India: card. Ferrao, le elezioni prima del pellegrinaggio, il voto "dovere sacro"

Condividi l'articolo sui canali social

L'arcivescovo di Goa ha rivolto un invito ai cattolici a rinunciare a prendere il treno settimanale per il santuario mariano di Velankanni il 6 maggio per non saltare l'appuntamento con le urne fissato in questa zona dell'India per il giorno successivo. Sulla scelta dei candidati il porporato sottolinea l'importanza di votare “persone con credenziali laiche, che si impegnano veramente a lavorare per il bene di tutto il popolo”. Ne riferisce da Delhi Nirmala Carvalho per AsiaNews.

Un “dovere sacro” e una “responsabilità civica” sono le parole con cui il card. Filipe Neri Ferrao, arcivescovo di Goa e Daman, si è rivolto in queste ore ai fedeli invitandoli - come fatto la scorsa settimana da altri leader cristiani - a recarsi alle urne per le elezioni. Una maratona elettorale che, in poco meno di due mesi, porterà il Paese a scegliere i futuri rappresentanti in Parlamento e il prossimo governo in previsione della quale il porporato aggiunge un altro, inusuale appello: non prendere il 6 maggio il treno per il pellegrinaggio al santuario mariano di Velankanni - che ha un’unica corsa settimanale ogni lunedì - perché c'è il rischio di non riuscire a rientrare in tempo per votare.

In una nota pubblicata in previsione della tornata elettorale che nello Stato affacciato sulla costa è in programma il 7 maggio e designerà due rappresentanti al Lok Sabha, l’arcivescovo di Goa e Daman si rivolge ai cittadini, in particolare ai cattolici, invitandoli a compiere il loro dovere. Inoltre, il cardinale ha chiesto a sacerdoti, preti, religiosi, cappellani e superiori degli istituti religiosi - maschili e femminili - di promuovere iniziative di preghiera speciali il 3 e il 5 maggio per il buon esito del voto.

All’elettorato cattolico, il card. Filipe Neri Cardinal Ferrao chiede di votare per “persone con credenziali laiche, che si impegnano veramente a lavorare per il bene di tutto il popolo e a sostenere i valori sanciti dalla nostra Costituzione”. Oltre all’invito alle urne e alle indicazioni sui “valori” dei candidati, il porporato ha esortato i fedeli - per una volta - a concentrarsi sui doveri civili, evitando di recarsi in treno a Velankanni, importante luogo di pellegrinaggio cristiano nel Tamil Nadu, il giorno precedente il voto.

La questione del pellegrinaggio è un tema sensibile per l’arcivescovo di Goa, importante centro dell’India dove i cattolici costituiscono il 25% circa della popolazione. Centinaia di persone, cristiani ma anche fedeli di altre religioni, utilizzano il treno settimanale che collega Vasco da Gama e Velankanni (nel Tamil Nadu) per recarsi in visita alla basilica di “Nostra Signora della Buona Salute”, cuore della devozione mariana locale.

Il card. Ferrao ricorda che “ogni lunedì vi è un treno da Goa a Velankanni, che parte dalla stazione di Margao alle 9.35 del mattino”. ”Faccio un accorato appello ai cattolici - prosegue - affinché si astengano dal prendere quel treno lunedì 6 maggio e prenotino invece il loro viaggio per un altro lunedì”. E a quanti hanno già riservato il viaggio, il porporato dice che “vale la pena perdere qualche soldo” a titolo di spesa per la cancellazione “per il bene comune e per il sacro dovere di esercitare il proprio diritto di voto nel giorno delle elezioni”.

Le parole dell’arcivescovo giungono all’indomani di alcune notizie rilanciate sui media che parlavano di una “cospirazione” da parte di alcuni partiti politici per evitare, o quantomeno ostacolare il voto dei cattolici che costituiscono una percentuale significativa nel sud di Goa. Al riguardo, il pellegrinaggio è sembrato ai più il “pretesto” usato per non far votare i cristiani. Da qui le parole del card. Ferrao, che sembrano chiudere la questione: “È chiaro che i cattolici che si spostano con famiglia e amici per una vacanza o per un pellegrinaggio nel giorno delle elezioni […] non solo causerebbero un disservizio alla nazione, ma mancherebbero anche gravemente alla loro importante responsabilità civica”.

(Questo articolo di Nirmala Carvalho è stato pubblicato sul sito di AsiaNews, al quale rimandiamo; Photo Credits: ANS-Agenzia iNfo Salesiana)