Gli asiatici accettano la diversità culturale delle religioni, afferma un sondaggio

Condividi l'articolo sui canali social

Le persone condividono credenze religiose che attraversano i confini confessionali e pregano gli dei di fedi diverse. Ne riferisce UcaNews.

La maggior parte delle persone nei paesi del Sud e Sud-Est asiatico sono tolleranti verso la diversità religiosa e considerano i gruppi religiosi minoritari compatibili con la cultura e i valori nazionali, afferma l’ultimo sondaggio Pew.

Tutti i principali gruppi religiosi della regione hanno espresso “una generale accettazione della diversità religiosa”, afferma il rapporto del sondaggio pubblicato dal Pew Research Center il 12 settembre. La ricerca ha intervistato persone in tre nazioni a maggioranza buddista – Sri Lanka, Thailandia e Cambogia – e due paesi a maggioranza musulmana – Indonesia e Malesia – oltre alla multireligiosa Singapore.

In tutti e sei i paesi, la maggioranza accetta le persone di altre religioni, pur essendo minoranze religiose, come parte della propria cultura e dei propri valori nazionali, e non esprime un sentimento negativo nei confronti della diversità religiosa, afferma il rapporto del sondaggio.

Ad esempio, in Sri Lanka, il 68% degli intervistati ha affermato che il cristianesimo e l’induismo sono compatibili con la cultura e i valori dello Sri Lanka, nonostante i buddisti costituiscano il 70% dei 22 milioni di abitanti. Nella Malesia a maggioranza musulmana, il 67% afferma che il buddismo è compatibile con la cultura e i valori malesi.

Le persone in tutte e sei le nazioni hanno trovato il cristianesimo compatibile con la loro cultura nazionale, ma a vari livelli. Meno della metà delle persone (44%) in Cambogia ritiene che il cristianesimo sia compatibile con la loro cultura. Ma più persone in Indonesia (60%), Malesia (65%), Sri Lanka (68%) e Tailandia (73%) trovano il cristianesimo compatibile con la loro cultura nazionale. La stragrande maggioranza a Singapore (89%) ritiene che la cultura cristiana sia compatibile con la cultura nazionale.

Accettata la diversità religiosa

Alla domanda se la diversità religiosa renda il loro Paese “un posto migliore in cui vivere”, la maggior parte delle persone ha concordato o ha risposto che non ha importanza. Le persone che affermano che la diversità religiosa rende il loro Paese un posto migliore, e coloro che affermano che non ha importanza, insieme costituiscono più del 90%.

Solo poche persone hanno parlato negativamente della diversità religiosa. Solo il 4% di Singapore e della Malesia ritiene che la diversità religiosa renda il loro Paese “il posto peggiore in cui vivere”. Il 6% di Indonesia e Sri Lanka hanno espresso tale sentimento negativo, ma più persone hanno espresso tale sentimento in Tailandia (11%) e Cambogia (12%).

Le persone appartenenti a tutti i principali gruppi religiosi di questi paesi hanno affermato che sarebbero “disposte ad accettare membri di diverse comunità religiose come vicini”. Nello Sri Lanka gli indù sono accettati come vicini da circa l’81% dei buddisti. Allo stesso modo, circa l’85% degli indù ha affermato di provare la stessa cosa nei confronti dei buddisti.

L'indagine ha anche rivelato che le persone con livelli di istruzione più elevati hanno maggiori probabilità di accettare vicini di altre religioni. Ad esempio, circa l’80% degli indonesiani con almeno un livello di istruzione secondaria ha dichiarato che accetterebbe come vicini di casa i praticanti delle religioni tradizionali cinesi, rispetto al 55% degli indonesiani con un livello di istruzione inferiore.

Preghiere ad altri dei

Inoltre, secondo il sondaggio, gli uomini sono più propensi ad accettare membri di altre religioni come vicini rispetto alle donne. Anche i gruppi religiosi nella regione hanno mostrato “segni di credenze e pratiche religiose condivise al di là dei confini religiosi”. “Una considerevole maggioranza in quasi tutte le grandi comunità religiose di tutti e sei i paesi affermano che il karma esiste, anche se la fede in esso non è tradizionalmente associata a tutti i gruppi religiosi esaminati”, afferma il rapporto. Il karma, generalmente associato all'Induismo, si riferisce all'idea che le persone trarranno beneficio o soffriranno a seconda delle loro azioni buone o cattive, spesso nelle vite future.

Un’altra scoperta significativa è stata il fatto che molte persone offrono il loro rispetto a divinità o figure fondatrici che non sono tradizionalmente considerate parte della loro religione. Nello Sri Lanka, gli indù (66%) pregano Gesù Cristo, i musulmani (62%) e i cristiani (48%) dicono di pregare la divinità indù Ganesh, considerata colui che rimuove gli ostacoli.

(Fonte: UcaNews - Foto: Pexels/Chibili Mugala)