Terra Santa: Caritas Internationalis si unisce alla Giornata d’azione globale per chiedere un cessate il fuoco immediato

Condividi l'articolo sui canali social

Caritas Internationalis si unisce alla Giornata d’azione globale organizzata oggi, 18 dicembre, a sostegno di #CeasefireNow, l’appello aperto per un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza e in Israele per prevenire una catastrofe umanitaria e un’ulteriore perdita di vite innocenti.

All’iniziativa hanno aderito Caritas Internationalis e diverse delle 162 Caritas nazionali della Confederazione, tra cui Caritas MONA (Medio Oriente e Nord Africa) e Caritas Gerusalemme. La petizione coinvolge più di 800 organizzazioni in tutto il mondo e ha già raccolto più di 3,5 milioni di firme.

“In questa Giornata d’azione globale, esortiamo tutte le parti in Terra Santa a #CeasefireNow. Le persone in tutto il mondo devono unirsi e dire con una voce globale unita: ‘Basta! Cessate il fuoco! Fermate questo brutale bombardamento!’ Politica internazionale I leader devono esortare Israele e Hamas a: cessare il fuoco in Terra Santa; salvaguardare tutti i civili colpiti dal conflitto; osservare il diritto internazionale; garantire accesso umanitario e sicurezza; rilasciare tutti gli ostaggi e quelli arbitrariamente catturati”, afferma Alistair Dutton, segretario generale di Caritas Internationalis.

Dutton è stato recentemente in Terra Santa per trascorrere del tempo con il personale della Caritas a Gerusalemme e per visitare Betlemme e Ramallah in Cisgiordania, dove opera l’organizzazione. “A più di due mesi dall’inizio del conflitto, la brutalità di questo conflitto è orribile, con conseguenze catastrofiche per 2,2 milioni di persone che cercano sicurezza nella Striscia di Gaza. Quasi ventimila persone sono state uccise, ferite, sfollate e tenute in ostaggio , compresi i bambini. Non ci sono provviste, né assistenza sanitaria, né acqua, né elettricità, né calore, né luce, né sicurezza. Il brutale massacro di persone in Terra Santa deve finire!”

Unendosi alla Giornata d’azione globale di oggi, Caritas Internationalis ribadisce il suo appello per un cessate il fuoco immediato.

Si richiede inoltre di:

  • Garantire urgentemente un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli a e attraverso tutta Gaza e consentire operazioni di aiuto su larga scala e fornitori del settore privato, anche attraverso la riapertura del valico di Karem Abu Salem. Ripristinare servizi di base affidabili, tra cui acqua, elettricità, comunicazioni e consegne umanitarie e commerciali di cibo, articoli domestici di base e carburante;
  • Proteggere i civili, distinguendo tra civili e combattenti in conformità con le Convenzioni di Ginevra;
  • Rispettare il diritto internazionale umanitario e il diritto internazionale dei diritti umani
  • Liberare immediatamente e incondizionatamente i civili tenuti in ostaggio e tutti coloro che sono detenuti arbitrariamente.

Per firmare la petizione, clicca qui: https://www.change.org/p/sign-and-share-this-urgent-petition-calling-for-a-ceasefirenow-in-gaza-and-israel

(Foto: Caritas Internationalis)