Crescente separatismo, e un omicidio, in un tempio sikh in Canada

Condividi l'articolo sui canali social

Hardeep Singh Nijjar, il leader sikh la cui uccisione ha acceso le tensioni tra Canada e India, ha aumentato le richieste per una patria indipendente in India. Ne riferisce Norimitsu Onishi sul New York Times, da Surrey, British Columbia.

I segni del separatismo sono ovunque nel tempio. Decine di bandiere gialle del Khalistan - una patria che i separatisti sikh vogliono creare nella regione indiana del Punjab - sventolano dentro e intorno al tempio Guru Nanak Sikh Gurdwara vicino a Vancouver.

In una sala al piano terra, dove i fedeli socializzavano e mangiavano, le pareti sono tappezzate di decine di fotografie incorniciate di leader separatisti uccisi. Ora, un ritratto di Hardeep Singh Nijjar, che tiene in mano la simbolica spada ricurva degli uomini devoti, è stato aggiunto a un muro con quattro puntine da disegno, ancora senza cornice.

Nijjar è stato ucciso a colpi di arma da fuoco fuori dal tempio a giugno, un omicidio che il Canada ha accusato l’India di aver orchestrato, dando inizio a una scaramuccia diplomatica culminata in una guerra di parole tra i due paesi.

Nijjar aveva assunto la guida del tempio nel 2019 e la sua ascesa ha indirizzato il tempio in una direzione molto più stridente e politica, suscitando molto probabilmente i sospetti dell’India, che l’anno successivo lo ha etichettato come terrorista.

Lunedì il primo ministro Justin Trudeau ha dichiarato che agenti del governo indiano hanno eseguito l'esecuzione di Nijjar sul suolo canadese. Il governo indiano, che da tempo accusa il Canada di ospitare estremisti sikh, ha negato fermamente l’accusa. Le accuse di Trudeau, fatte finora senza la presentazione di prove, hanno portato all'espulsione di diplomatici di alto livello.

Trudeau, che giovedì era a New York per l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha detto ai redattori e ai reporter del New York Times che non poteva parlare delle prove dietro le sue accuse.

"Non stiamo cercando di provocare", ha detto. "Ma quando abbiamo ragioni credibili per credere che ciò sia accaduto, non possiamo ignorarlo."

Il tempio è il più antico, il più grande e il più influente di Surrey, la città della Columbia Britannica che è l'epicentro della grande diaspora Sikh canadese. Un tempo, quando i suoi leader erano amichevoli con l'India, era una tappa regolare per i funzionari indiani in visita.

I separatisti hanno preso il controllo della leadership del tempio nel 2008, ma sono rimasti in gran parte silenziosi riguardo all’aspetto più difficile del separatismo sikh: la critica allo stato indiano.

La situazione è cambiata sotto la guida di Nijjar.

"La differenza è stata quanto il signor Nijjar fosse schietto nel denunciare lo stato indiano", ha detto Gurkeerat Singh, 30 anni, stretto collaboratore di Nijjar e membro del tempio da sempre. "Era molto schietto, impenitente. Ogni settimana saliva sul palco e faceva di questo la questione principale di ciò che sta accadendo ai nostri giovani in Punjab e di ciò che lo stato indiano ha commesso contro di noi".

Il tempio, che occupa diversi isolati, è uno dei punti focali più visibili della vita sikh a Surrey, insieme a un vasto centro commerciale all'aperto, il Payal Business Center, a un paio di chilometri di distanza.

Il modo in cui è diventata un'esplicita sostenitrice del separatismo riflette l'evoluzione della comunità Sikh in Canada - la più grande al di fuori dell'India - e l'emergere politico degli immigrati di seconda generazione, i figli dei Sikh fuggiti in Canada dopo le violenze in India negli anni '80, secondo quanto dicono gli esperti.

È difficile valutare quale percentuale della popolazione sikh canadese sostenga il separatismo sostenuto da Nijjar e che ha alimentato la sua ascesa, dicono gli esperti, ma i segni di questo separatismo sono espressi in modo più evidente che in passato, ad esempio nel referendum per un paese indipendente. stato del Khalistan che Nijjar e altri leader hanno organizzato nelle comunità della diaspora Sikh in tutto il mondo.

"Ora c'è un sostegno più visibile, fisico e tangibile per il Khalistan", ha detto Indira Prahst, sociologa del Langara College di Vancouver. "È più evidente."

Indipendentemente dall’ampiezza del movimento, il governo indiano considerava Nijjar una minaccia. Lo ha dichiarato terrorista nel 2020, accusandolo di aver pianificato un attacco in India e di guidare un gruppo terroristico.

Per i sostenitori di Nijjar, le accuse erano semplicemente un modo per screditare una figura ispiratrice che stava radunando i sikh attorno all'obiettivo dell'autodeterminazione e lottando per i loro diritti.

Nijjar, che aveva 45 anni quando è stato ucciso, era un adolescente quando arrivò in Canada nel 1997 dopo anni di violenza mortale tra i sikh e il governo indiano.

Nel 1984, i soldati indiani occuparono uno dei luoghi di culto sikh più sacri dell’India, il Tempio d’Oro, per allontanare i militanti dopo che i separatisti sikh avevano commesso massacri di indù nel Punjab, lo stato in cui i sikh sono la maggioranza. Centinaia di sikh furono uccisi e altre migliaia furono uccise anche dopo che il primo ministro dell'epoca, Indira Gandhi, fu assassinato dalle sue due guardie del corpo sikh.

Nijjar ha raccontato alla sua famiglia di uomini sikh che, temendo di essere presi di mira, hanno dovuto togliersi i turbanti e di amici scomparsi, ha detto in un'intervista suo figlio Balraj Singh Nijjar, 21 anni.

"Mi ha anche raccontato di come è stato torturato in India durante la sua adolescenza e di come ciò lo abbia lasciato sofferente fino ad oggi", ha detto il figlio.

Quando Hardeep Nijjar arrivò nel 1997, il tempio Guru Nanak Sikh Gurdwara esisteva da circa due decenni. Fondato per la prima volta in una casa a Delta, una città a circa 10 miglia a sud-ovest del Surrey, è stato costruito nella sua posizione attuale alla fine degli anni '70 da una piccola comunità Sikh composta principalmente da immigrati della classe operaia emigrati in Canada nei decenni precedenti. Shinder Purewal, esperto di nazionalismo sikh presso la Kwantlen Polytechnic University a Surrey.

"La maggior parte di loro erano sikh moderati, non molto praticanti e piuttosto integrati nella società canadese", ha detto Purewal, che frequenta il tempio sin da quando è stato ospitato in una casa. "Tipi secolari che andavano al tempio più per ragioni culturali che religiose."

Ma l’arrivo in massa dei sikh dopo le violenze degli anni ’80 ha cambiato le dinamiche in questo tempio e in altri che furono aperti nella regione, contrapponendo gli arrivi più anziani che tendevano a promuovere legami amichevoli con il consolato indiano e i nuovi arrivati che vedevano il governo indiano come il loro nemico giurato. .

"Negli anni '90 e 2000, ci sono state molte scaramucce nei templi tra quelli che definireste moderati e fondamentalisti", ha detto Satwinder Bains, un esperto della comunità sikh presso l'Università della Fraser Valley, aggiungendo che i leader dei templi erano eletti regolarmente dai membri .

Nel 2008, i separatisti che difendevano la patria del Khalistan presero il controllo del tempio Guru Nanak Sikh Gurdwara. Oggi, nel Surrey, dove più di un quarto della popolazione della città si identifica come Sikh, tre templi su una dozzina sono apertamente separatisti, mentre il resto rimane per lo più neutrale, ha detto Purewal.

Il movimento separatista è diventato più visibile con l'emergere della seconda generazione di sikh canadesi che hanno sentito storie di violenza negli anni '80 da genitori e nonni, ha affermato il sociologo Prahst.

"I membri della seconda generazione ora sentono di più su ciò che è accaduto in India nel 1984, e questo tocca una corda molto profonda nei loro cuori, nella loro psiche e nella loro identità", ha detto Prahst.

Singh, il trentenne vicino a Nijjar, è nato e cresciuto nella Columbia Britannica. È diventato politicamente consapevole dopo aver ascoltato le storie dei suoi nonni, ha detto.

"I nostri genitori sono della prima generazione e ci hanno reso finanziariamente stabili", ha spiegato Singh. "Quindi siamo in grado di uscire allo scoperto e parlare di questi problemi."

I critici sostengono che il movimento separatista è in gran parte un prodotto delle comunità della diaspora e ora ha poca risonanza tra i sikh in India. I separatisti sostengono che i sikh in India hanno semplicemente troppa paura per parlare.

Nel tempio Guru Nanak Sikh Gurdwara, i fedeli, compresi i nuovi arrivati, hanno espresso una varietà di opinioni sul movimento separatista.

Prabhjot Kaur, 30 anni, arrivata nel Surrey alcuni mesi fa per studiare gestione aziendale e intenzionata a tornare in India per lavorare, ha detto che veniva al tempio più volte alla settimana per motivi religiosi e non credeva che uno stato sikh indipendente fosse fattibile.

"Chi investirà in un tale stato?" Ha detto Kaur, ma ha aggiunto che l'uccisione di Nijjar era inaccettabile.

Un memoriale è stato eretto nel parcheggio del tempio, dove Nijjar è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da due uomini robusti mentre guidava il suo camioncino lo scorso giugno. Un cartello lo descrive come il primo martire del movimento Khalistan in Canada.

Nijjar stava tornando a casa dal tempio, dove aveva raccontato ai fedeli i suoi timori di essere preso di mira dall'India. Nel suo pick-up, ha chiamato sua moglie, che lo ha messo in vivavoce, ha richiamato suo figlio Balraj.

"Cosa c'è per cena?" ha chiesto Nijjar che, a seconda della risposta, a volte ordinava cibo da asporto, ha detto suo figlio.

Ma era la festa del papà e i suoi preferiti, incluso un dolce chiamato seviyan, lo stavano aspettando a casa.

"È diventato ancora più felice", ha detto il figlio, "e ci ha detto: 'Tenetelo al caldo. Vengo proprio adesso'".

(Fonte: The New York Times - Norimitsu Onishi: Foto: The Pangean)