiva operazione militare di Israele contro Hamas, diversi governi non sono riusciti a denunciare coloro che incolpano la comunità ebraica mondiale per la politica del governo israeliano, a indagare sulla violenza contro i luoghi di culto, le scuole e le case ebraiche e a condannare canti antisemiti che invocano esplicitamente l’Olocausto. A ottobre, l’USCIRF ha condannato l’odio religioso, compreso l’antisemitismo, fomentato dal conflitto Israele-Hamas. A novembre, l’USCIRF ha espresso preoccupazione per gli attacchi ai luoghi di culto, compresi gli attacchi contro sinagoghe e siti religiosi ebraici.

“L’occasione cupa della Giornata internazionale della memoria dell’Olocausto è un’opportunità per dedicarci nuovamente all’imperativo morale di ‘Mai più’ per gli ebrei e altri gruppi religiosi perseguitati”, ha affermato il vicepresidente dell’USCIRF Fredrick A. Davie. “I musulmani uiguri, i Rohingya, gli Yezidi e altri gruppi religiosi continuano a subire persecuzioni sulla base della loro identità religiosa. Il genocidio è una tragedia globale che il governo degli Stati Uniti deve assumere un ruolo di leadership nell’affrontare”.

L’USCIRF sta accettando proposte per una ricerca a contratto che identifichi e analizzi le recenti tendenze dell’antisemitismo e le risposte dei governi a questo odio in paesi selezionati all’interno della regione dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE). Questa ricerca si baserebbe su un rapporto pubblicato dall’USCIRF nell’aprile 2021 che valuta l’antisemitismo nei principali paesi europei e le risposte dei loro governi al fine di aiutare l’USCIRF a sviluppare raccomandazioni specifiche per la politica statunitense.

(Fonte: U.S. Commission on international religious freedom; Foto: Wikimedia Commons)