Gli Stati Uniti e Israele si stanno illudendo sugli accordi di Abramo

Condividi l'articolo sui canali social

Sugli "Accordi di Abramo", la serie di dichiarazioni firmate in diversi momenti da Israele con Emirati Arabi Uniti (EAU), Bahrein, Marocco e Sudan, con la mediazione dell'amministrazione Trump, proponiamo l'approfondimento comparso sulla World Politics Review di Amir Asmar, alto dirigente e analista di lunga data del Medio Oriente presso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Le dichiarazioni di fatti, opinioni o analisi espresse in questo articolo sono strettamente dell'autore e non riflettono la politica o la posizione ufficiale del Dipartimento della Difesa o del governo degli Stati Uniti.

All'inizio di giugno, il segretario di Stato americano Antony Blinken si è recato in Arabia Saudita, dove ha incontrato il sovrano de facto del regno, il principe ereditario saudita Mohamed Bin Salman. Il viaggio di Blinken faceva parte di uno sforzo per riparare i legami bilaterali, che si sono logorati nei due anni trascorsi dall'insediamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, a causa delle tensioni sulle violazioni dei diritti umani dell'Arabia Saudita e del suo rifiuto di aumentare la produzione di petrolio per abbassare i prezzi globali.

Ma mentre il miglioramento del tenore delle relazioni bilaterali è stato uno degli obiettivi principali del viaggio, Blinken ha anche menzionato ripetutamente, sia prima che dopo il suo arrivo a Riyadh, il desiderio dell'amministrazione Biden di espandere gli Accordi di Abramo, la serie di accordi di normalizzazione tra Israele e i paesi arabi lanciati nel 2020 dall'amministrazione dell'ex presidente Donald Trump. Finora gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein, il Marocco e il Sudan hanno firmato gli accordi. Anche se non l'ha detto esplicitamente, Blinken si riferiva chiaramente a quello che potrebbe essere definito il "Santo Graal" della politica statunitense in Medio Oriente: fare in modo che Riyad segua l'esempio e normalizzi i legami con Israele.

Questo sforzo è sostenuto dal consenso generale a Washington sul fatto che gli accordi sono stati un successo travolgente e che estenderli per includere l'Arabia Saudita non farà che aumentare i loro benefici. Ma questa potrebbe essere una valutazione eccessivamente rosea.

Per valutare più accuratamente sia lo stato attuale degli accordi che le loro prospettive future, è importante comprendere che il miglioramento delle relazioni con Israele era nel migliore dei casi un obiettivo secondario per i firmatari arabi. Gli Accordi di Abramo avevano un valore simbolico, poiché dimostravano il riconoscimento diplomatico di Israele da parte dei suoi vicini arabi dopo decenni di rifiuto. Tuttavia, gli accordi non promuovono l'accettazione popolare araba di Israele e certamente non sono all'altezza della cooperazione regionale contro l'Iran incentrata su Israele in cui speravano i politici statunitensi e israeliani. Infine, l'ottimismo di Israele sul fatto che gli accordi abbiano definitivamente messo da parte la questione palestinese, consentendo a Israele di espandere i suoi legami con i suoi vicini arabi senza compiere passi concreti verso una soluzione a due Stati, appare altamente dubbio.

Com'è cominciato

Fin dall'inizio, tutti i firmatari arabi degli accordi di Abramo hanno visto negli accordi il mezzo per raggiungere un obiettivo più importante e immediato, che di solito comportava un impegno concreto da parte degli Stati Uniti. Quando nel settembre 2020 gli Emirati Arabi Uniti hanno firmato gli Accordi di Abramo iniziali che normalizzavano le relazioni con Israele, coordinavano già da diversi anni le politiche con Israele per contenere le ambizioni regionali dell'Iran; per molti versi gli accordi hanno semplicemente formalizzato quel rapporto esistente. Abu Dhabi ha indicato che la firma dell'accordo aveva lo scopo di impedire a Israele di annettere parti della Cisgiordania, cosa che all'epoca era sul punto di fare con l'approvazione degli Stati Uniti. Nel caso del Bahrein, che è fortemente dipendente politicamente ed economicamente dall'Arabia Saudita, gli osservatori regionali hanno valutato che Riyadh aveva dato il via libera alla partecipazione di Manama per inviare un messaggio a Teheran che presto anche l'Arabia Saudita potrebbe aderire agli accordi se l'Iran non avesse ridotto la sua politica regionale di aggressione contro i suoi vicini arabi sunniti.

Israele vedeva chiaramente gli Accordi di Abramo come un modo per creare una coalizione regionale anti-Iran attraverso la cooperazione con gli stati arabi del Golfo. A questo proposito, gli accordi sono stati una delusione.

Nel dicembre 2020, il Marocco ha normalizzato le relazioni con Israele in cambio del riconoscimento da parte degli Stati Uniti del controllo di Rabat sulla contesa regione del Sahara occidentale. E nel gennaio 2021, il Sudan ha aderito agli Accordi di Abramo dopo che l'amministrazione Trump ha accettato di rimuovere il Sudan dall'elenco del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti degli "sponsor statali del terrorismo" e ha fornito un prestito di un miliardo di dollari per aiutare il Sudan a saldare i suoi debiti con la Banca Mondiale.

Da allora, l'attenzione si è concentrata sul fatto che l'Arabia Saudita avrebbe seguito l'esempio. Ma nonostante un certo disgelo nelle relazioni saudite-israeliane, compreso il sorvolo del territorio saudita da parte dell'aviazione civile israeliana e voli diretti di pellegrini musulmani da Israele alla Mecca, l'Arabia Saudita avrebbe articolato richieste specifiche a Washington per normalizzare le sue relazioni con Israele. Questi includono garanzie di sicurezza statunitensi, minori restrizioni sulla vendita di armi e assistenza nello sviluppo di un programma nucleare civile. Come ha riconosciuto anche Blinken prima della sua visita di giugno nel regno, durante la quale non sono stati compiuti progressi su un accordo saudita-israeliano, "non ci illudiamo che ciò possa essere fatto rapidamente o facilmente".

Come sta andando

Degli Accordi di Abramo già in vigore, quello tra Israele ed Emirati Arabi Uniti è quello di maggior successo fino ad oggi. Ha consentito un commercio ampliato, sulla base del primo accordo di libero scambio che Israele ha firmato con uno stato arabo; trasferimenti di tecnologia; la cooperazione nei settori finanziario, energetico e della sicurezza idrica; e ampie discussioni sulla cooperazione per la sicurezza regionale. Tuttavia, gli Emirati Arabi Uniti non hanno abbracciato la strategia di Israele di isolare l'Iran, optando invece per restituire il suo ambasciatore a Teheran nel settembre 2022 e plaudendo al recente riavvicinamento mediato dalla Cina tra Riyadh e Teheran.

Nel frattempo, sulla questione palestinese, Abu Dhabi ha criticato pubblicamente la politica israeliana sugli insediamenti, facendo circolare a febbraio una bozza di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che riafferma che gli insediamenti israeliani e l'annessione nei territori palestinesi, inclusa Gerusalemme est, costituiscono una flagrante violazione del diritto internazionale. Gli Emirati Arabi Uniti, insieme al Bahrein, hanno criticato pubblicamente la recente escalation di violenza nei Territori Occupati e le provocazioni da parte di alti funzionari del governo di estrema destra del Primo Ministro Benjamin Netanyahu. Resta da vedere se gli Emirati Arabi Uniti possono continuare a isolare le proprie relazioni economiche con Israele dalla chiara spirale discendente delle dinamiche israelo-palestinesi.

Sulla base in parte di legami storici e relazioni precedentemente cordiali, le relazioni del Marocco con Israele hanno prosperato dall'accordo del 2020. Le due parti hanno firmato un accordo di cooperazione per la difesa nel novembre 2021. Inoltre, dalla firma dell'accordo nel 2020, Rabat ha acquistato attrezzature militari e prodotti per la sicurezza informatica da aziende israeliane. Nel frattempo, le rotte aeree dirette riaperte hanno permesso a circa 200.000 israeliani di visitare il Marocco da quando sono stati firmati gli accordi, un aumento sostanziale rispetto ai numeri pre-pandemia. E un accordo commerciale firmato nel febbraio 2022 ha aiutato il commercio bilaterale a crescere di un terzo nel 2022.

Tuttavia, il re Mohamed VI ha dovuto anche difendere la sua politica estera dalle pubbliche accuse di minare la causa palestinese da parte di elementi della classe politica e della società civile di Rabat. Inoltre, il nuovo rapporto bilaterale rappresenta in gran parte una continuità con quanto ha preceduto gli Accordi di Abramo. Come ha sottolineato l'ex vice consigliere israeliano per la sicurezza nazionale Chuck Freilich, "l'intesa con il Marocco apre una nuova era, ma non cambia sostanzialmente una cooperazione di sicurezza che già esisteva de facto".

Da quando Israele e Bahrein hanno deciso di stabilire relazioni diplomatiche formali nel 2020, i due paesi hanno firmato dozzine di memorandum d'intesa per sostenere la futura cooperazione nei settori dell'intelligence, delle relazioni tra militari e della collaborazione industriale, tra gli altri. Tuttavia, l'effettiva portata della cooperazione continuerà a essere soggetta al sostegno o al vincolo saudita e alla vulnerabilità di Manama sulla questione palestinese. Esponenti dell'opposizione del Bahrein hanno criticato e protestato contro la decisione di normalizzare i rapporti con Israele. Di conseguenza, Manama, come gli altri firmatari degli Accordi di Abramo, ha pubblicamente criticato le pratiche israeliane nei territori palestinesi. L'ambasciatore del Bahrein negli Stati Uniti, Shaykh Abdullah bin Rashid Al Khalifa, ha indicato che "più diventa difficile [la questione palestinese], maggiore è il rischio per noi".

Qualunque fosse il suo potenziale, l'accordo tra Israele e Sudan è stato ritardato dall'interruzione della transizione di quel paese a un governo civile dopo il rovesciamento nel 2019 dell'ex dittatore Omar al-Bashir. Ora è stato affondato dallo scoppio dei combattimenti da aprile tra le forze armate sudanesi e il gruppo paramilitare Rapid Support Forces. Tra le pressioni internazionali per prevenire una guerra civile più ampia, la cerimonia della firma Israele-Sudan che avrebbe dovuto svolgersi dopo il trasferimento del potere a un governo civile a Khartoum è sospesa a tempo indeterminato.

Dove ci si dirige

Per Israele, l'obiettivo di firmare gli Accordi di Abramo era duplice. In primo luogo, è stata un'estensione degli sforzi in corso di Israele per contenere l'Iran attraverso sanzioni internazionali e isolamento diplomatico, nonché una minaccia militare credibile, in particolare per quanto riguarda il programma nucleare iraniano. Israele vedeva chiaramente gli Accordi di Abramo, incluso un potenziale accordo con l'Arabia Saudita, come un modo per creare una coalizione regionale anti-Iran attraverso la cooperazione con gli stati arabi del Golfo. A questo proposito, gli accordi sono stati una delusione.

I funzionari israeliani non possono fare a meno di essere preoccupati per il processo di normalizzazione recentemente annunciato tra Arabia Saudita e Iran. Sebbene il successo finale del riavvicinamento saudita-iraniano rimanga incerto, dimostra chiaramente che Riyadh, insieme ai suoi partner del Golfo, sta perseguendo opzioni per disinnescare le tensioni con Teheran per integrare qualsiasi ruolo che le relazioni con Israele potrebbero svolgere nell'equilibrare contro l'Iran.

La mossa per sciogliere i legami con Teheran riflette anche gli sforzi di Riyadh per adattarsi alla realtà del continuo ridimensionamento del suo ruolo da parte di Washington in Medio Oriente, uno sviluppo che anche i leader israeliani trovano particolarmente preoccupante. Ma il fatto che l'accordo saudita-iraniano sia stato annunciato sulla scia di un importante attacco missilistico contro Israele da parte di gruppi sostenuti dall'Iran a Gaza, Libano e Siria dimostra che gli attacchi contro Israele da parte degli alleati dell'Iran non saranno un ostacolo al riavvicinamento di Riyadh a Teheran . La recente decisione dell'Arabia Saudita di ospitare una delegazione di Hamas, dopo anni di attriti, non può che aumentare l'ansia di Israele.

Questo porta al secondo obiettivo di Israele nella firma degli Accordi di Abramo: dimostrare che la normalizzazione con i suoi vicini arabi potrebbe essere disgiunta dalla questione palestinese. Ma come già indicato, questa è nel migliore dei casi una conclusione prematura e nel peggiore un'illusione potenzialmente pericolosa. A marzo, ad esempio, il Forum del Negev, una conseguenza degli accordi di Abramo che comprende Israele, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Egitto, Marocco e Stati Uniti, è stato ritardato a causa delle tensioni tra Israele e palestinesi. Il Marocco, che avrebbe dovuto ospitare il raduno, alla fine lo ha annullato per protestare contro i passi israeliani per espandere gli insediamenti in Cisgiordania.

Per quanto i governi arabi possano sentire il valore della cooperazione con Israele, la loro opinione pubblica continua a sostenere i palestinesi e ad incolpare Israele per il fallimento nel raggiungere la pace.
Inoltre, è improbabile che i sauditi tacciano sulla questione palestinese nel perseguire la normalizzazione. L'anno scorso, il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir ha sottolineato che l'Iniziativa di pace araba del 2002 - in base alla quale le nazioni arabe si offrivano di normalizzare i legami con Israele in cambio della costituzione di uno Stato palestinese - chiede la pace tra Israele e gli stati arabi "alla fine del [Negoziato Israele-Palestina], non all'inizio”.

Le tensioni tra il nuovo governo di estrema destra israeliano e i palestinesi non possono migliorare questo quadro. Come ha testimoniato Daniel Shapiro, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Israele, davanti a una sottocommissione del Congresso a marzo, l'acuirsi delle tensioni e l'ulteriore allontanamento da una soluzione a due Stati renderà più difficile l'estensione degli Accordi di Abramo a nuovi membri e potrebbe smorzare il sostegno agli accordi negli Stati membri esistenti.

Infine, per quanto i governi arabi possano pensare al valore della cooperazione con Israele, la loro opinione pubblica continua a sostenere i palestinesi e ad incolpare Israele per il fallimento nel raggiungere la pace. La continua occupazione israeliana, le operazioni militari nei territori palestinesi e il fatto di determinare abitualmente vittime civili aumenteranno il costo politico per i leader arabi della normalizzazione con Israele. Incidenti come i recenti attacchi delle forze di sicurezza israeliane ai fedeli musulmani nella moschea Al-Asqa manterranno l'attenzione popolare sulla sofferenza palestinese piuttosto che sulla geopolitica regionale che i loro governi potrebbero prendere in considerazione.

Inoltre, col passare del tempo, gli Accordi di Abramo stanno diventando meno popolari nelle strade dei nuovi partner di Israele. I sondaggi del Washington Institute hanno mostrato che il 45% dei bahreiniti aveva opinioni molto o in qualche modo positive sugli accordi nel novembre 2020. Tale sostegno era sceso al 20% entro marzo di quest'anno. La tendenza è la stessa negli Emirati Arabi Uniti, dove il 49% del Paese che ha disapprovato gli Accordi di Abramo nel 2020 è cresciuto fino a superare i due terzi a partire da questa primavera. E solo il 31% dei marocchini è favorevole alla normalizzazione, secondo Arab Barometer.

Alla fine, gli Accordi di Abramo erano meno di quanto promesso al momento della loro firma. Nonostante l'ottimismo iniziale in Israele, non hanno prodotto più accordi di normalizzazione con altri paesi arabi. Anche quegli stati del Golfo che hanno a lungo intrattenuto relazioni informali con Israele, come l'Oman e il Qatar, hanno finora rifiutato di seguire gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain. Le richieste dell'Arabia Saudita suggeriscono che ci vorrà del tempo prima che Riyadh si unisca.

Mentre gli Stati Uniti cercano di dare la priorità alle sfide di politica estera al di fuori del Medio Oriente, il tentativo di lasciare la più grande minaccia della regione, l'Iran, nelle mani di Israele è semplicemente fallito. In particolare, gli Stati del Golfo che hanno avvertito la maggiore minaccia da parte dell'Iran hanno lavorato per mitigare i rischi attraverso la diplomazia. E mentre Israele è meno isolato nella regione e c'è stato un certo miglioramento nella qualità delle sue relazioni diplomatiche ed economiche con i suoi vicini arabi, questi progressi rimangono vulnerabili a causa delle opinioni negative del pubblico arabo su Israele, in particolare per quanto riguarda la questione palestinese .

Firmando gli accordi di Abramo, Netanyahu ha proclamato che "… questa non è solo una pace tra leader, è una pace tra i popoli". Tre anni dopo, tuttavia, gli accordi sono nel migliore dei casi poco più di una pace tra governi, e nel peggiore dei casi un insabbiamento di problemi che non scompariranno per il fatto di essere ignorati.

(Fonte: World Politics Review - Amir Asmar; Foto: Middle East Institute)