La grande incursione di Israele in Cisgiordania è finita. Ha risolto qualcosa?

Condividi l'articolo sui canali social

Israeliani e palestinesi hanno affermato che i gruppi armati che erano gli obiettivi del raid militare si sarebbero rapidamente ricostruiti e che i soldati israeliani sarebbero tornati presto. Ne riferisce da Gerusalemme Isabel Kershner sul New York Times.

Prima delle 8 di mercoledì, l'esercito israeliano ha dichiarato di aver terminato la sua incursione nella città di Jenin, in Cisgiordania, volta a frenare gli attacchi contro gli israeliani da parte di palestinesi armati. Appena cinque ore dopo, a circa 25 miglia di distanza, colpi sparati da un'auto con targa palestinese hanno colpito un veicolo della polizia israeliana, provocando danni ma senza vittime.

L'operazione militare di 48 ore è stata una delle più grandi in molti anni contro gruppi militanti armati nella Cisgiordania occupata, inclusi attacchi aerei mortali che non si vedevano nell'area da circa due decenni. Ma pochi israeliani o palestinesi nutrivano illusioni, affermando che in breve tempo i gruppi che avevano perso armi e persone a causa dell'incursione si sarebbero ricostruiti e le truppe sarebbero tornate.

Tre decenni dopo che il processo di pace di Oslo ha suscitato la speranza che gli stati palestinese e israeliano potessero coesistere fianco a fianco, le prospettive di una coesistenza pacifica sembrano sempre più remote. Rimangono fonti alla base della rabbia palestinese, tra cui l'occupazione della Cisgiordania risalente alla guerra in Medio Oriente del 1967, la continua invasione da parte degli insediamenti ebraici e la mancanza di opportunità economiche. Lo stato palestinese è più distante che mai. I membri ultranazionalisti del governo israeliano rifiutano qualsiasi dialogo o progresso politico con la leadership palestinese, che è debole, divisa e riluttante o incapace di controllare i focolai di militanza in aumento.

Gli analisti israeliani hanno affermato che i militari hanno ottenuto un successo tattico a Jenin, perlustrando l'affollato campo profughi che è stato costruito, descritto dalle autorità israeliane come un rifugio per i militanti, e che, prima del raid, era diventato una zona vietata per le forze di sicurezza palestinesi e, sempre di più, per quelle israeliane. Circa 1.000 soldati, per lo più commando, hanno scoperto e smantellato laboratori per la fabbricazione di esplosivi e depositi di armi ed esplosivi nascosti all'interno di edifici, sotto le strade strette e persino nelle fosse sotto una moschea, hanno detto i militari.

Dodici palestinesi sono stati uccisi durante l'operazione, secondo il ministero della Salute palestinese. Decine di persone sono state arrestate e interrogate dai servizi di sicurezza israeliani, in alcuni casi per ottenere informazioni in tempo reale, hanno detto i funzionari. E un soldato israeliano è stato ucciso, forse per errore da un commilitone. Ma l'episodio mancava di una strategia più profonda e potrebbe persino stimolare più violenza e attacchi di vendetta, hanno detto gli analisti.

“Non significa che abbiamo fatto quello che abbiamo fatto, siamo fuori e basta”, ha commentato Itamar Yaar, ex vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano e colonnello nelle riserve. "L'operazione è stata relativamente breve e limitata", ha spiegato. “Ciò significa che potremmo vedere attività simili” nel campo di Jenin, anche se forse su scala minore, ha aggiunto, “anche domani”.

Israele ha affermato che tutti i palestinesi uccisi erano combattenti. Almeno nove sono stati dichiarati combattenti da gruppi militanti palestinesi entro mercoledì sera: otto dalla Jihad islamica, tra cui un ragazzo di 16 anni, e il nono da una fazione armata vagamente affiliata a Fatah, la principale fazione palestinese che domina l'Autorità Palestinese. Le autorità palestinesi non hanno specificato se qualcuno di coloro che sono morti fossero civili.

Jenin, sulle colline vicino all'estremità settentrionale della Cisgiordania, è stata a lungo una roccaforte di Hamas e della Jihad islamica, i principali gruppi militanti che combattono Israele, così come delle milizie armate affiliate a Fatah, la principale fazione politica palestinese che domina l'Autorità palestinese sostenuta dall'Occidente. Più di recente, Jenin, e in particolare il campo, è diventata un hub e un rifugio per gruppi armati non affiliati che sono sorti negli ultimi due anni, composti da una nuova generazione di uomini armati che agiscono di propria iniziativa e non rispondono alle gerarchie e alle organizzazioni stabilite.

Israele ha spesso lanciato brevi incursioni a Jenin per arrestare palestinesi sospettati di pianificare o eseguire decine di attacchi contro israeliani. Molti sono diventati mortali, con prolungati scontri a fuoco fra truppe e militanti armati. È stato durante uno di questi raid l'anno scorso che una giornalista palestinese-americana, Shireen Abu Akleh, è stata colpita a morte, probabilmente da un soldato israeliano. Un raid il 19 giugno di quest'anno ha indicato che i pericoli nel campo avevano raggiunto un nuovo livello, innescando una spirale crescente di violenza.

Uno scontro a fuoco durato un'ora ha provocato la morte di sette palestinesi, tra cui una ragazza di 15 anni, secondo i funzionari sanitari palestinesi. Gli elicotteri da combattimento israeliani sono entrati nell'area per la prima volta dall'inizio degli anni 2000 per fornire copertura aerea alle forze che cercavano di liberare soldati feriti e veicoli corazzati messi fuori uso da una potente bomba posta sul ciglio della strada.

Il giorno dopo, uomini armati palestinesi di un villaggio nel nord della Cisgiordania hanno ucciso quattro civili israeliani, tra cui un ragazzo di 17 anni, vicino all'insediamento ebraico di Eli. Il giorno dopo, un attacco aereo israeliano di un drone ha ucciso tre militanti palestinesi in un'auto. I militari hanno affermato di aver sparato contro una postazione israeliana vicino a Jenin e di aver effettuato attacchi contro gli insediamenti ebraici nell'area.

L'uccisione dei quattro israeliani a Eli ha scatenato ondate di rappresaglie mentre gli estremisti israeliani si sono scatenati nelle città e nei villaggi palestinesi, dando fuoco a case, automobili e campi. Ha anche provocato appelli all'interno del governo israeliano per lanciare un'importante operazione militare, nonché uno sforzo per aumentare gli insediamenti con piani per migliaia di nuove case.

L'Autorità palestinese è stata ulteriormente indebolita agli occhi di molti palestinesi dalla sua incapacità di proteggerli dalle incursioni dell'esercito o dalla violenza dei coloni, di difendere la terra occupata dalla crescita degli insediamenti o di offrire qualsiasi orizzonte diplomatico verso una soluzione negoziata del conflitto israeliano-palestinese, secondo gli analisti. L'organismo ad interim formatosi a metà degli anni '90 come parte del processo di pace di Oslo dovrebbe esercitare un autogoverno limitato in alcune parti della Cisgiordania occupata e dispone di forze di sicurezza che contano circa 60.000 membri.

Ma è ampiamente visto dai palestinesi come un subappaltatore corrotto e inetto per l'occupazione israeliana, e ha quasi abdicato alla responsabilità di aree come il campo profughi di Jenin, lontano dal suo centro di potere a Ramallah. Il signor Yaar, l'ex vice capo del consiglio di sicurezza nazionale, ha affermato che l'incursione di Israele, che ha ostacolato almeno in parte e temporaneamente i gruppi armati a Jenin, ha rappresentato "un'opportunità per l'Autorità palestinese di riprendere il controllo".

Gli analisti palestinesi hanno detto che era improbabile, anche se i principali rivali dell'Autorità palestinese erano nel mirino di Israele, perché il sentimento pubblico era fortemente dalla parte dei gruppi armati a Jenin. "Penso che ci sia una simpatia e un sostegno travolgenti per quei ragazzi che cercano di combattere contro l'occupazione con qualsiasi mezzo", ha detto Ghassan Khatib, analista politico palestinese ed ex ministro palestinese con sede a Ramallah.

“Penso che uno dei risultati più immediati ed evidenti di questa operazione israeliana – o dalla nostra parte, il termine usato è aggressione – sia un drammatico aumento del sostegno pubblico alla resistenza” contro Israele, ha detto, aggiungendo: “Uno dei le sue vittime sono l'Autorità palestinese, che è ulteriormente emarginata". Le immagini televisive di mercoledì hanno mostrato folle inferocite di palestinesi in lutto ai funerali delle persone uccise a Jenin che cacciavano via i funzionari dell'Autorità palestinese venuti a rendere omaggio.

Secondo Tamir Hayman, ex capo dell'intelligence militare israeliana e ora amministratore delegato dell'Institute for National Security Studies dell'Università di Tel Aviv, l'"eccellenza tattica" dell'operazione, ovvero la qualità dell'intelligence militare e la precisione nel localizzare e distruggere obiettivi, ha ovviato “alla necessità di pensare alla strategia”. Analisti israeliani e palestinesi hanno affermato che l'operazione israeliana potrebbe anche stimolare attacchi di vendetta come la sparatoria del veicolo della polizia mercoledì, che è stata ripresa in video. Martedì un uomo palestinese ha guidato un veicolo contro civili israeliani a Tel Aviv, ferendone almeno otto, alcuni gravemente, prima di tentare di pugnalare alcuni di loro ed essere colpito a morte da un passante.

E mercoledì mattina presto, i militanti hanno lanciato cinque razzi verso il sud di Israele dall'enclave costiera di Gaza gestita da Hamas, in quello che gli analisti hanno descritto come una dimostrazione simbolica di solidarietà con la Cisgiordania. I razzi sono stati intercettati e non hanno causato vittime. Gli stati arabi che hanno relazioni diplomatiche con Israele, come l'Egitto, la Giordania e gli Emirati Arabi Uniti, hanno condannato quella che hanno definito l'aggressione israeliana a Jenin e hanno chiesto l'intervento internazionale. Questi paesi hanno espresso simili condanne delle azioni israeliane in passato, ma raramente sono andati oltre le dichiarazioni.

I funzionari israeliani hanno sottolineato fin dall'inizio che l'incursione non avrebbe avuto mai lo scopo di conquistare o mantenere il territorio a Jenin. Né aveva lo scopo di tenere le forze israeliane fuori da Jenin a lungo termine. Piuttosto, ha creato condizioni nel campo, come la rimozione di bombe lungo la strada, che potrebbero rendere più facili future incursioni, almeno per un po'.

(Fonte: The New York Times - Isabel Kershner; Foto: Diritto Internazionale in Civica)