Il nazionalismo militante sta rimodellando l’identità in Iran e Arabia Saudita

Condividi l'articolo sui canali social

Sull'argomento leggiamo l'analisi della World Politics Review, a firma di Alexander Clarkson, docente di studi europei al King's College di Londra.

Mentre i rischi di un’ulteriore escalation iniziano a crescere, sono attualmente in corso frenetici sforzi diplomatici per evitare che la guerra tra Israele e Hamas a Gaza si trasformi in un conflitto regionale più ampio. Ma mentre i leader globali e l’opinione pubblica rimangono paralizzati da questa tragedia in atto, altre tendenze nella regione, il cui impatto a lungo termine potrebbe rivelarsi consequenziale per il futuro del Medio Oriente, stanno guadagnando slancio. In particolare, una trasformazione sempre più visibile dei discorsi identitari nel Golfo e in Iran sta ponendo le basi per ulteriori shock all’ordine regionale.

Queste dinamiche sociali in Arabia Saudita, Iran e altri stati del Golfo sono il prodotto delle risposte statali all’ondata di proteste in tutto il Medio Oriente tra la fine degli anni 2000 e l’inizio degli anni 2010. All’epoca, le manifestazioni di massa in Bahrein e nella provincia orientale saudita di Qatif alimentavano i timori tra le aristocrazie degli Stati del Golfo che l’aperta espressione di tensioni settarie e di classe potesse rovesciare i loro sistemi di potere e clientelismo. Anche se queste e simili proteste di massa nel mondo arabo nel 2011 – così come in Iran nel 2009 – si sono placate sulla scia della brutale repressione, questi disordini hanno favorito la sperimentazione ideologica tra i regimi autocratici nel perseguimento di strategie controrivoluzionarie per garantire la propria sopravvivenza.

Lo sforzo di questi governi autoritari di promuovere nuove narrazioni identitarie al fine di proteggere il potere di un'élite composta da aristocratici terrieri e oligarchi borghesi ricorda la rappresentazione di Giuseppe Tomasi di Lampedusa delle contraddizioni sociali che travolsero la Sicilia durante le guerre di unificazione dell'Italia nel periodo 1860, nel suo romanzo “Il Gattopardo”. Scritto nel 1958, “Il Gattopardo” è famoso soprattutto per una battuta del suo personaggio principale, il quale sottolinea che “se vogliamo che le cose rimangano come sono, le cose dovranno cambiare”.

Il cinico accordo per sfruttare il nazionalismo al servizio delle élite consolidate che Lampedusa infilza in “Il Gattopardo” suonerebbe oggi molto familiare a molti in tutto il Golfo. Come i leader italiani – e tedeschi – del XIX secolo che realizzarono l’unificazione nazionale per disinnescare le richieste pubbliche di cambiamento rivoluzionario, le élite al potere in Iran e negli stati del Golfo stanno cercando di trovare nuove fonti di legittimità che possano ripristinare la lealtà popolare ai loro sistemi autocratici. Con il calo di efficacia delle forme religiose di controllo e mobilitazione negli ultimi due decenni, i discorsi sostenuti dallo Stato in questi stati si sono spostati verso forme di nazionalismo militarizzato che combinano continuità culturali con riconfigurazioni radicali delle narrazioni dell’identità collettiva. Allo stesso tempo, gli sforzi per promuovere un’agenda più apertamente nazionalista negli Stati in cui le gerarchie settarie svolgono ancora un ruolo cruciale hanno evitato sfide dirette alle istituzioni religiose dominanti.

Di fronte alle proteste di massa contro le restrizioni religiose che sono alla base dell’ordine sociale iraniano, gli sforzi delle élite iraniane per sviluppare nuove fonti di legittimità sociale sono limitati dalle loro reti clientelari, che dipendono ancora dal sistema teocratico in vigore dal 1979. Tuttavia, il disprezzo sempre più aperto che gran parte della popolazione mostra nei confronti del clero religioso sciita, spesso considerato ignorante e corrotto, ha costretto anche i più irriducibili difensori dell'eredità dell'Ayatollah Ruhollah Khomeini a guardare verso altre narrazioni identitarie per proteggere la posizione del regime. . Per il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, o IRGC, il conseguente spostamento verso una maggiore enfasi sul nazionalismo iraniano e sulla gloria militare ha offerto l’opportunità di espandere il proprio potere a scapito del clero politicizzato, la cui importanza politica sta diminuendo. In effetti, l’IRGC ha emarginato il clero sciita per il quale era stato istituito.

Questa riconfigurazione delle narrazioni sostenute dallo Stato per mettere l'IRGC al centro del discorso nazionalista è culminata nella promozione di un culto dei martiri attorno al generale Qasem Soleimani, il comandante militare di maggior successo del corpo che fu assassinato da un attacco di droni statunitensi fuori Baghdad nel 2020. Ponendo Soleimani quasi allo stesso livello di leadership idealizzata di Khomeini, questa costruzione del mito continua ad attingere a narrazioni religiose di pietà e umiltà, facendo riferimento anche alla memoria storica della gloria imperiale persiana in tutto il Medio Oriente che fa appello al pubblico più laico parti della società iraniana. Anche se questo tentativo di attingere a discorsi nazionalisti che risalgono a secoli fa potrebbe non essere sufficiente a controbilanciare la portata dell’esasperazione pubblica per la stagnazione sociale ed economica dell’Iran, potrebbe anche aprire la strada a una più ampia ricalibrazione della politica interna dall’interno del regime, mentre continuano a proiettare la potenza militare all’estero.

Sebbene la monarchia sunnita dell’Arabia Saudita sia spesso presentata come impegnata in una lotta permanente per l’egemonia regionale contro la teocrazia sciita iraniana, la crisi di legittimità affrontata dalle élite al potere del regno ha sorprendenti parallelismi con gli sviluppi a Teheran. Dopo aver messo da parte la cricca gerontocratica che circonda il padre malato, l’87enne re Salman, Mohammed bin Salman ha utilizzato un mix di spietata repressione politica, modernizzazione economica e liberalizzazione culturale per rinvigorire il sostegno pubblico alla dinastia regnante Saud. Come parte di questo sforzo, ha ribaltato quasi da un giorno all’altro la posizione dell’establishment religioso del regno, con un tentativo sistematico di promuovere una forma distintiva di nazionalismo saudita come fulcro di questa trasformazione.

Questo ipernazionalismo – che celebra esempi di abilità militare saudita nella guerra in corso nello Yemen, insieme a un impegno civile per la modernizzazione economica – può anche essere visto come uno sforzo per compensare i precedenti tentativi falliti di generare sostegno pubblico alla Casa dei Saud. Alla fine degli anni Cinquanta, sotto l’allora re Saud, ad esempio, la monarchia cercò di attingere all’ideologia panaraba emergente all’epoca. Ma questa narrazione più espansiva di identità e comunità fu rapidamente abbandonata dopo la deposizione di Saud nel 1962, quando divenne chiaro che l’unità araba poteva minacciare l’ordine sociale su cui si fondavano i regimi monarchici.

La successiva riaffermazione di una dottrina religiosa wahhabita come àncora dell’identità saudita riuscì a stabilizzare per un certo periodo il regime. Ma ciò ha comportato l’alienazione di molti sauditi più giovani, che desideravano maggiori libertà culturali, e la frustrazione di altri il cui desiderio di una società più pia li ha trascinati in movimenti jihadisti che sono diventati una minaccia mortale per lo Stato saudita.

Il fallimento di entrambi questi sforzi per costruire un consenso sociale duraturo ha incoraggiato la generazione di aristocratici sauditi millenari che circondavano MBS a concentrarsi invece sul muscoloso nazionalismo saudita. Rispecchiando sforzi simili negli Emirati Arabi Uniti e in altri stati del Golfo, questa enfasi su un’identità condivisa indissolubilmente legata alla storia della dinastia regnante e allo spazio territoriale controllato dallo stato ha già guadagnato notevole popolarità tra i sauditi più giovani, come dimostrato dalla loro forte identificazione con simboli nazionali condivisi come l’esercito o la squadra nazionale di calcio. Tuttavia, sebbene il nazionalismo saudita sia diventato un fondamento centrale della vita pubblica, rimane ancora legato a tradizioni arabe e islamiche più ampie, sostenendo legami culturali e lealtà transnazionali che pongono alcuni limiti al modo in cui Mohammed bin Salman e altri leader più giovani possono rimodellare la società saudita a propria immagine.

Gli sforzi delle élite al potere in Iran, Arabia Saudita e altri stati del Golfo per sfruttare forme più ristrette di nazionalismo per rinvigorire un più ampio sostegno ai regimi autoritari radicati hanno avuto un certo successo. Adottando la strategia “Leopardo” di Lampedusa di abbracciare nuove narrazioni dell’identità nazionale per preservare il controllo del potere e del clientelismo, i principi sauditi e gli ufficiali dell’IRGC hanno sviluppato strutture politiche che potrebbero aiutarli a sopravvivere alle prossime ondate di sconvolgimenti sociali che dovranno inevitabilmente affrontare.

Tuttavia, il destino dei progetti di costruzione dello Stato italiano e di altri paesi europei nei decenni successivi al loro splendore di fine Ottocento, raffigurato ne “Il Gattopardo”, serve anche da monito di come il nazionalismo possa mandare in frantumi la posizione delle tradizionali élite aristocratiche e militari che inizialmente provato a sfruttarlo. Incoraggiando tra sauditi e iraniani la convinzione di essere cittadini che devono difendere gli interessi del loro stato-nazione, piuttosto che sudditi che devono sottomettersi ai capricci di principi e clero, l’ascesa del nazionalismo può alimentare la rivolta contro l’ordine sociale che MBS e l’IRGC conta ora per rimanere al potere. Anche se una tale rivoluzione nazionalista sostituisse una forma di autoritarismo con un’altra, i nuovi gruppi sociali in posizioni di potere potrebbero perseguire obiettivi geopolitici molto diversi, con conseguenze che si farebbero sentire in tutto il mondo.

Avendo vissuto gli sconvolgimenti traumatici causati dal fallimento dell’esperimento italiano di nazionalismo radicale durante la prima metà del XX secolo, Lampedusa era ben consapevole di quanto sarebbe diventata pericolosa l’eredità dello sconvolgimento sociale da lui raccontato ne “Il Gattopardo”. In uno dei passaggi finali del suo romanzo, rifletteva tristemente su come tutti i nuovi governanti emersi da quel momento “fossero allo stesso tempo obbediti, presto detestati e sempre fraintesi”. Questo è un avvertimento a cui gli ambiziosi aristocratici sauditi e gli ufficiali iraniani dell’IRGC farebbero bene a prestare ascolto.

(Fonte: World Politics Review - Alexander Clarkson; Foto d'archivio)