Dietro uno scontro di rara intensità sulle moschee, la lotta per la fede in Cina

Condividi l'articolo sui canali social

La Repubblica Popolare sta distruggendo le caratteristiche architettoniche in stile arabo delle moschee, come cupole e minareti. Il controllo rafforzato sulla religione ha però incontrato una rara resistenza. Ne parla sul New York Times un articolo della corrispondente da Pechino Vivian Wang, che ha viaggiato attraverso la provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della Cina, parlando con residenti e funzionari dei controversi piani del governo per rifare le moschee della regione.

Passeggiando per Nagu, una cittadina tra le montagne della Cina sudoccidentale, i segni di una vivace comunità musulmana sono onnipresenti. Gli altoparlanti trasmettono brani di una traduzione cinese del Corano. Donne in foulard portano a casa da scuola i bambini chiassosi. La scrittura araba decora l'esterno delle case. A dominare tutto è la Moschea Najiaying, un edificio bianco sormontato da una cupola color smeraldo e quattro minareti che raggiungono i 230 piedi di altezza. Per decenni, la moschea è stata l'orgoglio della minoranza etnica musulmana Hui che vive qui. Il mese scorso è stata anche teatro di uno scontro.

La mattina del 27 maggio, dopo che le autorità hanno spinto le gru da costruzione nel cortile della moschea, una folla di residenti ha affrontato le centinaia di agenti di polizia in tenuta antisommossa che erano stati schierati per supervisionare i lavori. Mentre gli agenti bloccavano la moschea e usavano spray al peperoncino, i residenti lanciavano bottiglie d'acqua e mattoni. I rari scontri, descritti nelle interviste con testimoni oculari e catturati nei video pubblicati sui social media, mostrano come un aspetto della campagna del Partito Comunista Cinese per esercitare un maggiore controllo sulla religione potrebbe diventare più instabile.

Da quando il leader cinese, Xi Jinping, è salito al potere più di dieci anni fa, il partito ha abbattuto le chiese cristiane, raso al suolo le enclave buddiste tibetane e rinchiuso i musulmani uiguri in campi di internamento in nome della sicurezza politica. Ma ha anche perseguitato gruppi meno noti, tra cui gli Hui, che costituiscono meno dell'1% della popolazione e storicamente si sono ben assimilati alla maggioranza etnica Han.

Il partito ha sistematicamente chiuso, demolito o ridisegnato con la forza le moschee nelle enclavi Hui in tutto il paese, condannando le caratteristiche architettoniche arabe, come cupole e minareti, come prova dell'influenza straniera indesiderata sull'Islam in Cina. La resistenza è stata limitata e la moschea di Nagu, insieme a un'altra grande nella vicina città di Shadian, è tra le ultime grandi moschee con tale architettura ancora in piedi in Cina. Ma quando i funzionari locali hanno annunciato l'intenzione di rimuovere le cupole di entrambe le moschee e rifare i loro minareti in uno stile presumibilmente più "cinese", la gente di Nagu ha reagito.

“Questo tetto rappresenta il nostro rispetto e la nostra libertà. L'abbiamo scelto liberamente noi stessi all'epoca”, ha detto il signor Na, un residente hui sulla trentina, che ha chiesto di essere identificato solo con il suo cognome per paura di ritorsioni da parte del governo. La sua famiglia, come molti in città, aveva contribuito a finanziare i più recenti lavori di ristrutturazione della moschea nei primi anni 2000, quando furono aggiunti i minareti. "Ora dicono: 'La mia regola prevale sulla tua libera scelta'".

Le moschee di Nagu e Shadian rivestono particolare importanza nella storia del rapporto di Pechino con l'Islam, che ha oscillato tra conflitto e convivenza. La provincia dello Yunnan, dove si trovano sia Nagu che Shadian, è la più etnicamente diversificata della Cina e il popolo Hui - la maggior parte del quale parla mandarino ma si distingue per la fede musulmana - vive lì da secoli. La prima versione della moschea di Nagu fu costruita nel XIV secolo, in un tradizionale stile di cortile cinese. I musulmani dello Yunnan prosperarono come mercanti che commerciavano con il sud-est asiatico.

Poi, dopo la conquista comunista, i funzionari iniziarono ad attaccare la religione come controrivoluzionaria, specialmente durante il periodo di sconvolgimento politico del 1966-1976 noto come Rivoluzione Culturale. I musulmani di Shadian resistettero e nel 1975 i militari rasero al suolo la città e massacrarono fino a 1.600 residenti. Dopo la Rivoluzione Culturale, mentre la Cina si apriva al mondo, il governo si è scusato per il massacro. Ha sostenuto la ricostruzione di Shadian e ha permesso ai locali - molti dei quali potevano viaggiare all'estero per la prima volta - di costruire la Grande Moschea, la più grande della Cina sudoccidentale, nel suo attuale stile arabo. Modellato sulla Moschea del Profeta a Medina, in Arabia Saudita, l'edificio può contenere 10.000 persone e i suoi minareti sono visibili a chilometri di distanza. I funzionari lo hanno promosso come sito turistico.

Anche la moschea di Nagu, a 90 miglia da Shadian, è cresciuta e si è evoluta, diventando un centro di formazione regionale per gli imam. Quando la gente del posto, a partire dagli anni '80, aggiunse una cupola e altre caratteristiche arabe, il governo non intervenne. Nel 2018, il governo locale lo ha designato reliquia culturale. "Queste moschee simboleggiano che il governo cinese ha accettato di aver sbagliato durante la Rivoluzione Culturale", ha detto Ruslan Yusupov, studioso di Cina e Islam all'Università di Harvard. La moschea Shadian in particolare, ha detto, serve da promemoria “sia sulla violenza ma anche sulla ripresa sponsorizzata dallo stato”.

Ma negli ultimi anni, le restrizioni all'Islam hanno ricominciato ad accumularsi, soprattutto dopo un attacco del 2014 ai civili in una stazione ferroviaria di Kunming, la capitale dello Yunnan, che ha provocato la morte di 31 persone. Il governo cinese ha affermato che gli aggressori erano separatisti uiguri che avevano trascorso del tempo a Shadian. I funzionari hanno smesso di promuovere Shadian. A Nagu, alle insegnanti donne è stato impedito di indossare il velo a scuola, hanno detto i residenti. Un gruppo di volontari non offre più lezioni gratuite nella moschea, dopo che i funzionari hanno intensificato i controlli sull'istruzione.

Nel 2021 è arrivata a Nagu la cosiddetta campagna di "sinizzazione" per rimuovere i tratti arabi. I funzionari governativi hanno iniziato a visitare le case, a volte quotidianamente, per convincere i residenti a sostenere le modifiche alla moschea. Un cartellone pubblicitario della città mostra un rendering del piano del governo: la cupola scomparsa, i minareti decorati con gradinate a forma di pagoda. I funzionari sono anche recentemente andati di porta in porta a Shadian. "A causa della assoluta autorità che questi luoghi occupano nell'immaginazione" dei musulmani locali, "hanno dovuto lasciare queste due moschee fino alla fine", ha detto Yusupov.

Per i residenti di Hui a Nagu, che il New York Times ha visitato poco dopo la protesta, il piano di rimodellamento è stato un precursore di una repressione più radicale del loro stile di vita. Una donna sulla trentina, anche lei soprannominata Na – un cognome comune a Nagu – ha detto di essere cresciuta giocando e studiando nella moschea. Vicini e parenti avevano frequentato l'università altrove in Cina, ma tornarono a Nagu per la sua atmosfera pia e da piccola città, dove potevano trasmettere i valori musulmani ai loro figli. La signora Na ha detto che sarebbe disposta ad accettare la rimozione della cupola in isolamento: "La nostra fede è nei nostri cuori, è solo un edificio". Ma era preoccupata, soprattutto dopo aver visto le tattiche energiche delle autorità, che non si sarebbe fermata qui. "Il primo passo sono i lavori di ristrutturazione esterni", ha detto. "Il secondo passaggio ti dirà di cancellare la scrittura araba che abbiamo su ogni casa."

Le autorità non fanno retromarcia. Diverse ore dopo l'inizio dello scontro, la polizia si è ritirata dalla moschea, prima della preghiera di mezzogiorno. Ma il giorno successivo, le autorità locali hanno emesso un avviso in cui denunciavano il "grave sconvolgimento dell'ordine sociale" e promettevano una "severa repressione". Nei giorni successivi, i funzionari locali hanno ripetutamente diffuso quell'avviso attraverso gli altoparlanti, anche a tarda notte. Sulle piattaforme di social media cinesi fortemente censurate, i commenti islamofobici sono aumentati, anche da parte di commentatori affiliati al governo.

A Nagu, i residenti entravano e uscivano dalla moschea, ma la sicurezza rimaneva stretta, con un drone che volava sopra di loro. Gli agenti di polizia in borghese si sono avvicinati alla giornalista del Times e l'hanno fatta cacciare dalla città. Anche le autorità di Shadian erano in massima allerta, con i funzionari che hanno intercettato la giornalista alla stazione ferroviaria. Tuttavia, hanno deciso di portarla alla Grande Moschea. "Certo, il Corano è venuto dall'Arabia Saudita, ma dopo essere arrivato in Cina, deve adattarsi", ha detto Li Heng, un funzionario dell'ufficio locale per gli affari etnici e religiosi, mentre si trovava nella piazza davanti alla moschea. "Quando i nostri imam tengono sermoni", ha detto, "devono integrare i valori fondamentali del socialismo che il governo promuove". Il signor Li ha insistito sul fatto che i funzionari non stavano interferendo con la libertà religiosa e che il piano sarebbe andato avanti solo con il consenso della gente del posto. Ha aggiunto: “Il patriottismo è la più alta forma di credo religioso”.

A Nagu, le gru erano ancora nel cortile della moschea diversi giorni dopo lo scontro. La demolizione era probabilmente inevitabile, ha detto il signor Na, il residente Hui. Ma sperava che ai residenti sarebbe stato permesso di aggrapparsi ad altre libertà che non erano disposti a compromettere. Per lui, ciò includeva il diritto di trasmettere la sua religione ai suoi figli. "Se non riesci a proteggere la tua linea, allora gli altri ti vedranno come qualcuno senza una linea", ha detto, "e la calpesteranno ancora e ancora".

(Fonte: The New York Times - Vivian Wang; Foto: Thanakrit Gu)