Usa: gli studenti ebrei alle prese su come rispondere alle proteste filo-palestinesi nei campus

Condividi l'articolo sui canali social

Alcuni studenti ebrei hanno preso parte alle violente proteste filo-palestinesi che hanno dominato i college statunitensi nelle ultime settimane, ma pochi hanno guidato manifestazioni a sostegno di Israele o contro percepite manifestazioni di antisemitismo.

La situazione potrebbe iniziare a cambiare, spiega l'Associated Press in un report di Jesse Bedayn.

Come molti americani, le opinioni degli studenti ebrei sul conflitto israelo-palestinese sono ampie e spesso sfumate. Non è stato per la mancanza di preoccupazione per la guerra a Gaza o per la reazione che ha suscitato nei loro campus che alcuni hanno evitato di manifestare.

Hanno avuto accesi dibattiti tra loro su se e come rispondere mentre gli accampamenti filo-palestinesi si diffondevano da un’università all’altra.

Alcuni si sono uniti agli accampamenti, celebrando la Pasqua tra le tende con gli altri manifestanti. Molti si sono sentiti innervositi da quella che consideravano retorica anti-israeliana e hanno affermato di temere una manifestazione.

Ora i gruppi solidali con gli studenti ebrei pianificano decine di manifestazioni nei prossimi giorni. Giovedì i manifestanti hanno issato bandiere israeliane all'Università dell'Indiana a Bloomington e vicino alla George Washington University, e altre sventolavano fuori dal MIT venerdì.

I loro obiettivi includono essere solidali con gli studenti ebrei e mostrare che c’è spazio per l’empatia sia per i palestinesi che per gli israeliani colpiti dalla guerra.

Alla George Washington University di Washington, D.C., circa 150 persone – tra cui molti studenti ebrei – si sono riunite giovedì in un cortile erboso. L’obiettivo, ha detto l’organizzatrice Gabrielle Guigui, “era quello di mostrare l’orgoglio ebraico e l’unità ebraica… e riunire gli studenti ebrei, perché molti di loro sono spaventati”.

La senior Brina Cartagenova stringeva una collana con sopra il suo nome ebraico, la stessa collana che si era tolta in precedenza per paura di ritorsioni nel campus.

"Avevo paura di rimetterlo per almeno tre settimane, e poi finalmente l'ho fatto l'altro giorno", ha detto. "Questo tipo di eventi mi aiuta sicuramente a sentirmi più a mio agio".

Gli ebrei americani di età compresa tra i 18 e i 34 anni sono fortemente divisi sulla questione se lo stato di Israele post-ottobre. 7 è stata accettabile, secondo un sondaggio del Pew Research Center condotto a febbraio.

Ma gli episodi di odio tra le proteste contro la guerra hanno scosso molti studenti ebrei, indipendentemente da ciò che pensano nei confronti del governo israeliano o del modo in cui tratta i palestinesi.

Alcuni esempi di proteste universitarie che hanno ferito: un poster raffigurante la stella di David barrata in rosso. “Morte a Israele” scarabocchiato con vernice spray. Canti di “Noi siamo Hamas”.

“Non tutti sostengono attivamente questi manifesti, canti, cartelli e graffiti antisemiti, ma sembra che la grande maggioranza sia almeno d’accordo – abbastanza da ignorarlo e lasciare che gli studenti ebrei continuino a sentirsi sgraditi”, ha detto Lily Cohen, 21 anni, uno studente ebreo della Northwestern University.

"È stato molto scoraggiante controprotestare", ha detto.

All'interno dell'accampamento del Nordovest c'era un altro studente ebreo, il giovane Paz Baum.

Baum, che ha tenuto un seder pasquale tra le tende con gli altri manifestanti filo-palestinesi, ha detto che i suoi valori religiosi l'hanno costretta a protestare contro la guerra a Gaza.

“Vedo un parallelo diretto tra le esperienze dei miei antenati ebrei e l’esperienza delle decine di migliaia di palestinesi massacrati”, ha detto Baum, i cui bisnonni fuggirono dai pogrom nell’Europa orientale.

Baum ha insistito affinché i manifesti odiosi venissero rimossi non appena venivano individuati, e ha detto che l'unico antisemitismo a cui aveva assistito proveniva da diversi manifestanti ebrei, per lo più anziani, che hanno affrontato l'accampamento domenica.

Mentre Baum teneva in mano un cartello con la scritta “Ebrei per un cessate il fuoco”, ha detto che le hanno lanciato insulti antisemiti. Altri manifestanti filo-palestinesi hanno affermato che le accuse di antisemitismo vengono sbandierate semplicemente per screditare il loro movimento.

Lunedì l'accampamento della Northwestern ha raggiunto un accordo con l'università e si è sgomberato.

Alla Columbia, alcuni manifestanti filo-palestinesi hanno condannato la retorica piena di odio proveniente dai loro ranghi, comprese le osservazioni di uno studente che ha affermato che “i sionisti non meritano di vivere” in un video recentemente emerso. Quello studente, che ha agito come portavoce dell'accampamento e da allora ha ritrattato le sue dichiarazioni, è stato bandito dal campus. Ma l’incidente, insieme ad altri, ha toccato un nervo scoperto.

“Va assolutamente bene protestare contro la guerra a Gaza o essere inorriditi dalle varie azioni del governo israeliano”, ha detto Jacob Schmeltz, uno studente della Columbia, ma “gli studenti ebrei della Columbia in questo momento non si sentono fisicamente o emotivamente sicuri di essere a bordo”. città universitaria."

Schmeltz, che è uno dei leader della National Jewish on Campus Student Union, ha detto che il gruppo ha messo a punto una strategia su come rispondere al moltiplicarsi delle proteste.

Hanno usato i social media per evidenziare quello che vedevano come antisemitismo nel campus, ma una protesta non era davvero sul tavolo.

“Come è possibile organizzare una controprotesta quando molti di noi sono a casa o cercano semplicemente di restare nei loro dormitori perché hanno paura di cosa accadrebbe se andassero al campus?” disse Schmeltz.

Organizzazioni tra cui Hillel e il Consiglio israelo-americano hanno pianificato altre manifestazioni nei prossimi giorni per mostrare agli studenti e ai docenti ebrei e filo-israeliani “che non sono soli”, ha affermato Elan Carr, amministratore delegato dell’organizzazione.

Adam Lehman, presidente di Hillel International, ha affermato che le manifestazioni affermeranno che gli studenti ebrei sono resilienti, meritano rispetto e possono “mostrare empatia per la difficile situazione dei palestinesi e allo stesso tempo mostrare empatia per gli israeliani”.

Alla Chapel Hill dell’Università della Carolina del Nord, gli studenti ebrei filo-israeliani hanno lanciato per settimane idee diverse. Alcuni hanno sostenuto di ignorare l’accampamento filo-palestinese nel campus, per dimostrare che “puoi farlo, ma non ci stai influenzando”, ha detto la studentessa ebrea Eliana Halivni. Alcuni sventolavano bandiere israeliane.

Alcuni hanno scarabocchiato la Stella di David con il gesso, ha detto Halivni, “in modo che sappiano che siamo qui, anche se non possono vederci fisicamente”.

[Questo articolo di Jesse Bedayn, di cui proponiamo una nostra traduzione, è stato pubblicato sul sito dell'Associated Press, al quale rimandiamo; Photo Credits: Al Monitor]