L'ambasciatore ucraino, "bene gli sforzi della Santa Sede, ma noi vogliamo una pace giusta"

Condividi l'articolo sui canali social

Proponiamo una nostra traduzione dell'intervista rilasciata dall'ambasciatore dell'Ucraina presso la Santa Sede e l'Ordine di Malta, Andrii Yurash, al giornalista Bohdan Bodnaruk, della testata ucraina 'Glavcom'. Si parla della missione di pace del Papa, del possibile viaggio di Francesco a Kiev, ma anche dell'atteggiamento di favore con cui molti in Vaticano guardano alla controparte russa. L'ottica dell'intervista, e anche certi giudizi fuori dai denti espressi dall'intervistatore, sono molto 'ucraini'. Ma il quadro che ne esce chiarisce anche punti di vista dei quali, dopo 15 mesi di aggressione russa, è indispensabile tenere conto.

Il Papa ha avuto un colloquio con il presidente Zelensky. Pensa che ne siano rimasti soddisfatti?

Non ho dubbi che entrambe le parti siano state soddisfatte dell'incontro. Era così ovvio che non c'era bisogno di chiedere. Il fatto stesso del primo colloquio personale ha dato soddisfazione al presidente e al Papa. Nulla può sostituire la comunicazione dal vivo, sia verbale che non verbale. Molte incomprensioni in una relazione possono essere rimosse immediatamente. Ed è stato questo formato di comunicazione che ha portato il massimo risultato. Gli interlocutori erano convinti che esistesse un'opportunità per mantenere ulteriormente un contatto costante. Zelensky e il Papa sono pronti ad ascoltarsi.

Il Papa ha sostenuto la nostra formula per una pace giusta per l'Ucraina?

Il presidente ha fatto ogni sforzo per presentare la sua formula di pace in dettaglio. E non c'è stata reazione negativa alla nostra idea di pace da parte della Santa Sede. Invece, c'era un profondo interesse per la formula. La Capitale apostolica è pronta ad aiutare ad attuare alcuni aspetti della visione ucraina.

Dopo il colloquio in Vaticano è stato del tutto chiaro cosa sia la missione di pace del Papa?

Le iniziative di pace sono molto importanti per l'Ucraina. Vogliamo la pace e la vittoria. Dovrebbe prevalere una pace giusta, che tenga conto dei nostri interessi nazionali. In questo contesto, accogliamo con favore gli sforzi di tutti gli Stati che mirano a questo. Accogliamo con favore gli sforzi del Vaticano per svolgere un ruolo positivo nell'instaurazione della pace postbellica. L'iniziativa di pace vaticana non è ancora stata finalizzata. E l'incontro personale del Papa con il presidente è stato proprio finalizzato a dimostrare che la posizione del nostro Stato deve essere presa in considerazione nella compiuta iniziativa papale di pace.

La missione di pace avviata dal Papa si concentrerà solo sulla soluzione di questioni umanitarie, come lo scambio di prigionieri e il ritorno dei bambini ucraini catturati dai russi, o includerà anche alcuni aspetti politici?

Non possiamo dire nulla con certezza fino a quando non verranno formulate proposte specifiche. Fino ad allora, possiamo solo immaginare come saranno. Posso dire che l'Ucraina vuole che il Vaticano aiuti con lo scambio dei prigionieri e il ritorno dei nostri figli. Il presidente ha prestato particolare attenzione a questo argomento durante la conversazione. Ha citato i 20.000 bambini rapiti dai russi. L'affermazione della giustizia è anche nell'interesse della Chiesa cattolica come autorità morale nel mondo. Il parere della dirigenza cattolica ci aiuterebbe molto in questo. Il settimo punto del piano di pace vaticano recita così: “Ripristino della giustizia”. E non è tutto. Ad esempio, il punto successivo è fermare l'ecocidio. I leader religiosi del Vaticano sono molto attenti ai problemi dell'ecologia. Il paragrafo 10 fa riferimento alla "Conferma della fine della guerra". L'autorità morale può e deve partecipare agli sforzi della comunità internazionale per fissare una vera fine alla guerra. La sicurezza nucleare è altrettanto importante. La Santa Sede è piuttosto preoccupata per il comportamento dei russi in questo senso.

Quanto è durata la preparazione per l'arrivo di Zelenskyj in Vaticano? E in quanto tempo il Papa ha accettato di ricevere il nostro presidente?

Questa domanda è probabilmente la più difficile. Le visite di altissimo livello ora si svolgono a condizioni specifiche. Non credo di poter parlare per tutte le circostanze. Ma risponderò chiaramente alla seconda parte della tua domanda. L'annuncio della possibile visita del capo dello Stato ucraino prima a Roma, e poi in Vaticano, è stato accolto molto positivamente. Letteralmente in pochi minuti abbiamo ricevuto il consenso del Papa per un incontro. Tutti i dipendenti della corte pontificia hanno compiuto sforzi incredibili perché ciò avvenisse nel più breve tempo possibile.

Poche settimane prima, Papa Francesco ha visitato l'Ungheria per incontrare l'odioso vescovo della Chiesa ortodossa russa Hilarion Alfeyev. Perché si sono incontrati e di cosa hanno parlato?

Di questo incontro non si parlava in nessun programma ufficiale, né da parte ungherese né da parte vaticana. Sì, era atteso, va detto. Il metropolita Alfeyev è costantemente a Budapest. Dopo essere stato licenziato lo scorso giugno dall'incarico di capo del Dipartimento per le relazioni interconfessionali esterne del Patriarcato di Mosca, è stato inviato a dirigere i dipartimenti di Budapest e Ungheria della Chiesa ortodossa russa. Mentre era ancora nel suddetto incarico, prima della sua nomina in Ungheria, ha incontrato il Papa diverse decine di volte in varie occasioni. Nel marzo di quest'anno sono trascorsi 10 anni di pontificato. E, di conseguenza, l'intero periodo è stato trascorso in stretta comunicazione, in particolare, con il metropolita Hilarion. Hanno sviluppato un rapporto molto stretto. Lo ha detto personalmente il Papa in un'intervista di ritorno in aereo da Budapest. Arrivato nella capitale ungherese, il Papa ha subito accolto la richiesta di incontro di Hilarion. Hanno parlato per un breve periodo - 20 minuti. Lo rende noto ufficialmente il servizio stampa del Vaticano. Questo incontro va considerato come uno degli episodi di una lunghissima collaborazione tra il Vaticano e la Chiesa russa, oltre che lo Stato russo. Di recente, questa cooperazione è diventata molto difficile. Troppo dopo il rifiuto dello scorso anno di papa Francesco di incontrare il patriarca russo Kirill. Molti, tra l'altro, affermano che è stato il rifiuto del Papa di incontrare Gundyaev a Gerusalemme e l'incapacità di Hilarion di influenzare il Pontefice affinché consentisse questo incontro, a causare il licenziamento di Hilarion dall'incarico che ricopriva prima di trasferirsi in Ungheria. Quindi, l'incontro ungherese tra Francesco e Hilarion non è stato così speciale. Entrambi hanno appena chiacchierato in modo amichevole.

Il Papa continua a credere che la Chiesa ortodossa russa sia una Chiesa e non un ramo dell'FSB? (i servizi segreti russi, ndr)

La tradizione di rappresentare la Russia presso la Santa Sede ha una storia molto, molto lunga, quasi duecento anni. Inizialmente i russi collocarono la loro ambasciata in uno dei migliori palazzi del centro di Roma, che fino al 1870 fu capitale dello Stato Pontificio. Dopo la nascita della Repubblica Italiana nel 1946 e la scomparsa dello Stato Pontificio, la Russia riceveva già due ambasciate: una presso la Repubblica e l'altra presso la Santa Sede. Da quei tempi fino ad oggi, centinaia di ecclesiastici della Chiesa russa hanno avuto l'opportunità di studiare qui. Allo stesso tempo, lavoravano tutti per i dipartimenti sovietici-russi competenti, coprendosi di tonache. La profezia di Fatima sulla Russia ha ancora una notevole influenza sul clero cattolico in Vaticano. Pertanto, non sorprende che un gran numero di sacerdoti qui continui a percepire lo Stato russo come una pecora smarrita e la Chiesa russa, nonostante tutti i suoi numerosi difetti, come un'istituzione religiosa. Il Papa è tra questi romantici.

Quanto è vicino alla Santa Sede l'attuale capo del dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne della Chiesa ortodossa russa, il metropolita Antonij?

Antonij è il successore del già citato metropolita Hilarion. Questa è davvero una persona molto vicina al patriarca Kirill. In precedenza è stato per molti anni vescovo della Chiesa russa in Italia. Ottima conoscenza dell'italiano, ben versato in ciò che sta accadendo in Vaticano. Recentemente è diventato indispensabile come comunicatore ben informato. In realtà appare qui abbastanza spesso. Ha visto il Papa pubblicamente cinque volte dalla sua nomina nel giugno scorso. L'ultima volta che Antonij ha parlato con il Pontefice è stato subito dopo il suo ritorno dall'Ungheria. Non escludo che, oltre a rappresentare puramente la Chiesa russa, l'ufficiale di collegamento appena apparso di Kirill possa svolgere anche determinati compiti dello Stato russo.

Un anno fa il Papa ha definito Kirill "il chierichetto di Putin", eppure anche quest'anno ha chiesto un incontro con lui. Perché?

Ho già detto che in Vaticano esiste da tempo la convinzione della necessità del dialogo con la Chiesa russa. Diverse generazioni di ecclesiastici vaticani sono state cresciute nel paradigma dell'estrema necessità di mantenere un contatto costante con i russi. Dopo l'inizio dell'invasione su vasta scala della Russia in Ucraina, alcuni religiosi locali si sono posti la domanda: come si può continuare ad aderire al principio dell'obbligo del dialogo continuo con gli ecclesiastici russi, quando le loro azioni contraddicono le Sacre Scritture? Il cardinale Kurt Koch è uno di loro. È riuscito a raccontare chiaramente tutto come è realmente. Ma per la maggior parte dei suoi colleghi in Vaticano non è ancora tutto così chiaro. Sono guidati da illusioni, o procedono da considerazioni pragmatiche, o la loro posizione è generalmente imposta artificialmente da qualcuno dall'esterno. Ci sono molte persone simili qui.

L'anno scorso, a Pasqua, si è svolta in Vaticano un'assurda processione con la partecipazione di una donna ucraina e una russa. Quest'anno la situazione si è ripetuta, ma con dei ragazzi – un ucraino di Mariupol e un russo, il cui padre è andato a ucciderci ed è naturalmente morto. Il Papa sapeva di questo fatto nella biografia del ragazzo russo?

Quest'anno, come l'anno scorso, abbiamo reagito rapidamente a questa discrepanza. Di conseguenza, l'anno scorso due donne - un'ucraina e una russa - hanno letto solo il testo del Vangelo in una delle stazioni e basta. A proposito, come si è scoperto in seguito, nessuna di queste due era ucraina o russa. A meno che non sia per il luogo di nascita. Entrambe, infatti, vivono in Italia da circa 20 anni e si sono assimilate da tempo. Quest'anno è stato un po' diverso. Dei due ragazzi, solo uno - un ucraino - ha letto il Vangelo. È vero, all'inizio volevano fare due letture, con la partecipazione di entrambi i giovani, ma abbiamo reagito come si conviene in una situazione del genere. Pertanto, c'era solo una lettura. Un russo non dirà che suo padre è venuto in Ucraina per uccidere i nostri figli insieme ai loro genitori. Non possono essere equiparati l'uno all'altro, perché il padre del ragazzo ucraino sta difendendo la sua patria, e quest'altro (russo) è venuto come aggressore e assassino.

Quando il Pontefice onorerà finalmente l'Ucraina con una visita?

L'invito al Pontefice a visitare Kyiv è costantemente ripetuto. Il presidente lo ha ripetuto ancora durante la sua visita. Allo stesso tempo, la parte ucraina è pronta non solo a garantire la sicurezza, ma anche, comprendendo le specificità della situazione, è pronta ad accogliere la presenza del Papa qui in qualsiasi forma. Non come avviene classicamente quando c'è un viaggio apostolico con solenni funzioni e incontri. Potrebbe invece trattarsi di una sorta di incontro simbolico locale. Sotto forma di presenza e preghiera in quei luoghi che simboleggiassero il sostegno del Papa. Speriamo davvero che la prossima richiesta venga presa in seria considerazione. Ufficialmente, tutto è stato risolto da molto tempo. Resta solo da attendere il consenso dello stesso Pontefice. Quando ho l'opportunità di parlargli, ripeto che credo che un giorno si sveglierà e dirà: "in sogno ho ricevuto un segno da Dio e ho deciso di andare in Ucraina".

(Fonte: Glavcom - Bohdan Bodnaruk; Foto: Vatican Media)