Afghanistan: la rotta all'indietro dei Talebani sui diritti delle donne

Condividi l'articolo sui canali social

Sulla sempre più grave situazione in Afghanistan in materia di diritti delle donne, e su quanto tale atteggiamento repressivo sia contrario ai voleri della popolazione, pubblichiamo un articolo di Charli Carpenter, professoressa di Scienze politiche e Studi legali presso l'Università del Massachusetts-Amherst, specializzata in Sicurezza umana e Diritto internazionale, comparso di recente sulla World Politics Review.

La Giornata internazionale della donna ha recentemente attirato una rinnovata attenzione dei media sulla situazione in Afghanistan, ora caratterizzato dalle Nazioni Unite come il paese più repressivo al mondo per le donne. Negli ultimi 18 mesi dalla presa del potere da parte dei talebani nell'agosto 2021, le condizioni delle donne nel paese sono continuamente peggiorate. Nonostante le promesse iniziali dei talebani di mantenere le ragazze a scuola, alle donne e alle ragazze è stato immediatamente vietato di frequentare la scuola superiore e, da dicembre, lo stesso vale per l'università. Le donne sono state bandite dalla maggior parte dei lavori, compreso il lavoro delle ONG. Le fustigazioni di donne e uomini sono state ripristinate per violazione del codice morale dei talebani. In una svolta particolarmente crudele, alle donne che in precedenza avevano divorziato da mariti violenti viene ora detto che quei divorzi non sono validi, il che significa che loro e i loro nuovi partner potrebbero essere considerati adulteri e puniti di conseguenza.

Questa situazione è particolarmente paradossale perché per la stragrande maggioranza degli afgani, la protezione dei diritti umani delle donne, in particolare il diritto all'istruzione, è tra le loro priorità fondamentali. In un sondaggio casuale condotto lo scorso anno dallo Human Security Lab, che dirigo presso l'Università del Massachusetts-Amherst, tra gli utenti Internet afgani, il 66% degli intervistati ha dichiarato di essere "d'accordo" o "fortemente d'accordo" con l'affermazione: "Credo i diritti umani delle donne sono tra le massime priorità per il futuro del Paese”. Solo il 19% era in disaccordo o fortemente in disaccordo e il 15% era indeciso. Ancora più importanti sono le linee di tendenza: nei tre mesi in cui il sondaggio è stato sul campo, il numero di coloro che hanno detto "fortemente d'accordo" è aumentato e coloro che hanno scelto qualsiasi altra risposta sono diminuiti.

Alla domanda su quali tre diritti per le donne da un elenco fornito siano più importanti per loro, gli afgani hanno scelto più frequentemente l'istruzione, al 62%; il diritto al lavoro, al 41 per cento; il diritto di partecipare al governo, al 36%; il diritto di scegliere un marito, al 34 per cento; e il diritto di accedere ai servizi sanitari, al 31%. Alcuni hanno scelto "Qualcos'altro" dall'elenco e molte delle risposte includevano il rifiuto di scegliere tra i diritti. Un afghano ha scritto nella casella dei commenti: "Sono tutti importanti per me". Un altro ha scritto: "Tutte le cose menzionate in questo questionario sono importanti per le donne".

Quando è stato chiesto loro di spiegare con parole proprie cosa significhi per loro il raggiungimento dei diritti umani delle donne, alcuni afgani hanno elencato i diritti specifici che li interessavano di più, inclusi molti di quelli sopra elencati, ma anche cose come il "diritto di fare sport" e "il diritto di imparare la scienza". E mentre molti afghani hanno espresso i diritti come qualcosa che dovrebbe essere implementato "in un quadro islamico", molti di loro hanno affermato esplicitamente che l'Islam è coerente con i diritti umani. Uno ha scritto: "Il diritto all'istruzione secondo le leggi islamiche e altri diritti sono garantiti dall'Islam".

Questo atteggiamento si riflette anche nelle condanne dei divieti dei talebani sull'accesso all'istruzione di donne e ragazze da parte dell'Organizzazione degli Stati islamici, studiosi islamici e persino paesi a maggioranza musulmana ultraconservatori come l'Arabia Saudita. Ad aprile, anche un gruppo di religiosi afghani a Kabul ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiarava che "l'Islam è portatore di diritti per le donne, compresi i diritti all'istruzione e al lavoro".

Anche per gli afghani i diritti delle donne non sono solo una questione femminile. Il sondaggio dello Human Security Lab mostra che gli uomini e le donne afgane sono ugualmente preoccupati per loro. In effetti, meno uomini che donne "erano fortemente in disaccordo" con l'idea dei diritti umani delle donne come priorità nazionale. E gli uomini si sentono ancora più fortemente delle donne riguardo ad alcuni diritti specifici. Ad esempio, il 66% degli uomini ha scelto l'istruzione tra le tre priorità principali, rispetto a solo il 55% delle donne. L'indagine ha rivelato divari di genere simili per quanto riguarda i diritti all'assistenza sanitaria e alla partecipazione politica e il diritto di scegliere un marito, con gli uomini che spingono più forte per questi diritti rispetto alle donne stesse. Percentuali uguali di uomini e donne sono fortemente interessate al diritto di lavorare e viaggiare liberamente senza scorta, alla libertà delle donne di vestirsi secondo i propri desideri e al divieto di violenza domestica.

Ancora più interessante, la scoperta che i diritti umani delle donne sono estremamente importanti per gli afghani è vera anche tra i sostenitori dei talebani. Complessivamente, il 66 per cento degli uomini e delle donne che sostengono “molto” i talebani sono anche “d'accordo o fortemente d'accordo” sul fatto che i diritti umani delle donne siano una priorità nazionale, sebbene le donne inclini ai talebani si sentano ancora più fortemente degli uomini talebani su questo. Sui diritti specifici, il 60 per cento di coloro che sostengono “molto” i talebani ha indicato come priorità il diritto all'istruzione. E in realtà sono più propensi degli oppositori talebani a menzionare la sicurezza dell'assistenza sanitaria, la fine della violenza domestica e il diritto di scegliere un marito quando viene chiesto di elencare i tre diritti più importanti. Il divario tra forti sostenitori talebani e forti oppositori talebani sembra più ampio su diritti come la libertà di vestirsi, il diritto al lavoro e la partecipazione politica. Ma anche qui, il 28% dei forti sostenitori talebani ha affermato che le donne dovrebbero avere il diritto di lavorare e il 22% ha affermato che dovrebbero avere il diritto di partecipare al governo.

Se i diritti umani delle donne sono importanti per la maggior parte degli afghani, anche per i sostenitori talebani, perché i talebani riescono a farla franca limitandoli continuamente e sempre di più? Molte delle decisioni sul trattamento delle donne provengono da una piccola ma influente minoranza all'interno della leadership talebana, con gli ordini più draconiani che scendono da Hibatullah Akhundzada, il leader supremo, nonostante la significativa resistenza dei ranghi talebani, che a loro volta sembrano volere la scuola per le loro figlie. Ma secondo un rapporto preparato dall'Istituto per la pace degli Stati Uniti, la condizione delle donne è diventata anche una questione chiave utilizzata dalle fazioni in competizione all'interno dei talebani mentre si contendono il potere, nonché un modo per dimostrare all'Occidente che i talebani non si piegherà all'interferenza straniera.

I dati del sondaggio sugli afghani suggeriscono anche altri modi in cui la comunità internazionale potrebbe aiutare. Prima di tutto, alla domanda se i governi esterni debbano riconoscere i talebani in assenza di miglioramenti significativi in materia di diritti umani e di un governo inclusivo, oltre la metà degli intervistati ha risposto di no e solo il 25% ha risposto di sì; l'altro quarto degli intervistati non ha voluto rispondere. Erano equamente divisi sul fatto che la comunità internazionale dovesse continuare a negare il sostegno economico per fare pressione sui talebani.

Quando è stato chiesto di parlare con parole proprie di "altri" modi in cui la comunità internazionale potrebbe aiutare, i risultati sono contrastanti. Il 35% degli afgani ha affermato che la comunità internazionale dovrebbe sostenere un processo di pace tra i talebani ei gruppi di opposizione, ma il 31% ha affermato che preferirebbe che l'Occidente armasse l'opposizione contro i talebani o intervenisse militarmente. Il 26 per cento vorrebbe vedere forze di pace neutrali nel paese.

Un quarto degli intervistati che hanno risposto a questa domanda ha scritto una risposta con parole proprie e la seconda risposta più frequente, dopo "sostegno economico", è stata "sostegno ai diritti umani". Tuttavia, gli afgani, in particolare le donne afgane, hanno anche sottolineato un diritto umano raramente discusso nel contesto dell'Afghanistan e interamente nelle mani della comunità internazionale: il diritto a fuggire dal paese.

Molti di loro hanno affermato che il modo migliore in cui la comunità internazionale potrebbe aiutare sarebbe evacuare gli afghani come loro e snellire le procedure di asilo. "Deve essere fornita assistenza immediata per la partenza degli afghani come me in modo che non vengano uccisi dai talebani", ha scritto uno. Un altro implorò: "Portaci via da questo!" Il vantaggio di implementare questo diritto umano, almeno, è che non richiederebbe negoziazioni con i talebani.

(Fonte: World Politics Review - Charli Carpenter; Photo: Ohchr - UN Human Rights Office)