I leader della Chiesa accolgono con favore il progresso politico nell’Irlanda del Nord

Condividi l'articolo sui canali social

Oggi, 2 febbraio, il Gruppo dei leader della Chiesa (Irlanda) ha accolto con favore l’atteso ripristino del governo decentrato nell’Irlanda del Nord e ha riconosciuto le sfide nel raggiungere gli accomodamenti necessari affinché ciò possa avvenire.

In una dichiarazione congiunta, i leader della Chiesa d’Irlanda, della Chiesa cattolica, delle Chiese presbiteriana e metodista in Irlanda e del Consiglio irlandese delle Chiese hanno affermato: “Come leader della Chiesa abbiamo costantemente chiesto al governo del Regno Unito di adottare tutte le misure necessarie per facilitare il ripristino del buon governo nell’Irlanda del Nord e il ritorno di istituzioni decentralizzate, pienamente funzionanti e dotate di risorse, enti nord-sud ed est-ovest”.

“Mentre vengono compiuti i passi finali che dovrebbero portare al gradito ripristino del governo decentrato, è importante riconoscere che il governo non è mai semplicemente un fine in sé, ma piuttosto un mezzo per raggiungere un fine. Un Esecutivo e un’Assemblea ricostituiti sono i primi e importanti passi verso il ristabilimento della speranza e di una visione per il futuro. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo occorrerà impegnarsi a concentrarsi sul bene comune. Significherà dare priorità ai bisogni dei nostri concittadini più vulnerabili ed emarginati. E ciò significherà a volte prendere le decisioni difficili, attese da tempo, necessarie per trasformare i nostri servizi pubblici, molti dei quali sono vicini al punto di rottura”.

I leader della Chiesa hanno continuato: “Il governo in partenariato sarà quasi sempre impegnativo, ma nella migliore delle ipotesi può essere molto più della somma delle sue parti collettive. Può essere lo strumento per costruire insieme un futuro migliore e più sicuro per tutti i nostri concittadini, affrontando e risolvendo i problemi e cogliendo le nuove opportunità che si aprono”.

“Nel novembre 2023 ci siamo incontrati separatamente con ciascuno dei principali partiti politici dell’Irlanda del Nord e le discussioni sono state positive e costruttive. Ciascun partito ha espresso il desiderio e la volontà di fare un passo avanti e svolgere il proprio ruolo nelle istituzioni restaurate, se solo si potesse superare la sfida di ripristinare la devoluzione. Ci stiamo avvicinando a quel momento”.

I leader della Chiesa hanno concluso: “Mentre in questi prossimi giorni i nostri partiti politici cercano di andare avanti insieme, agendo per il bene comune e governando per tutti, lo fanno con il sostegno e le preghiere di molti nella nostra società, noi compresi”.

La dichiarazione, diffusa dalla Conferenza episcopale irlandese, è firmata da:

Arcivescovo Eamon Martin
Arcivescovo cattolico di Armagh e Primate di tutta l’Irlanda

Arcivescovo John McDowell
Arcivescovo di Armagh e Primate di tutta l’Irlanda della Chiesa d’Irlanda

Reverendo dottor Sam Mawhinney
Moderatore della Chiesa Presbiteriana in Irlanda

Reverendo David Turtle
Presidente della Chiesa metodista in Irlanda

Vescovo Andrew Forster
Presidente del Consiglio irlandese delle Chiese

(Fonte: Catholic Communications Office; Foto: Ireland.com)