Delusioni mortali: cinque verità sul conflitto israelo-palestinese

Condividi l'articolo sui canali social

Gli eventi degli ultimi tre mesi servono a ricordare dolorosamente che le verità sul conflitto israelo-palestinese non svaniscono semplicemente perché vengono ignorate. Il riconoscimento della realtà del conflitto è necessario per evitare ulteriori ripetizioni di violenza e per intraprendere passi verso una risoluzione che riduca al minimo le future uccisioni. Ne parla sulla World Politics Review Amir Asmar, dirigente senior e analista di lunga data del Medio Oriente presso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Le dichiarazioni di fatti, opinioni o analisi espresse in questo articolo sono strettamente dell’autore e non riflettono la politica o la posizione ufficiale del Dipartimento della Difesa o del governo degli Stati Uniti. La revisione del materiale non implica l'approvazione da parte del Dipartimento della Difesa o del governo degli Stati Uniti dell'accuratezza dei fatti o delle opinioni.

Nei due decenni precedenti l’attacco di Hamas del 7 ottobre, gli israeliani si erano compiaciuti della vulnerabilità del Paese alla violenza su larga scala da parte dei palestinesi. In assenza di una minaccia significativa, hanno relegato i negoziati per una risoluzione del conflitto con i palestinesi in sordina o peggio. Molti, in particolare nella destra israeliana, hanno promosso la narrazione secondo cui non esisteva un partner palestinese per i negoziati di pace, nonostante il fatto che ciò fosse palesemente falso in molti momenti in quel periodo. Alcuni si erano addirittura convinti che un accordo con i palestinesi non fosse più necessario.

L’attacco del 7 ottobre ha posto fine a quelle illusioni. Da allora, l’ultimo capitolo della guerra tra palestinesi e israeliani ha portato a migliaia di morti, per lo più civili da entrambe le parti, con molte probabilità in più finché il conflitto continua.

Gli eventi degli ultimi tre mesi servono a ricordare dolorosamente che le verità di questo conflitto non svaniscono semplicemente perché vengono ignorate. Il riconoscimento della realtà del conflitto è necessario per evitare un’ulteriore ripetizione della violenza, in particolare contro i civili, e per compiere passi concreti verso una soluzione che riduca al minimo le future uccisioni. Cinque verità, in particolare, meritano di essere sottolineate.

Il conflitto israelo-palestinese ha ormai un secolo. Molti resoconti narrativi del conflitto iniziano nel 1948 e pongono l’accento sugli eventi successivi. Altri fanno partire il cronometro negli anni ’90, con la firma degli Accordi di Oslo. Tuttavia, il ciclo di violenza tra palestinesi e immigrati ebrei divenuti successivamente israeliani risale in realtà a un secolo fa. Dopo aver ottenuto il controllo della Palestina nel 1920 come mandato della Società delle Nazioni dopo la prima guerra mondiale, le autorità britanniche iniziarono a promuovere il territorio come sede nazionale ebraica, consentendo anche un’immigrazione ebraica in gran parte illimitata, indipendentemente da come tale politica influenzasse la popolazione araba che già viveva lì. Il conseguente sconvolgimento della vita economica e sociale palestinese scatenò i primi movimenti del nazionalismo palestinese, e sia i laici che gli islamisti parteciparono allo sforzo di opporsi al sionismo e di realizzare uno stato palestinese indipendente.

Le prime rivolte arabo-palestinesi scoppiarono negli anni ’20 per protestare contro gli insediamenti ebrei in Palestina, e si trasformarono in vere e proprie scaramucce negli anni ’30. Uno dei primi attivisti islamici ad agitarsi contro i sionisti fu Izz al-Din al-Qassam, i cui seguaci contribuirono a innescare la rivolta del 1936-1939 contro gli interessi politici ed economici sionisti e britannici. L’ala militare Qassam di Hamas, che ha condotto i brutali attacchi del 7 ottobre nel sud di Israele, porta il suo nome.

Da allora, il conflitto israelo-palestinese è continuato fino ad oggi, e continuerà in futuro in assenza di un processo di pace che consenta a israeliani e palestinesi di coesistere, sia fianco a fianco che isolati gli uni dagli altri. Nel secolo scorso, il conflitto ha visto attacchi terroristici da parte degli ebrei contro gli interessi palestinesi e britannici prima che diventasse uno Stato israeliano; numerosi attacchi terroristici palestinesi contro israeliani e interessi israeliani dentro e fuori la regione nei decenni successivi alla creazione dello Stato israeliano, condotti principalmente da gruppi laici; l’occupazione israeliana nel 1967 dei territori palestinesi – Cisgiordania e Striscia di Gaza – emersi dalla guerra del 1948-1949, con il conseguente dominio da parte di Israele della vita politica ed economica palestinese in essi; Costruzione israeliana di insediamenti, che ora comprendono oltre 700.000 ebrei israeliani in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est; due rivolte palestinesi, la prima nel 1987, da cui emerse Hamas, e poi un'altra particolarmente violenta nel 2000; innumerevoli attacchi terroristici contro civili israeliani da parte di Hamas, della Jihad islamica palestinese o PIJ e altri; e il continuo blocco israeliano di Gaza, attuato nel 2007 con la collaborazione egiziana, che limita la circolazione delle persone e delle merci palestinesi dentro e fuori il territorio.

In breve, i palestinesi sono in conflitto con l’idea e la realtà di Israele da oltre un secolo. Data la realtà di uno stato israeliano forte e vibrante, i palestinesi che non l’hanno già fatto, come Hamas e altri militanti, dovranno ora abbandonare una visione massimalista di ciò che costituirà lo stato di Palestina. Tuttavia, l’assenza di autodeterminazione palestinese e il dominio israeliano sulle vite dei palestinesi rimangono le cause principali del conflitto, sia nell’immediato che nel lungo termine. In quanto tale, non c’è nulla di isolato o immotivato nell’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre. Si tratta semplicemente dell’ultimo capitolo di un conflitto tragico e di lunga data che ha visto atrocità commesse da entrambe le parti.

Gli israeliani non sono invulnerabili. Per lunghi periodi, gli israeliani si sono convinti che i palestinesi avessero accettato la sorte che Israele aveva stabilito per loro. Tuttavia, la realtà è che finché non ci sarà uno Stato palestinese indipendente in grado di soddisfare il desiderio di autodeterminazione dei palestinesi, ci saranno esplosioni di violenza in cui gli israeliani verranno uccisi. Mentre lo Stato israeliano non corre alcun pericolo esistenziale a causa della violenza terroristica palestinese, i singoli israeliani lo sono e rimarranno tali.

Sebbene la stragrande maggioranza dei palestinesi non sia impegnata nel terrorismo, molti sono probabilmente attratti dalla narrativa violenta promossa da Hamas e PIJ mentre la qualità della loro vita peggiora. Da quando Israele ha iniziato il blocco nel 2007, dopo che un breve conflitto intra-palestinese ha lasciato Gaza sotto il controllo di Hamas, le condizioni di vita si sono gradualmente e sempre più erose. La popolazione civile del territorio soffre di livelli di povertà estrema e sperimenta alti livelli di vittime in ogni operazione militare israeliana, poiché le forze israeliane prendono di mira scuole, ospedali, moschee e chiese nel perseguire leader, militanti e arsenali di Hamas e PIJ. In Cisgiordania, l’aumento della violenza da parte di un numero crescente di coloni, l’esproprio delle terre palestinesi e il fallimento della corrotta Autorità Palestinese, o Autorità Palestinese, nel proteggere i civili comuni contribuiscono allo sconforto dei palestinesi. Inoltre, poiché Israele continua a costruire insediamenti sempre più all’interno della Cisgiordania, istigando maggiori attriti tra coloni e palestinesi, è probabile che la violenza aumenti.

L’idea che Israele possa ignorare il conflitto, usare le sue forze armate per tenere sotto controllo i palestinesi e attuare nei territori palestinesi qualsiasi politica ritenga opportuna senza vedere un aumento della violenza è semplicemente irrealistica. Hamas e PIJ godono del sostegno dell’Iran e del suo cliente libanese Hezbollah sotto forma di trasferimenti di armi e tecnologia. E come ha dimostrato chiaramente l’attacco del 7 ottobre, con questo sostegno Hamas è capace di innovazioni tattiche e di maggiore efficacia nella sua violenza terroristica. La ritorsione israeliana, che ha già causato la morte di migliaia di palestinesi innocenti, contribuirà inevitabilmente alla capacità di Hamas di reclutare più membri. L’assenza di negoziati e di un orizzonte politico per raggiungere l’autodeterminazione palestinese alimenta una disperazione più ampia e probabilmente rafforza l’accettazione della violenza da parte dei palestinesi.

I palestinesi non possono essere elusi. Molti in Israele, incluso il primo ministro Benjamin Netanyahu, sostengono che la normalizzazione con gli stati arabi nella regione è possibile senza aver raggiunto un accordo di pace con i palestinesi. Questa idea è stata rafforzata con la conclusione dei quattro accordi di Abraham nel 2020 e nel 2021 tra Israele da un lato e Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Marocco e Sudan dall’altro.

Questa premessa è sempre stata dubbia, ma gli eventi degli ultimi tre mesi ne hanno sottolineato il motivo. Pochi giorni dopo gli attacchi di Hamas, quando Israele aveva appena iniziato le proprie rappresaglie militari a Gaza, i membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo – compresi gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein, che sono firmatari degli Accordi di Abraham, così come l’Oman e il Qatar, che hanno rapporti cooperativi anche se non ufficiali con Israele – hanno rilasciato una dichiarazione chiedendo un cessate il fuoco duraturo, il rilascio immediato di ostaggi e detenuti civili e una soluzione a due Stati per il conflitto israelo-palestinese. Migliaia di manifestanti che gridavano slogan anti-israeliani si sono radunati nelle strade di Libano, Iraq, Giordania, Kuwait, Egitto, Tunisia e altrove. Da allora, la pressione esercitata dai governi arabi affinché si ponga fine ai combattimenti e si riprendano i negoziati per una soluzione definitiva non ha fatto altro che diventare sempre più forte.

Per le popolazioni arabe, il conflitto ha un potere emotivo, sottolineando un’ampia simpatia per i palestinesi in tutto il mondo arabo, e il costo interno per i leader arabi di normalizzare le relazioni con Israele mentre i palestinesi continuano a soffrire di condizioni repressive può essere elevato. Per gli israeliani, è importante notare che la normalizzazione con gli stati arabi non farebbe scomparire i palestinesi o abbandonare il loro obiettivo di indipendenza, il che significa che rimarrebbe il potenziale di violenza del tipo attualmente in atto. E tutte le prove indicano che i partner arabi di pace di Israele sosterranno i palestinesi, almeno retoricamente, in qualsiasi confronto che ne deriverà.

Risolvere il conflitto e disinnescare le motivazioni dei palestinesi che volessero unirsi o sostenere Hamas e gruppi simili contribuirebbe in modo significativo alla sicurezza degli israeliani. Gruppi come Hamas probabilmente non accetteranno mai Israele, aspirando a riprendersi tutta la Palestina storica. Ma il fascino della narrativa violenta di Hamas sarebbe gravemente indebolito tra i palestinesi se ottenessero il controllo del proprio Stato, compreso un governo rappresentativo e un’attività economica senza restrizioni senza l’interferenza israeliana nelle loro vite.

L’attuale situazione dei palestinesi è insostenibile. Mettendo da parte la violenza insita in un conflitto israelo-palestinese irrisolto, le attuali condizioni dei palestinesi sono semplicemente insostenibili. Secondo un rapporto del marzo 2022 del Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Cisgiordania e Striscia di Gaza, il governo radicato di Israele soddisfa la “definizione standard probatoria prevalente” di apartheid, poiché israeliani e palestinesi che vivono nelle comunità vicine nei territori occupati La Cisgiordania vive sotto diversi insiemi di leggi. Il sistema garantisce diritti completi ai coloni ebrei israeliani mentre impone il governo e il controllo militare sui palestinesi senza riferimento alle protezioni o ai diritti fondamentali previsti dal diritto internazionale.

Una commissione d’inchiesta sui territori palestinesi occupati, incaricata dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, ha concluso nel giugno 2022 “che l’occupazione continua, così come la discriminazione contro i palestinesi, sono le cause principali dell’instabilità ricorrente e del protrarsi del conflitto nella regione”. La commissione d'inchiesta riferisce inoltre che il governo israeliano si è impegnato in esecuzioni extragiudiziali, detenzioni senza processo, torture e punizioni collettive di palestinesi in Cisgiordania. Tutto ciò è reso possibile dagli Stati Uniti, in quanto principale protettore di Israele, attraverso miliardi di dollari di assistenza militare annuale, decenni di protezione diplomatica di Israele dalla condanna internazionale da parte delle Nazioni Unite, il silenzio riguardo alle pratiche israeliane nel rafforzare l’occupazione, un doppio- standard nella sua reazione alle morti civili israeliane rispetto alle vittime civili palestinesi e all’assenza di leadership riguardo ad un processo di pace duraturo ed efficace.

L’espansione degli insediamenti israeliani in Cisgiordania a partire dal 1967 sembra mirata ad alterare in modo permanente la demografia dei territori occupati. Oltre alle centinaia di migliaia di coloni ebrei israeliani, Amnesty International stima che, in oltre 50 anni di occupazione, Israele si sia appropriato di circa un quarto di milione di acri di terra dai palestinesi e abbia demolito oltre 50.000 case nei territori per punire le famiglie di presunti terroristi.

Anche all’interno della già deleteria amministrazione israeliana dei territori, la Striscia di Gaza rimane un caso speciale. Con oltre 2 milioni di palestinesi che vivono in un’area di circa 140 miglia quadrate – compresi i rifugiati palestinesi della guerra del 1948-1949 – è uno dei territori più densamente popolati del mondo. La metà dei palestinesi che vivono a Gaza hanno meno di 19 anni e hanno poche prospettive di progresso economico e un accesso limitato al mondo esterno.

Anche se Israele sostiene di aver posto fine all’occupazione della Striscia di Gaza nel 2005, ha mantenuto un blocco terrestre, aereo e marittimo – ritenuto illegale da Amnesty International – su Gaza dal 2007, quando Hamas ha preso il controllo della Striscia di Gaza dopo una breve battaglia armata per il controllo. con l'AP. Da allora, Israele non solo ha tollerato il governo di Hamas a Gaza, ma si è anche impegnato in una serie di negoziati indiretti – di solito dopo periodi di conflitto più brevi – con il gruppo che nel corso degli anni ha creato uno status quo che prevedeva il permesso all’assistenza esterna di raggiungere Hamas. , principalmente dal Qatar.

Invece di danneggiare Hamas, il blocco israelo-egiziano ha avuto un effetto devastante sui civili palestinesi. Limitando le importazioni e quasi tutte le esportazioni, il blocco ha portato l’economia di Gaza quasi al collasso, con tassi di disoccupazione superiori al 40%, secondo la Banca Mondiale. Secondo le Nazioni Unite, oltre il 65% della popolazione vive sotto la soglia di povertà, mentre il 63% dei residenti di Gaza sono considerati “insicuri dal punto di vista alimentare” dal Programma Alimentare Mondiale.

Tutto ciò avveniva prima della vasta distruzione che Israele ha inflitto alla popolazione di Gaza e alle sue infrastrutture in seguito all’attacco di Hamas del 7 ottobre, compreso “un assedio completo” del territorio che aveva inizialmente interrotto le consegne di elettricità, carburante, cibo. e acqua all'enclave. Le condizioni dei civili a Gaza, già terribili prima del conflitto, sono drammaticamente peggiorate. Decine di migliaia di palestinesi sono morti e quasi l’intera popolazione di 2 milioni di persone è stata sfollata all’interno di Gaza a causa degli attacchi israeliani, che hanno creato condizioni adatte al reclutamento di Hamas: povertà, vulnerabilità, impotenza, rabbia e disperazione, combinato con l’assenza di un processo per porre fine al conflitto.

In breve, mentre gli israeliani potrebbero essere rimasti sorpresi dai fallimenti dei loro servizi di sicurezza e di intelligence il 7 ottobre, non dovrebbero essere sorpresi dal fatto che il conflitto continua e che elementi violenti tra i palestinesi cercheranno di prendere di mira qualsiasi israeliano che riescono a raggiungere.

I negoziati saranno difficili, ma necessari. Forse è ovvio che si può fare la pace solo con il proprio nemico, ma ciò si applica comunque al conflitto israelo-palestinese. A meno che gli israeliani non decidano di revocare unilateralmente l’assedio di Gaza nel caso in cui riuscissero a distruggere militarmente Hamas – un obiettivo molto difficile – e a ritirarsi completamente dalla Cisgiordania senza precondizioni, sarà necessario un processo negoziale per stabilire i termini dell’accordo che consentirebbe Israeliani e palestinesi coesisteranno pacificamente, o almeno con una frequenza e un livello di violenza significativamente ridotti. In questo caso i principi ampiamente accettati durante il processo di Oslo sono istruttivi.

Secondo la maggior parte degli osservatori, le tre questioni più controverse su cui le due parti devono accordarsi sono: i confini definitivi, compresa la sistemazione di alcuni insediamenti israeliani in Cisgiordania e lo scambio di terre come compensazione; reinsediamento dei rifugiati palestinesi – principalmente in Palestina, ma forse con un numero piccolo e simbolico in Israele – e risarcimento per le proprietà perdute; e lo status di Gerusalemme, inclusa l’ubicazione della capitale palestinese e lo status dei luoghi santi musulmani e cristiani. Dovranno essere definiti anche molti altri dettagli, tra cui la cooperazione in materia di sicurezza, l’attività economica, lo spazio aereo e la libera circolazione di persone e merci tra i due territori palestinesi e da essi verso il mondo esterno.

Avviare negoziati di successo sarà difficile, poiché non c’è praticamente alcuna fiducia tra le due parti. Tra le altre questioni, gli israeliani non hanno fiducia che i palestinesi si astengano dalla violenza, e alcuni elementi palestinesi cercheranno infatti di silurare qualsiasi processo di pace con la violenza. Da parte loro, i palestinesi non credono che gli israeliani rispetteranno l’impegno di ritirarsi permanentemente dalla Cisgiordania e di astenersi dall’interferire in seguito in Palestina. Il fallito processo di Oslo sostiene entrambe le visioni.

Anche gli israeliani hanno i loro elementi violenti, come si è visto quando un oppositore del processo di pace assassinò l’allora primo ministro israeliano Yitzhak Rabin nel 1995. Senza l’ottimismo che un orizzonte politico può generare, le narrazioni di violenza da entrambe le parti continueranno ad avere appello. Al fine di prevenire futuri conflitti, i risultati critici di qualsiasi processo di pace devono essere l’autodeterminazione palestinese e la sostenibilità economica del risultante Stato palestinese, insieme alla sicurezza per entrambi i popoli. Per quanto riguarda il processo, i negoziati dovrebbero essere rapidi, con tappe fondamentali identificabili destinate a rafforzare la fiducia. Più a lungo andranno avanti i negoziati, più facile sarà per gli spoiler – sia palestinesi che israeliani – sconvolgerli con la violenza.

Le carenze dell’Autorità Palestinese includono un mandato scaduto da tempo, leadership e funzionari corrotti, debolezza finanziaria dovuta al fatto che Israele le ha tolto le entrate fiscali e, soprattutto, l’incapacità di proteggere i civili palestinesi dalla violenza delle forze di sicurezza e dei coloni israeliani. Di conseguenza è diventato inaffidabile per molti palestinesi, rendendolo uno scarso rappresentante in qualsiasi negoziato.

Non è inoltre chiaro in che modo l’Autorità Palestinese sarà influenzata dalla guerra in corso tra Israele e Hamas, restando in disparte. Mentre si ritiene che Hamas stia combattendo contro Israele, l’Autorità Palestinese è comunemente vista come chi esegue gli ordini di Israele in materia di sicurezza e prende di mira Hamas e altri gruppi violenti in Cisgiordania, piuttosto che fare progressi verso la realizzazione delle aspirazioni politiche ed economiche palestinesi. Ciononostante, l’Autorità Palestinese è l’unico gioco in campo, e un cambio di leadership ai vertici potrebbe forse rinvigorirne la legittimità.

Le probabilità sono chiaramente contrarie a qualsiasi negoziato che porti a una soluzione sostenibile del conflitto. Ma l’assenza di colloqui di successo si tradurrà sicuramente in più violenza. Gli israeliani possono convincersi del contrario, ma non avranno mai pace e sicurezza finché non lo faranno anche i palestinesi.

(Fonte: World Politics Review - Amir Asmar; Foto: UNICEF/Eyad El Baba - United Nations/Un News)