Zelensky, "il Papa sostiene l'Ucraina, vuole davvero che la guerra finisca"

Condividi l'articolo sui canali social

"Il Papa sostiene gli ucraini e sostiene l'Ucraina. Vuole davvero che questa sanguinosa guerra finisca. L'ho incontrato due volte e ho richiamato la sua attenzione su alcune cose critiche, con le quali ha cercato di aiutarmi". Così il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky parla dei suoi incontri con papa Francesco in un'intervista rilasciata a Kiev al portale d'informazione latino-americano Infobae.

"La prima volta che abbiamo parlato gli ho raccontato dei prigionieri ricorda Zelensky -. Volevo che mi aiutasse con il ritorno della nostra gente. È una questione molto complicata perché restituire persone significa trovare angolazioni da cui spingere. È più facile tra i militari, tra gli ufficiali dell'intelligence che possono essere scambiati, ma lo scambio di civili, che non sono militari, che sono stati rubati dal nostro territorio dai russi, è più difficile da fare".

"La prima volta che ci siamo incontrati con lui, l'invasione su vasta scala non era ancora avvenuta, e gli ho chiesto di aiutarmi con i tatari di Crimea, con i prigionieri politici, gli ucraini, i giornalisti, i militari, ecc. - prosegue il presidente ucraino -. Mi ha aiutato con qualcosa, francamente ci ha provato e gli sono stato grato. Oltre alle preghiere, ovviamente".

"Le preghiere sono sufficienti?", gli chiede l'intervistatore Joaquín Sánchez Mariño. "Ho detto al Papa: 'La ringrazio per tutte le sue preghiere, ma sono qui non solo per unire il mondo intero nelle sue suppliche a Dio, ma anche per influenzare con la sua personalità quegli atei che non credono in niente, ma che tengono prigioniera la nostra gente'. E ha cercato di aiutare. In realtà. E gli ero molto grato", risponde Zelensky.

"La seconda volta che l'ho incontrato è stato di recente - dice quindi a proposito del secondo incontro in Vaticano del 13 maggio scorso -. Volevo che il Vaticano fosse rappresentato a un vertice di pace e volevo che il Papa sostenesse la mia formula per la pace. E che nessuno approfitti della sua personalità politica o di comunicatore, perché a volte il Papa parla di qualcosa e i media, alcuni media - soprattutto quelli russi - cominciano a travisarlo a proprio favore. Ecco perché era molto importante che parlassimo".

"Ha una posizione molto chiara sul sostegno all'Ucraina e sulla pace - conclude il presidente -. Gli ho chiesto della formula della pace e della deportazione dei bambini. Sa che migliaia dei nostri bambini sono stati portati in Russia e gli ho chiesto di usare i suoi contatti per influenzare il processo di ritorno di alcuni dei nostri bambini. Cerchiamo quegli strumenti, non è facile".

(Fonte: Infobae; Foto: Vatican Media)