Lo Stato Islamico rivendica l’attacco mortale all’Iran, Teheran giura vendetta

Condividi l'articolo sui canali social

Lo Stato Islamico ha rivendicato ieri la responsabilità delle due esplosioni in Iran che hanno ucciso quasi 100 persone e ne hanno ferite decine in un memoriale per il comandante in capo Qassem Soleimani.

In una dichiarazione pubblicata sui suoi canali affiliati Telegram, il gruppo militante musulmano sunnita ha affermato che due membri dell’Isis hanno fatto esplodere cinture esplosive tra la folla che si era radunata mercoledì nel cimitero della città di Kerman, nel sud-est dell’Iran.

Il memoriale – ricorda l’agenzia Reuters – celebrava il quarto anniversario della morte di Soleimani, assassinato in Iraq nel 2020 da un drone statunitense.

A Washington, il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti non sono nella posizione di dubitare dell’affermazione dello Stato Islamico secondo cui sarebbe responsabile dell’attacco di mercoledì.

Teheran ha promesso vendetta per l’attacco più sanguinoso dalla rivoluzione islamica del 1979. Le doppie esplosioni hanno ferito anche 284 persone, compresi bambini.

“Una forte ritorsione sarà inflitta loro dai soldati di Soleimani”, ha detto ai giornalisti a Kerman il primo vicepresidente iraniano Mohammad Mokhber.

Le autorità iraniane hanno indetto proteste di massa oggi, quando si terranno i funerali delle vittime delle doppie esplosioni, hanno riferito i media statali.

Il potente Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane ha descritto gli attacchi come un atto codardo “mirato a creare insicurezza e cercare vendetta contro il profondo amore e la devozione della nazione verso la Repubblica islamica”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha condannato quello che ha definito il “crimine atroce e disumano” di mercoledì. La massima autorità iraniana, il leader supremo Ayatollah Khamenei, ha promesso vendetta per gli attentati.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in un comunicato ha condannato quello che ha definito il “vile attacco terroristico” di mercoledì e ha inviato le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e al governo iraniano.

Stato Islamico

Non è stato possibile stabilire immediatamente ulteriori dettagli sugli autori dell’attacco e sulle loro motivazioni. Ma Aaron Zelin, un esperto del think tank del Washington Institute for Near East Policy, ha detto che non sarebbe sorpreso se l’attacco fosse stato organizzato dal ramo dello Stato Islamico con sede nel vicino Afghanistan, noto come ISIS-Khorasan, o ISIS-K.

Teheran, ha detto, ha affermato che l’Isis-K è stato dietro molti complotti sventati negli ultimi cinque anni. La maggior parte degli arrestati erano iraniani, centroasiatici o afgani della rete affiliata con sede in Afghanistan piuttosto che della rete del gruppo in Iraq e Siria.

L’Isis, ha detto, nutre un odio virulento per gli sciiti – la setta dominante in Iran e spesso bersaglio di attacchi da parte del gruppo in Afghanistan – che considera apostati, e per anni ha minacciato Teheran.

La repressione dei talebani ha indebolito l’ISIS-K all’interno dell’Afghanistan, costringendo alcuni membri a trasferirsi negli stati vicini, ma secondo i funzionari statunitensi il gruppo ha continuato a pianificare operazioni fuori dal paese.

“La maggiore attenzione esterna dell’Isis-Khorasan è probabilmente lo sviluppo più preoccupante”, afferma un rapporto del Centro nazionale antiterrorismo statunitense pubblicato ad agosto su CTC Sentinel, una pubblicazione del Centro per la lotta al terrorismo di West Point.

Nel 2022 lo Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità di un attacco mortale a un santuario sciita in Iran che ha ucciso 15 persone, mentre i precedenti attacchi rivendicati dallo Stato Islamico includono due attentati nel 2017 che hanno preso di mira il parlamento iraniano e la tomba del fondatore della Repubblica Islamica, l’Ayatollah Ruhollah. Khomeini.

L’attacco coincide con lo scoppio di tre mesi di nuove ostilità tra Israele e Gaza, e la TV di stato iraniana in precedenza ha mostrato folle riunite nelle città di tutto l’Iran, inclusa Kerman, che cantavano: “Morte a Israele” e “Morte all’America”.

Mercoledì gli Stati Uniti hanno negato qualsiasi coinvolgimento nelle esplosioni e hanno affermato di non avere motivo di credere che Israele fosse coinvolto. Le esplosioni sembrano rappresentare “un attacco terroristico” del tipo compiuto in passato dallo Stato islamico.

Teheran accusa spesso i suoi acerrimi nemici, Israele e Stati Uniti, di sostenere i gruppi militanti anti-iraniani che hanno effettuato attacchi in passato. Anche militanti Baluchi e separatisti di etnia araba hanno organizzato attacchi in Iran.

L’assassinio di Soleimani da parte degli Stati Uniti in un attacco di droni all’aeroporto di Baghdad il 3 gennaio 2020 e la ritorsione di Teheran – attaccando due basi militari irachene che ospitano truppe statunitensi – hanno portato gli Stati Uniti e l’Iran sull’orlo di un conflitto in piena regola.

In qualità di comandante in capo della forza d’élite Quds, il braccio d’oltremare del Corpo delle Guardie rivoluzionarie iraniane, Soleimani ha condotto operazioni clandestine all’estero ed è stato una figura chiave nella lunga campagna iraniana per cacciare le forze statunitensi dal Medio Oriente.

(Fonte: Reuters – Parisa Hafezi, Elwely Elwelly e Clauda Tanios; Foto: Imagoeconomica/Giulia Palmigiani)