Secondo le Nazioni Unite, a Gaza più di una persona su quattro muore di fame a causa della guerra

Condividi l'articolo sui canali social

Per l’insufficienza degli aiuti umanitari che entrano nella Striscia, più di mezzo milione di persone allo stremo per fame. Leggiamo la cronaca dell’Associated Press.

Più di mezzo milione di persone a Gaza – un quarto della popolazione – stanno morendo di fame, secondo un rapporto pubblicato giovedì dalle Nazioni Unite e da altre agenzie, che evidenzia la crisi umanitaria causata dal bombardamento e dall’assedio di Israele sul territorio in risposta all’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Secondo i dati del rapporto, l’entità della fame tra la popolazione ha eclissato persino le quasi carestie verificatesi in Afghanistan e Yemen negli ultimi anni. Il rapporto avverte che il rischio di carestia “sta aumentando ogni giorno”, imputando la fame agli aiuti insufficienti che entrano a Gaza.

“Non c’è niente di peggio”, ha detto Arif Husain, capo economista del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. “Non ho mai visto qualcosa di così grande come sta accadendo a Gaza. E a questa velocità”.

Israele afferma che è nelle fasi finali dell’eliminazione dei militanti di Hamas dal nord di Gaza, ma che si prospettano mesi di combattimenti nel sud.

La guerra scatenata dalla furia mortale di Hamas il 7 ottobre e dalla presa di ostaggi in Israele ha ucciso quasi 20.000 palestinesi. Circa 1,9 milioni di residenti di Gaza – più dell’80% della popolazione – sono stati cacciati dalle loro case e molti di loro sono stipati nei rifugi delle Nazioni Unite.

La guerra ha portato al collasso anche il settore sanitario di Gaza. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, solo nove delle 36 strutture sanitarie sono ancora parzialmente funzionanti, tutte situate nel sud del paese. Giovedì, gli operatori umanitari dell’OMS hanno riferito di scene “insopportabili” in due ospedali che hanno visitato nel nord di Gaza: pazienti costretti a letto con ferite non curate che chiedevano acqua, i pochi medici e infermieri rimasti senza provviste e corpi allineati nel cortile.

Bombardamenti e combattimenti sono continuati giovedì, e Internet e le comunicazioni che erano state interrotte per diversi giorni hanno cominciato gradualmente a riprendere in tutto il territorio.

I membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite hanno nuovamente ritardato il voto su una risoluzione, ormai indebolita, sponsorizzata dagli arabi, per la sospensione dei combattimenti per consentire maggiori consegne di aiuti. La votazione, inizialmente prevista per lunedì, da allora è stata posticipata di giorno in giorno. Gli Stati Uniti ora sostengono la risoluzione, ma altri membri del consiglio hanno affermato che, a causa dei cambiamenti significativi, hanno bisogno di consultare le loro capitali prima del voto, previsto per venerdì.

Altri paesi sostengono un testo più forte nella risoluzione che includerebbe l’appello ora eliminato per la sospensione urgente delle ostilità tra Israele e Hamas.

Invece, la formulazione ora richiede “misure urgenti per consentire immediatamente un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli, e anche per creare le condizioni per una cessazione sostenibile delle ostilità”. I passi non sono definiti, ma i diplomatici hanno detto che, se adottati, segnerebbero il primo riferimento del Consiglio alla cessazione delle ostilità.

Il rapporto di giovedì delle Nazioni Unite sulla fame a Gaza ha sottolineato il fallimento di settimane di sforzi statunitensi per garantire che maggiori aiuti raggiungano i palestinesi.

All’inizio della guerra, Israele ha interrotto tutte le consegne di cibo, acqua, medicine e carburante nel territorio. Dopo la pressione degli Stati Uniti, ha consentito l’arrivo di un filo di aiuti attraverso l’Egitto. Ma le agenzie delle Nazioni Unite affermano che solo il 10% del fabbisogno alimentare di Gaza è arrivato da settimane.

Questa settimana, Israele ha iniziato a consentire l’ingresso di aiuti a Gaza attraverso il valico di Kerem Shalom, cosa che ha fatto aumentare il numero di camion che entrano da circa 100 al giorno a circa 190 mercoledì, secondo le Nazioni Unite. Ma un attacco israeliano giovedì mattina ha colpito la parte palestinese del attraversando il confine, costringendo le Nazioni Unite a interrompere la raccolta di aiuti lì, secondo Juliette Touma, portavoce dell’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi.

Almeno quattro membri del personale al confine sono stati uccisi, ha riferito un vicino ospedale. L’esercito israeliano ha detto di aver colpito i militanti nella zona.

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha affermato che Israele ha lavorato per aumentare l’ispezione dei camion degli aiuti a 300 o 400 al giorno e ha incolpato le Nazioni Unite per la mancata consegna. L’importo degli aiuti potrebbe triplicare “se le Nazioni Unite, invece di lamentarsi tutto il giorno, facessero il loro lavoro”, ha detto, senza approfondire cosa dovrebbero fare di più le Nazioni Unite.

Il valico egiziano di Rafah ha una capacità limitata per l’attraversamento dei camion. Funzionari delle Nazioni Unite affermano che la consegna degli aiuti in gran parte di Gaza è diventata difficile o impossibile a causa dei combattimenti, e più di 130 membri del personale delle Nazioni Unite sono stati uccisi.

Il rapporto pubblicato giovedì da 23 agenzie delle Nazioni Unite e non governative ha rilevato che l’intera popolazione di Gaza è in crisi alimentare, con 576.600 persone a livelli catastrofici o che soffrono la fame. “È una situazione in cui praticamente tutti a Gaza soffrono la fame”, ha affermato Husain, economista del Programma alimentare mondiale.

“Le persone sono molto, molto vicine a grandi epidemie di malattie perché il loro sistema immunitario è diventato così debole perché non hanno abbastanza nutrimento”, ha detto.

Centinaia di persone si sono messe in fila giovedì in una mensa dei poveri nella città di Rafah, nel sud di Gaza, agitando tazze e pentole mentre aspettavano che la zuppa fosse servita da enormi tini appesi sopra fuochi di legna. Rafah, al confine con l’Egitto, è uno dei pochi luoghi che riceve aiuti regolari.

Aya Barbakh, che è stata sfollata a causa della guerra, ha detto che viene ogni giorno a cercare cibo.

“Siamo a nostro agio come le altre persone. Vediamo persone morire ogni giorno e vogliamo morire come loro. Siamo stati insultati e umiliati”, ha detto.

Mahmoud al-Qishawi, dell’organizzazione benefica americana Pious Projects che gestisce la cucina, ha detto che non c’è combustibile per cucinare, quindi devono cercare legna da ardere nel quartiere. “C’è un numero enorme di famiglie e non abbiamo cibo sufficiente per loro”.

Israele ha promesso di continuare l’offensiva finché non distruggerà le capacità militari di Hamas e restituirà decine di ostaggi catturati dai militanti palestinesi durante la furia del 7 ottobre. Quel giorno Hamas e altri militanti uccisero circa 1.200 persone, per lo più civili, e ne catturarono altre 240 circa.

Giovedì Hamas ha lanciato una raffica di razzi sul centro di Israele, dimostrando che le sue capacità militari rimangono formidabili. Non ci sono notizie immediate di vittime o danni.

Gli Stati Uniti hanno continuato a sostenere la campagna di Israele, sollecitando allo stesso tempo maggiori sforzi per proteggere i civili. Gli Stati Uniti vogliono che Israele passi ad operazioni più mirate contro i leader di Hamas e la rete di tunnel del gruppo.

Il Ministero della Sanità della Gaza gestita da Hamas ha dichiarato martedì che il bilancio delle vittime dall’inizio della guerra è salito a oltre 19.600. Non fa distinzione tra morti di civili e di combattenti.

Mercoledì, l’OMS ha consegnato forniture agli ospedali Ahli e Shifa nel nord di Gaza, dove le truppe israeliane hanno demolito vaste aree della città mentre combattevano i militanti di Hamas.

Nelle ultime settimane le forze israeliane hanno fatto irruzione in una serie di strutture sanitarie nel nord del Paese, detenendo uomini per interrogatori ed espellendone altri. Giovedì, le truppe hanno fatto irruzione nel centro ambulanze della Mezzaluna Rossa palestinese nel campo profughi di Jabaliya, portando via paramedici e personale delle ambulanze, ha detto il gruppo.

Secondo le Nazioni Unite e i funzionari sanitari, in alcune strutture sanitarie rimangono i pazienti che non possono essere spostati, insieme a uno staff ridotto all’osso che può fare ben poco oltre al primo soccorso.

L’ospedale Ahli è “un luogo dove le persone aspettano di morire”, ha detto Sean Casey, un membro del team dell’OMS che ha visitato i due ospedali mercoledì. Ad Ahli rimangono cinque medici e cinque infermieri insieme a circa 80 pazienti, ha detto.

Tutti gli edifici dell’ospedale sono danneggiati tranne due, dove ora sono tenuti i pazienti: il reparto di ortopedia e una chiesa sul terreno, ha detto, dove “i pazienti gridavano di dolore, ma chiedevano anche che gli dessimo acqua. “

L’esercito israeliano afferma che 137 dei suoi soldati sono stati uccisi nell’offensiva di terra a Gaza. Israele afferma di aver ucciso circa 7.000 militanti, senza fornire prove. Il gruppo attribuisce la responsabilità dell’alto numero di civili morti a Gaza ad Hamas, affermando che li usa come scudi umani quando combatte nelle aree residenziali.

(Fonte: Associated Press – Najib Jobain, Jack Jeffery, Colleen Barry – Foto: WHO/Nazioni Unite)