Papa Francesco impegnato contro il riscaldamento globale: cosa ne pensano i cattolici americani?

Condividi l'articolo sui canali social

Papa Francesco ha spesso parlato di cambiamento climatico durante la sua guida decennale della Chiesa cattolica romana. Nel 2015 ha dedicato un’intera enciclica alla questione, citando il consenso scientifico sul fatto che la Terra si stia riscaldando a causa dell’attività umana. Ha predetto “gravi conseguenze per tutti noi” se le tendenze attuali continuano. Nonostante la franchezza di Francesco sull’argomento, non tutti i cattolici negli Stati Uniti condividono le sue preoccupazioni e le loro opinioni variano in base all’appartenenza politica, alla razza, all’etnia e all’età.

Mentre l’82% dei cattolici che sono democratici o propendono per il Partito Democratico afferma che il riscaldamento globale è un problema estremamente o molto serio, solo un quarto dei cattolici repubblicani o di tendenza repubblicana afferma lo stesso, secondo un sondaggio del Pew Research Center del 2022. A proposito invece di razza ed etnia, il 71% dei cattolici ispanici vede il cambiamento climatico come un problema estremamente o molto serio, rispetto al 49% dei cattolici bianchi non ispanici. (Nel sondaggio del 2022 non c’erano abbastanza cattolici neri o asiatici da analizzare separatamente).

Inoltre, i cattolici di età compresa tra 18 e 49 anni hanno una probabilità in qualche modo maggiore rispetto ai cattolici di età pari o superiore a 50 anni di esprimere un alto livello di preoccupazione per il climate change (61% contro 53%). In generale, i cattolici non sono più propensi degli americani in generale a considerare il cambiamento climatico come un problema serio. Una quota identica in ciascun gruppo afferma che il riscaldamento globale è un problema estremamente o molto serio (57%).

Ma le opinioni tra i cattolici differiscono, riflettendo divisioni simili nella più ampia popolazione degli Stati Uniti. Gli adulti statunitensi di età pari o inferiore a 49 anni, democratici o identificati come razza o etnia diversa dai bianchi non ispanici sono generalmente più propensi di quelli di età pari o superiore a 50 anni, repubblicani o bianchi a esprimere preoccupazione per il cambiamento climatico.

Tra gli adulti statunitensi in generale, l’opinione sul climate change è fortemente legata alla faziosità politica. I democratici e i sostenitori democratici sono molto più propensi dei repubblicani e dei simpatizzanti repubblicani a sostenere che il riscaldamento globale è un problema estremamente o molto serio (83% contro 25%). Questo divario è alla base di gran parte delle apparenti differenze di opinioni tra i gruppi religiosi, compresi i cattolici. In generale, i cattolici statunitensi sono politicamente equamente divisi. Ma i cattolici che sono bianchi o più anziani hanno molte più probabilità di essere repubblicani rispetto a quelli che sono ispanici o più giovani.

Le differenze di parte e demografiche nelle opinioni dei cattolici sul cambiamento climatico si estendono anche ad altri temi legati all’ambiente. Ad esempio, poco più della metà dei cattolici (54%) afferma che la Terra si sta riscaldando principalmente a causa dell’attività umana, in linea con la posizione del Papa. Un quarto afferma che si sta riscaldando principalmente a causa di schemi naturali, mentre il 9% afferma che non ci sono prove concrete che il pianeta si stia riscaldando. I cattolici che sono democratici, più giovani o ispanici sono molto più propensi di quelli che sono repubblicani, anziani o bianchi a dire che la Terra si sta riscaldando principalmente a causa dell’attività umana.

Oltre a chiedere agli americani le proprie opinioni sul cambiamento climatico, il sondaggio 2022 del Pew Research center ha chiesto agli intervistati quanto sentono parlare dell’argomento nei sermoni. Tra coloro che frequentano le funzioni religiose almeno mensilmente, i cattolici statunitensi indicano che il tema del climate change non viene discusso frequentemente dal pulpito. Circa uno su dieci (8%) afferma che nelle omelie si discute molto o abbastanza del cambiamento climatico, mentre il 50% afferma che se ne discute in parte o poco. Circa quattro partecipanti regolari a messa su dieci (41%) affermano che non si discute del cambiamento climatico.

Complessivamente, il 58% dei partecipanti al servizio cattolico afferma che c’è almeno una piccola discussione sul cambiamento climatico nelle prediche, simile alla quota dei partecipanti protestanti principali (62%) e molto più alta della quota dei partecipanti protestanti evangelici che lo riferiscono (40%).

Tra i cattolici che partecipano alla messa almeno mensilmente, il 36% afferma di aver sentito parlare almeno un po’ del cambiamento climatico nelle omelie e che quei sermoni esprimono sempre o spesso l’opinione che “abbiamo il dovere di prenderci cura della creazione di Dio”. Quote più piccole dicono che le prediche nella loro congregazione esprimono sempre o spesso “sostegno ad azioni per limitare gli effetti del cambiamento climatico” (23%); “preoccupazione che le politiche volte a ridurre il cambiamento climatico diano troppo potere al governo” (9%); o “l’idea che non dobbiamo preoccuparci del cambiamento climatico” (8%).

(Fonte: Pew Research Center, Jeff Diamant)