Vescovo pro-Pechino sostiene la “sinicizzazione della religione” in Cina

Condividi l'articolo sui canali social

Questa politica è cruciale per la sopravvivenza e lo sviluppo della Chiesa cattolica in Cina, afferma mons. Shen Bin. Ne riferisce UcaNews.

Un alto dirigente della Chiesa cattolica in Cina, riconosciuta dallo Stato, ha invitato i cattolici a sostenere e portare avanti la controversa politica del governo comunista di “sinicizzazione della religione"” (o "sinicizzazione", ndr)", si legge in un rapporto.

I cattolici cinesi devono sostenere la sinicizzazione della religione da parte dello Stato per la sopravvivenza e lo sviluppo della Chiesa, ha affermato in una recente intervista il vescovo Joseph Shen Bin di Shanghai, presidente della Conferenza episcopale della Chiesa cattolica in Cina (BCCCC), secondo quanto riportato da ChinaAid. l'8 novembre.

Dal punto di vista accademico, secondo il Movimento di Losanna, la sinicizzazione della religione si riferisce all'indigenizzazione della fede, della pratica e dei rituali religiosi nella cultura e nella società cinese.

Tuttavia, la sinicizzazione promossa dal Partito Comunista Cinese (PCC) è un’ideologia profondamente politica che mira a imporre regole rigide alle società e alle istituzioni basate sui valori fondamentali del socialismo, dell’autonomia e del sostegno alla leadership del partito.

“La sinicizzazione è una questione direzionale: un segnale e una direzione per adattarsi alla società socialista, nonché una regola intrinseca e un requisito fondamentale per la sopravvivenza e lo sviluppo della Chiesa cattolica nella stessa Cina”, ha detto Shen all’agenzia di stampa statale China News Service in ottobre.

“Sinicizzazione non significa cambiare le credenze religiose, ma adattarsi e integrarsi meglio nella società; partendo dal servire il Paese in una prospettiva più ampia, al servizio alla missione di evangelizzazione pastorale della Chiesa e al portare avanti con fermezza la sinicizzazione”, ha affermato.

Shen, vicepresidente dell’Associazione patriottica cattolica cinese (CCPA), controllata dallo Stato, ha inoltre affermato che la Chiesa cattolica cinese, rappresentata da “Una associazione, una conferenza”, ha sempre insistito nel fornire istruzione e guida ai membri del clero e ai credenti per migliorare la loro identificazione politica con la società cinese contemporanea.

E rafforzare continuamente l’educazione ideologica e politica centrata sul patriottismo, che è la base per aderire alla direzione della sinicizzazione, ha aggiunto.

Shen Bin propone tre aspetti per promuovere la sinicizzazione del cattolicesimo: rafforzamento dell’educazione ideologica e politica, governo completo e rigoroso della Chiesa e rafforzamento dell’apprendimento e della comunicazione, afferma il rapporto.

Interpretare la dottrina cattolica nel contesto della sinicizzazione è cruciale, ha affermato.

“Ciò significa fornire le spiegazioni dei classici teologici, delle dottrine e dei canoni che si allineano con i requisiti dei valori fondamentali socialisti. Attraverso l’infusione culturale, la Chiesa incorpora elementi e caratteristiche della cultura cinese nella liturgia, nell’architettura, nelle arti e altro ancora; con l’obiettivo di stabilire un quadro teologico cattolico con caratteristiche cinesi, che possa essere utilizzato come guida per mettere in pratica la sinicizzazione del cattolicesimo”, ha spiegato.

Ha sottolineato che i cattolici stanno cercando di incorporare la musica tradizionale cinese negli inni ecclesiastici di nuova composizione, elementi dell'architettura tradizionale cinese nelle chiese di nuova costruzione e così via.

Portare avanti con fermezza la pratica della sinicizzazione della religione è essenziale per rendere la Chiesa cattolica cinese un fattore armonioso e una forza positiva nella modernizzazione del socialismo, ha aggiunto.

Gli osservatori affermano che la dichiarazione del vescovo Shen sulla sinicizzazione è “di natura politica, in linea con la dichiarazione politica ufficiale del governo”.

Shen, 53 anni, è noto da tempo per la sua fedeltà alla leadership del PCC. È tra i leader ecclesiastici di alto rango che promuovono la politica di “amare il Paese e la Chiesa”.

È membro del Comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (CPPCC), un organo consultivo politico del PCC.

Nato a Qidong nel 1970 da una famiglia cattolica, è stato ordinato sacerdote nel 1996.

È stato ordinato vescovo della diocesi di Haimen nel 2010 ed è stato riconosciuto sia dal governo che dal Vaticano.

Ad aprile, Shen è stato trasferito unilateralmente alla diocesi di Shanghai, una mossa che il Vaticano ha denunciato come una violazione dell’accordo sino-vaticano del 2018.

Papa Francesco ha poi approvato il trasferimento e il suo insediamento a vescovo della più grande diocesi della Cina.

La Cina ruppe i rapporti diplomatici formali con il Vaticano nel 1951 in seguito alla presa del potere da parte dei comunisti. I milioni di cattolici della nazione sono divisi in Chiese gestite dallo Stato e Chiese allineate al Vaticano.

L’accordo segreto del 2018, rinnovato due volte nel 2020 e nel 2022, mirava a nominare vescovi in Cina con l’approvazione sia del Vaticano che di Pechino. Da allora sono stati ordinati diversi vescovi con l'approvazione di entrambe le parti.

I critici dell’accordo lo hanno definito “un tradimento” nei confronti dei cattolici cinesi che sono rimasti fedeli al Papa nonostante l’epurazione statale.

Gruppi per i diritti umani hanno accusato il regime comunista di una rinnovata repressione per smantellare la chiesa indipendente da quando è stato firmato l’accordo.

(Fonte: UcaNews; Foto: Mondo e Missione)