Morto a 90 anni Haim Roet, che ha mantenuto in vita i nomi delle vittime dell'Olocausto

Condividi l'articolo sui canali social

Haim Roet, un sopravvissuto all'Olocausto che ha commemorato i milioni di ebrei vittime dei nazisti pronunciando i loro nomi, è morto il mese scorso a 90 anni. Da quando lesse per la prima volta i nomi delle persone assassinate dai nazisti durante una protesta nel 1989, la pratica è diventata parte delle cerimonie commemorative in tutto il mondo.

Haim Roet è morto il 22 maggio nella sua casa di Gerusalemme, ha riferito sua figlia Vardit Lichtenstein. Aveva 90 anni. Roet ha creato Unto Every Person There is a Name, un progetto commemorativo che prevede la lettura annuale dei nomi delle vittime naziste in pubblico in tutto il mondo. Oltre ad avviare il progetto commemorativo "Per ogni persona c'è un nome", è stato presidente del Comitato per il riconoscimento degli ebrei che hanno salvato gli ebrei durante l'Olocausto.

Haim Roet era nato nel 1932 ad Amsterdam, uno dei sei figli di una famiglia ortodossa. Nel 1942, i Roet furono portati in un campo di transito ad Amsterdam prima della deportazione ad Auschwitz. Riuscirono a essere rilasciati e furono trasferiti in uno dei quartieri in cui erano concentrati gli ebrei durante il periodo delle deportazioni. Il nonno di Haim, Abraham, e le sue due sorelle, Rozinka e Adele, vivevano in un appartamento; Haim condivideva un secondo appartamento con i suoi tre fratelli - Joseph, Abraham e Aaron - e i suoi genitori, Shlomo e Johanna. Suo nonno e le sorelle furono deportati ad Auschwitz nel settembre 1943, durante l'ultimo rastrellamento di ebrei ad Amsterdam. Il resto della famiglia è stato risparmiato perché i genitori di Haim non hanno aperto la porta del loro appartamento.

Quell'autunno, i genitori di Haim contattarono la resistenza olandese e mandarono i bambini nel villaggio di Nieuwland, dove erano nascosti 200 bambini ebrei. Usando un'identità presunta, Haim rimase con la famiglia di un medico olandese fino al maggio 1945, quando la Croce Rossa portò lui e i suoi fratelli dai loro genitori nel sud dell'Olanda. Sua madre li informò che due sorelle, un nonno e uno zio erano morti ad Auschwitz. Un'altra sorella morì di tifo e la sorella più giovane, liberata dagli Alleati, morì poco dopo perché versava in pessime condizioni fisiche. Haim e i suoi genitori si stabilirono in Israele nel 1949.

Haim Roet ha avviato il progetto commemorativo "Per ogni persona c'è un nome", Recitazione pubblica dei nomi delle vittime dell'Olocausto, in risposta a una manifestazione di protesta di ebrei di origine olandese in Israele contro il rilascio di due criminali nazisti dalla prigione. Haim ha recitato i nomi delle vittime ebree olandesi dell'Olocausto e da allora i nomi delle vittime sono stati recitati nel Giorno della Memoria degli eroi e dei martiri dell'Olocausto in Israele e all'estero. Haim poi si è concentrato sullo studio e il riconoscimento degli sforzi ebraici per salvare altri ebrei, servendo come presidente del Comitato per il riconoscimento degli ebrei che hanno salvato gli ebrei durante l'Olocausto.

Haim era sposato e ha avuto tre figli e otto nipoti. Una delle sue frasi era: "In modo che nessuna vittima rimanga anonima, ma piuttosto, ogni singolo individuo sia ricordato".

(Fonte e Foto: Yad Vashem)