La Commissione Usa sulla libertà religiosa accusa Mosca di violazioni nella Federazione Russa e in Ucraina

Condividi l'articolo sui canali social

Tra Cielo e Terra, nella sua opera di condivisione e informazione, pubblica oggi due documenti di particolare rilevanza: i due Rapporti della Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale riguardanti le violazioni perpetrate dalla Federazione Russa sia nel proprio territorio che in Ucraina. La Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale (USCIRF) è un'entità governativa federale bipartisan e indipendente istituita dal Congresso degli Stati Uniti per monitorare, analizzare e riferire sulla libertà religiosa all'estero. L'USCIRF formula raccomandazioni di politica estera al Presidente, al Segretario di Stato e al Congresso intese a scoraggiare la persecuzione religiosa e promuovere la libertà di religione e di credo. Qui di seguito il comunicato sulla pubblicazione dei due rapporti. A parte pubblichiamo integralmente, in una nostra traduzione, i due documenti. Buona lettura.

Washington, DC – La Commissione degli Stati Uniti per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) ha pubblicato in questi giorni i seguenti nuovi rapporti sulle condizioni della libertà religiosa nella Federazione Russa e sulle violazioni della libertà religiosa da parte della Russia in Ucraina.

Aggiornamento sulla Federazione Russa

Da quando il presidente Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione militare su vasta scala dell'Ucraina il 24 febbraio 2022, le autorità russe hanno continuato ad attaccare e perseguitare sistematicamente le comunità delle minoranze religiose all'interno della Federazione Russa, lanciando contemporaneamente la più grande repressione dei civili indipendenti società da decenni. Questo aggiornamento nazionale fornisce una panoramica delle condizioni della libertà religiosa in Russia dopo la sua recente invasione dell'Ucraina. Discute l'uso da parte del governo russo di una legislazione vaga e problematica per opprimere le comunità religiose e multare e incarcerare i membri per le loro pacifiche attività religiose. Sottolinea inoltre gli sforzi russi per sopprimere le organizzazioni per i diritti umani, i media indipendenti e i dissidenti, compresi coloro che documentano le violazioni della libertà religiosa e protestano pacificamente contro l'invasione russa dell'Ucraina usando un linguaggio religioso.

Violazioni della libertà religiosa della Russia in Ucraina

Per quasi dieci anni, la Federazione Russa, attraverso le sue forze militari e per procura, ha commesso gravi violazioni della libertà religiosa in Ucraina. In seguito all'annessione illegale della Crimea da parte della Russia nel 2014, le autorità ivi installate dalla Russia e nel Donbass hanno applicato leggi russe repressive che limitano gravemente la libertà religiosa e prendono di mira le minoranze religiose. Da quando la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell'Ucraina nel febbraio 2022, le forze militari russe hanno spesso danneggiato e distrutto edifici religiosi e altri siti e ucciso o ferito coloro che si rifugiavano o pregavano in questi luoghi. Nelle aree sotto il controllo russo, le autorità de facto hanno rapito e torturato leader religiosi e applicato gli stessi meccanismi legali russi repressivi imposti in Crimea e nel Donbass. Inoltre, il discorso ufficiale dello stato russo che giustifica e sostiene la guerra è spesso ricorso alla retorica che demonizza gli ebrei, distorce l'Olocausto, denigra i gruppi religiosi "non tradizionali" e la comunità LGBTQI+ e caratterizza la guerra di aggressione non provocata della Russia in Ucraina come giustificata sulla base della religione . Questo aggiornamento su tale problema evidenzia le violazioni della libertà religiosa della Russia in tutta l'Ucraina a seguito della sua invasione del 2022.

Nel suo rapporto annuale 2023, l'USCIRF ha raccomandato al governo degli Stati Uniti di ridefinire la Russia come "Paese di particolare interesse", o CPC, per aver commesso violazioni sistematiche, continue ed eclatanti della libertà religiosa. Nel novembre 2022, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rinominato la Russia come CPC. Nel marzo di quest'anno, l'USCIRF ha tenuto un'udienza sulle violazioni della libertà religiosa da parte della Russia in Ucraina e in Russia dopo l'invasione dell'Ucraina nel 2022.

(Fonte: U.S. Commission on international religious freedom)