Israele: "la protesta si sta intensificando", mentre la coalizione va avanti nella revisione giudiziaria

Condividi l'articolo sui canali social

Mentre i ministri cercano di reprimere i manifestanti, la leader della protesta femminile è stata arrestata questa settimana dalla polizia per aver parlato a Tel Aviv. Lunedì protesta all'aeroporto "simbolo della fiorente democrazia". Ne parla The Times of Israel.

Si diceva che la polizia si aspettasse una maggiore affluenza alle manifestazioni in tutto il paese sabato sera, poiché i manifestanti hanno intensificato le proteste contro i rinnovati sforzi della coalizione per indebolire drasticamente la magistratura. Le manifestazioni contro lo sforzo di rifare il sistema giudiziario hanno ripreso vigore durante la scorsa settimana quando la coalizione ha sbloccato il disegno di legge per ridurre il controllo giudiziario sulle decisioni del governo. Gli organizzatori hanno affermato in una dichiarazione che "le proteste si stanno intensificando" con manifestazioni che si terranno in oltre 150 località in tutto il paese.

Il principale raduno di Tel Aviv inizierà con una marcia da HaBima Square alle 19:00. I discorsi avrebbero dovuto iniziare intorno alle 20:30, per accogliere coloro che osservano lo Shabbat. Alla protesta centrale parleranno il sindaco di Tel Aviv Ron Huldai, Moran Zer Katzenstein, la leader del movimento di protesta delle donne che è stata arrestata dalla polizia giovedì durante una manifestazione davanti alla casa del ministro per lo status delle donne May Golan, e l'imprenditrice tecnologica e leader della protesta Moshe Radmann. L'evento sarà condotto dal giornalista Or-ly Barlev.

In una dichiarazione, gli organizzatori della protesta hanno citato le mosse della coalizione intransigente del primo ministro Benjamin Netanyahu per limitare le manifestazioni vicino alle case dei legislatori e gli appelli dei ministri per ulteriori arresti e azioni penali contro coloro che bloccano le strade e l'aeroporto. [Il governo] "intende limitare la libertà di espressione insieme al nostro diritto di protestare, e stiamo assistendo all'azione della polizia contro importanti manifestanti che si oppongono al regime", si legge nella dichiarazione. “Tutti questi passi si vedono solo sotto regimi dittatoriali. Ciò dimostra senza ombra di dubbio a chiunque fosse ancora incerto, che Israele si trova nel bel mezzo di un tentativo di colpo di Stato della peggior specie”, hanno affermato i leader della protesta. "Ora è il momento di uscire allo scoperto e resistere in ogni modo legale e nonviolento possibile", si legge ancora nella dichiarazione.

Oltre all'arresto di una serie di importanti manifestanti questa settimana, è stato riferito che una task force ufficiale istituita dal ministro della sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir indagherà se l'ex primo ministro Ehud Barak e l'ex parlamentare di Meretz Yair Golan possono essere accusati di istigazione a commenti che sollecitano proteste antigovernative. Mentre i manifestanti hanno in qualche modo abbassato le fiamme negli ultimi mesi quando la legislazione sulla revisione giudiziaria è stata sospesa, gli organizzatori hanno affermato che ora che il governo ha iniziato ad andare avanti alla Knesset con alcuni elementi del piano, stanno rinnovando gli sforzi.

Secondo i resoconti dei media in lingua ebraica, la polizia non si aspettava sorprese sabato sera, come il blocco dell'autostrada Ayalon di Tel Aviv giovedì. La protesta è arrivata mentre gli oppositori della revisione giudiziaria del governo avrebbero dovuto manifestare lunedì fuori dal terminal principale dell'aeroporto Ben Gurion. Gli organizzatori hanno invitato i manifestanti a guidare in cortei e a radunarsi fuori dal Terminal 3 dell'aeroporto Ben Gurion alle 17:30. di lunedì. Hanno detto che l'aeroporto era stato scelto come luogo per la protesta in quanto "simboleggia che Israele è una fiorente nazione liberale e democratica".

Con le scuole terminate per quest'anno, si prevede che l'aeroporto vedrà un aumento del traffico mentre le famiglie escono per le vacanze estive. Gli organizzatori della protesta hanno affermato di non voler interrompere i piani dei viaggiatori, avvertendoli di evitare di arrivare all'aeroporto in auto e di prendere invece il treno. Ai partecipanti è stato chiesto di cercare di impedire qualsiasi impedimento al pubblico che tenta di raggiungere l'aeroporto e di bloccare solo il marciapiede esterno al terminal piuttosto che eventuali strade. Netanyahu, che è stato costretto a prendere un elicottero per l'aeroporto all'inizio di quest'anno perché i manifestanti stavano bloccando le strade, questa settimana ha criticato le autorità legali per non aver perseguito i manifestanti che bloccano l'accesso all'aeroporto.

Le proteste sono aumentate quando la Knesset Constitution, Law and Justice si è riunita per deliberare su un disegno di legge per impedire ai giudici di esercitare il controllo giurisdizionale sulla "ragionevolezza" delle decisioni del governo. Gli esponenti della coalizione hanno promesso di approvare tale legislazione prima della pausa estiva della Knesset alla fine del mese. E Netanyahu ha affermato che il suo governo si muoverà anche in seguito per rimodellare il potente Comitato di selezione giudiziaria, sebbene abbia aggiunto che questo assumerà una forma diversa rispetto al precedente piano del ministro della Giustizia Yariv Levin per affermare il pieno controllo politico sul processo.

Venerdì, gli oppositori della revisione giudiziaria del governo si sono radunati davanti alle case di diversi ministri. Al Moshav Amikam nel nord di Israele, i manifestanti si sono riuniti vicino alla casa del ministro della Difesa Yoav Gallant portando bandiere israeliane e suonando tamburi e vuvuzelas mentre cantavano "democrazia". Fuori dalla casa del ministro per l'uguaglianza sociale Amichai Chikli nel kibbutz Hanaton, i manifestanti hanno indossato i costumi di "The Handmaid's Tale" - che sono diventati un appuntamento fisso delle manifestazioni anti-revisione - per denunciare il livello di rappresentanza femminile nel governo di Netanyahu, una settimana dopo la caduta di Israele. occupa l'83° posto nel rapporto annuale sul divario di genere globale del World Economic Forum. Dei 33 ministri attualmente in carica, solo sei sono donne.

I manifestanti si sono anche radunati davanti alle case del ministro della Giustizia Yariv Levin e del ministro della Protezione ambientale Idit Silman, che vivono rispettivamente nelle città centrali di Modiin e Rehovot. Levin è uno dei principali sostenitori del rifacimento del sistema giudiziario ed è stato un bersaglio frequente dei manifestanti, sei dei quali sono stati arrestati martedì durante un'infuocata manifestazione fuori casa sua. Silman era un membro della precedente coalizione prima di contribuire a far precipitare il suo crollo l'anno scorso disertando, prima di accusare il partito Likud di Netanyahu - a cui ora appartiene - di finanziare proteste fuori casa sua. Questa settimana, ha chiesto alla polizia di allontanare le proteste dalle aree residenziali, citando il rumore eccessivo.

Le proteste sono arrivate il giorno dopo che Netanyahu, Levin e Ben Gvir hanno attaccato i massimi funzionari delle forze dell'ordine durante un incontro per discutere delle manifestazioni fuori dalle case dei legislatori della coalizione. I tre hanno accusato il procuratore generale Baharav-Miara di negligenza durante una riunione a porte chiuse per discutere dei dimostranti che manifestavano fuori dalle case dei legislatori della coalizione, le cui fughe di notizie sono state ampiamente riportate dai media ebraici.

Ben Gvir, che ha esortato la polizia a trattare con più forza i manifestanti, ha chiesto a Baharav-Miara e al procuratore di stato Amit Aisman di portare avanti le accuse sollevate contro i manifestanti negli ultimi sei mesi. Inoltre, centinaia di riservisti militari - molti in unità d'élite - hanno affermato che non si offriranno più volontari per il servizio se la controversa revisione sarà approvata.

(Fonte: The Times of Israel; Foto: Wikimedia Commons)