Coloni israeliani strappano il Corano e vandalizzano una moschea in Cisgiordania durante un attacco

Condividi l'articolo sui canali social

Un filmato appena pubblicato mostra coloni israeliani mascherati, accompagnati da un cane, che fanno a pezzi un Corano rubato da una moschea nel villaggio di Urif in Cisgiordania durante un attacco mercoledì. Il ministro egiziano afferma che l'attacco "sradica ogni possibilità di convivenza". Ne riferisce il quotidiano israeliano Haaretz.

Il filmato pubblicato giovedì su Twitter mostra i coloni israeliani che vandalizzano una moschea della Cisgiordania nel villaggio palestinese di Urif durante un assalto il giorno precedente. I coloni mascherati, accompagnati da un cane, vengono visti lasciare la moschea; uno di loro fa a pezzi un Corano nella strada fuori dalla moschea. "Gli assalti dei coloni continuano senza alcuno sforzo da parte dell'esercito per fermarli", ha detto l'organizzazione israeliana per i diritti umani Yesh Din. "Il filmato scioccante dimostra che l'unico scopo dei coloni è quello di incitare una rivolta commettendo pogrom organizzati".

Durante l'attacco, i coloni hanno anche appiccato il fuoco a una scuola e tentato di incendiare anche le case e la moschea, hanno detto i residenti, indicando che i coloni erano entrati nel villaggio dalla direzione dell'insediamento di Yitzhar. I due aggressori che martedì hanno effettuato una sparatoria terroristica nell'insediamento di Eli, uccidendo quattro israeliani, vivevano nel villaggio.

Oltre alla furia di Urif mercoledì, decine di coloni ebrei, alcuni armati, hanno dato fuoco a case e veicoli nella città di Turmus Ayya, in Cisgiordania, mercoledì, hanno riferito fonti della sicurezza israeliana. Dopo l'attacco a Turmus Ayya, sono scoppiati scontri fra forze di sicurezza e palestinesi. Il ministero della Sanità palestinese ha annunciato che una persona, il 27enne Omar Ketin, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco.

Giovedì scorso, l'ambasciatore degli Stati Uniti in Israele Tom Nides ha condannato le ultime rivolte dei coloni in Cisgiordania, affermando che Washington non starebbe a guardare la violenza dei coloni degli ultimi giorni. Ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno incoraggiando Israele e le sue agenzie di sicurezza a prendere le misure necessarie per prevenire tali incidenti violenti.

Giovedì, anche il ministero degli Esteri turco ha condannato la furia dei coloni a Urif. "Condanniamo l'attacco perpetrato da un gruppo di coloni ebrei al nostro libro sacro, il Corano, entrando in una moschea nella città di Urif, situata nei territori palestinesi sotto occupazione israeliana", si legge nel comunicato. "Ci aspettiamo che gli autori di questo inaccettabile crimine d'odio siano assicurati alla giustizia il prima possibile.

Alle dichiarazioni di condanna si è aggiunto il ministro egiziano per le questioni religiose Mohamed Mokhtar Gomaa, affermando venerdì che l'attentato “è fonte di terrorismo, estremismo e razzismo che sradica ogni possibilità di convivenza, e mina violentemente la libertà religiosa di culto nella sicurezza e nella pace ."

Il direttore dell'Anti-Defamation League Jonathan Greenblatt ha denunciato "l'atto di dissacrazione dei testi sacri" come "vergognoso". "Condanniamo questi atti dei coloni ebrei estremisti a Urif, la città natale dei due terroristi palestinesi responsabili dell'attacco mortale di domenica. Il terrore deve essere fermato e non può mai essere scusato, ma la violenza dei vigilanti non è accettabile", ha affermato.

(Fonte: Haaretz - Jack Khoury; Foto d'archivio)