La Commissione Usa condanna l’istigazione religiosa nel conflitto Israele-Gaza

Condividi l'articolo sui canali social

Washington, DC - La Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale (USCIRF) ha condannato l’incitamento religioso legato al conflitto emergente tra Israele e gruppi terroristici nella Striscia di Gaza. Il 7 ottobre, almeno 1.500 aggressori armati legati a Hamas e alla Jihad islamica palestinese si sono infiltrati nel sud di Israele, uccidendo oltre 1.000 israeliani (compresi numerosi cittadini stranieri) e riportando a Gaza decine di ostaggi. Mentre Israele risponde all’attacco terroristico, almeno 830 palestinesi sono stati uccisi, un numero che comprende anche membri di gruppi terroristici.

"L'USCIRF condanna, senza riserve, il brutale assalto terroristico di sabato, che il presidente Joseph R. Biden ha descritto come un 'atto di pura malvagità'. Questo attacco rappresenta il più grande massacro di ebrei in un solo giorno dall'Olocausto", ha affermato il presidente dell'USCIRF Abraham Cooper . “I manifestanti a Sydney, in Australia, che cantano 'gas the Jews' (gasate gli ebrei) e simili slogan antisemiti distruggono ogni dubbio credibile che l’incitamento religioso stia contribuendo alla violenza contro il popolo ebraico in Israele e nel mondo. Gli Stati Uniti devono guidare gli sforzi internazionali per condannare completamente questa abominevole intolleranza, incluso denunciare l’Iran e altri governi che alimentano il fuoco dell’incitamento religioso”.

“Invocare qualsiasi religione, compreso l’Islam, per giustificare l’uccisione di vite innocenti non ha posto in nessuna società”, ha affermato il commissario dell’USCIRF Mohamed Magid. “Le affermazioni secondo cui i terroristi violenti rappresentano l’intero Islam – o il popolo palestinese che rivendica i propri diritti umani fondamentali – sono infondate”.

L’USCIRF ha espresso crescente preoccupazione per le restrizioni alla libertà religiosa nella regione, che si sono intensificate negli ultimi giorni. Razzi lanciati da Gaza hanno colpito una sinagoga ad Ashkelon, in Israele, il 7 ottobre. Nella sua risposta all'attacco di sabato, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno colpito almeno sette moschee a Gaza, comprese alcune che secondo loro Hamas utilizzava per scopi militari.

“In un momento di crescente intolleranza religiosa, il governo degli Stati Uniti dovrebbe rispondere con decisione a coloro che invocano la religione per giustificare omicidi, rapimenti, torture e tutte le altre violazioni dei diritti umani contro le persone che intendono vivere pacificamente in Terra Santa e in tutto il mondo”, ha affermato l’USCIRF. Vicepresidente Fredrick A. Davie. “Tollerare le restrizioni alla libertà religiosa, comprese le molestie nei confronti delle comunità religiose e l’accesso limitato ai luoghi di culto, viola le protezioni garantite a tutte le persone dal diritto internazionale”.

Le raccomandazioni dell’USCIRF sollecitano costantemente i governi stranieri ad attuare politiche di protezione delle comunità religiose. Sebbene molti governi siano diventati più accoglienti nella loro retorica, non hanno apportato modifiche alle leggi che consentono maggiori libertà o tolleranza verso alcune comunità religiose che potrebbero essere viste come minacciose. Come osservato in un recente rapporto dell’USCIRF, i governi sono responsabili di garantire la libertà di religione o di credo per tutti, come delineato negli strumenti giuridici internazionali come la Dichiarazione universale dei diritti umani.

(Fonte: U.S. Commission on International Religious Freedom; Foto: The Messenger)