Israele attacca Jenin nella più grande incursione in Cisgiordania degli ultimi 20 anni

Condividi l'articolo sui canali social

Almeno otto palestinesi uccisi e decine di feriti mentre la principale offensiva israeliana prende di mira la città di Jenin. Leggiamo il resoconto del quotidiano britannico Guardian.

Israele ha lanciato un'importante offensiva aerea e di terra nella città di Jenin in Cisgiordania, la sua più grande operazione militare nel territorio palestinese da anni, in quello che ha descritto come un "vasto sforzo antiterrorismo". Almeno otto palestinesi sono stati uccisi e 50 feriti, 10 in modo grave, nell'attacco iniziato intorno all'una di notte di oggi, lunedì, e il bilancio delle vittime è destinato a salire, secondo il ministero della salute palestinese. Lanciando almeno 10 attacchi di droni sugli edifici, una brigata di truppe israeliane - che si stima tra 1.000 e 2.000 soldati - sostenuta da bulldozer corazzati e cecchini sui tetti è entrata nella città e nel suo campo profughi, incontrando il fuoco dei palestinesi, dopo che Israele ha informato la Casa Bianca dei suoi piani.

Un portavoce del presidente palestinese, Mahmoud Abbas, ha definito l'operazione "un nuovo crimine di guerra contro il nostro popolo indifeso", mentre il gruppo militante Hamas con sede a Gaza ha invitato i giovani della Cisgiordania a unirsi ai combattimenti. Lynn Hastings, il coordinatore umanitario residente delle Nazioni Unite, ha descritto “l'allarme” per “la portata dell'operazione delle forze israeliane a Jenin”, aggiungendo su Twitter: “Gli attacchi aerei sono stati utilizzati nel campo profughi densamente popolato. Diversi morti e feriti gravi. Deve essere garantito l'accesso a tutti i feriti”.

In una dichiarazione congiunta, le forze di difesa israeliane (IDF) e il servizio di intelligence interno, Shin Bet, hanno affermato di aver attaccato un centro di comando nel campo profughi di Jenin utilizzato da un gruppo militante locale. Le immagini dall'interno di Jenin hanno mostrato combattenti palestinesi armati e mascherati per le strade mentre gli scontri a fuoco e le esplosioni continuavano fino a lunedì mattina. A un posto di blocco alla periferia della città, si poteva sentire il suono di scontri a fuoco sempre più pesanti e di aerei sopra la testa con il passare della giornata.

In un'escalation della violenza, Israele ha effettuato un attacco aereo vicino a una moschea della città che, a suo dire, era stata utilizzata da uomini armati palestinesi per prendere di mira le forze israeliane. "Sono in corso scontri a fuoco con uomini armati vicino a una moschea nel campo profughi di Jenin", ha affermato l'IDF. "Un aereo dell'IDF ha colpito per rimuovere la minaccia". L'incursione a Jenin è la prima dalla battaglia di Jenin del 2002 durante la seconda intifada, quando più di 50 palestinesi e 23 soldati israeliani furono uccisi in più di una settimana di combattimenti, compresi 13 soldati israeliani in un unico incidente.

Gli eventi di oggi portano a 133 il bilancio delle vittime dei palestinesi uccisi quest'anno in Cisgiordania, parte di un aumento della violenza durato più di un anno che ha provocato uno dei peggiori spargimenti di sangue in quella zona in quasi due decenni. All'alba, un denso fumo nero proveniente da pneumatici in fiamme incendiati dai residenti ha turbinato per le strade e una mezza dozzina di droni israeliani ha sorvolato la città. Mentre echeggiavano le esplosioni, gli appelli a sostenere i combattenti risuonavano dagli altoparlanti nelle moschee e ogni ingresso al campo era circondato dai soldati israeliani.

"Ci sono bombardamenti dal cielo e un'invasione da terra", ha detto Mahmoud al-Saadi, direttore della Mezzaluna Rossa palestinese a Jenin. "Diverse case e siti sono stati bombardati… il fumo sale da ogni parte". Un autista di ambulanza palestinese, Khaled Alahmad, ha dichiarato: “Quello che sta accadendo nel campo profughi è una vera guerra. Ci furono colpi dal cielo. Ogni volta che guidiamo da cinque a sette ambulanze e torniamo pieni di feriti”. L'incursione è avvenuta in un momento di crescente pressione all'interno di Israele per una risposta dura a una serie di attacchi ai coloni, tra cui una sparatoria la scorsa settimana che ha ucciso quattro persone.

L'elettricità è stata interrotta in alcune parti di Jenin e i bulldozer militari hanno arato strade strette, un altro ricordo delle incursioni israeliane durante l'ultima rivolta. La Palestina e la vicina Giordania hanno condannato la violenza. L'operazione ha portato a proteste durante la notte in tutta la Cisgiordania, anche a un posto di blocco vicino alla città di Ramallah, in cui un palestinese è morto dopo essere stato colpito alla testa dall'esercito. I sistemi di difesa aerea israeliani sono stati messi in allerta per potenziali lanci di razzi di ritorsione dalla Striscia di Gaza bloccata.

Un portavoce dell'IDF, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha affermato che l'operazione è stata un raid mirato, delle dimensioni di una brigata, che avrebbe dovuto durare da uno a tre giorni, e Israele non intendeva rimanere sul terreno. Un funzionario israeliano ha affermato che il raid aveva lo scopo di "rompere la mentalità di rifugio sicuro del campo, che è diventato un nido di vespe". Non era chiaro se l'operazione avrebbe innescato una risposta più ampia da parte delle fazioni palestinesi, attirando gruppi militanti nella Striscia di Gaza, l'enclave costiera controllata dal gruppo militante islamista Hamas.

Un alto funzionario di Hamas ha invitato i giovani della Cisgiordania a unirsi ai combattimenti. Saleh al-Arouri, vice capo dell'ufficio politico dell'organizzazione, ha dichiarato: “Ai nostri eroi in Cisgiordania, dal sud al nord: questa è la vostra giornata, giovani. Combatti con tutte le armi, tutta la tua rabbia e con ogni mezzo possibile per difendere il nostro onore a Jenin”. Una dichiarazione del gruppo della Jihad islamica a Gaza sostenuto dall'Iran afferma: "La resistenza affronterà il nemico e difenderà il popolo palestinese e tutte le opzioni sono aperte per colpire il nemico e rispondere alla sua aggressione a Jenin".

Mentre l'operazione continuava oggi, il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, è stato informato sui progressi e sull'attività delle forze sul terreno, discutendo i futuri piani operativi. Il ministro della difesa israeliano, Yoav Gallant, ha affermato che le sue forze stanno “monitorando da vicino la condotta dei nostri nemici. L'establishment della difesa è pronto per tutti gli scenari".

Il campo alla periferia della città della Cisgiordania settentrionale è stato allestito negli anni '50 e l'area simile a un ghetto, che ospita circa 11.000 persone, è stata a lungo vista come un focolaio di ciò che i palestinesi vedono come resistenza armata e gli israeliani come terrorismo. Centinaia di combattenti armati di gruppi militanti tra cui Hamas, Jihad islamica e Fatah hanno sede lì, e l'Autorità palestinese semi-autonoma è quasi del tutto assente. Le Brigate Jenin, un'unità composta da uomini armati di diverse fazioni, sono state accusate di diversi attacchi terroristici contro cittadini israeliani poiché la situazione della sicurezza in Israele e in Cisgiordania si è deteriorata negli ultimi 18 mesi.

Jenin e la vicina Nablus sono stati i principali bersagli dell'operazione israeliana Breakwater, ormai più di un anno fa, che ha comportato incursioni quasi ogni notte e alcuni dei più feroci combattimenti in Cisgiordania dalla fine della seconda intifada, o rivolta palestinese, nel 2005. Anche gli attacchi dei vigilantes da parte dei coloni israeliani con sede in Cisgiordania contro i villaggi palestinesi stanno crescendo in dimensioni e portata.

Solo pochi giorni prima dell'attacco dei droni del mese scorso a Jenin, per la prima volta dalla seconda intifada, l'esercito ha usato elicotteri da combattimento per aiutare a estrarre truppe e veicoli da un raid sulla città, dopo che i combattenti hanno usato esplosivi contro una forza inviata per arrestare due militanti sospetti. Dopo l'ultimo grande raid a Jenin a giugno, uomini armati palestinesi hanno ucciso quattro israeliani nei pressi di un insediamento ebraico in Cisgiordania in un attacco che ha provocato una furia da parte dei coloni nei villaggi e nelle città palestinesi.

(Fonte: The Guardian; Foto: Vatican News)