I cristiani in Terra Santa rischiano l'estinzione

Condividi l'articolo sui canali social

"In Terra Santa, gli ebrei sembrano vivere nella paura perpetua e i musulmani nella rabbia inesorabile. Intrappolati nel fuoco incrociato ci sono i cristiani perché ogni centimetro di Gerusalemme significa storia ed eredità per i seguaci delle tre religioni abramitiche". E' il quadro che dipinge su UCA News il giornalista Ben Joseph, a proposito dei rischi di estinzione per i cristiani della Terra Santa. "Chiese, santuari e monasteri sono luoghi di rifugio, identità e speranza per i cristiani locali che affrontano minacce esistenziali perché agli ebrei in Israele viene detto di vedere i musulmani in Palestina come la loro bête-noir".

Il Ramadan di quest'anno, iniziato il 22 marzo, potrebbe rivelarsi il più difficile da gestire da anni poiché le tensioni sono rimaste alte in Terra Santa con un aumento della violenza quest'anno fino ad ora. Durante il Ramadan, quando i musulmani di tutto il mondo digiunano e pregano, Israele e i palestinesi si scontrano spesso con granate e lanciarazzi. Il mese sacro islamico è iniziato quest'anno con una nota triste poiché già più di 84 palestinesi sono stati uccisi dall'inizio dell'anno, che a questo ritmo supererà il bilancio dello scorso anno di 158, il più alto dal 2007. "Citando una storia passata nella Terra Santa colpita dalla violenza, gli esperti di sicurezza affermano che più palestinesi vengono uccisi negli scontri, maggiore è la probabilità che altri palestinesi si uniscano al ciclo di violenza", scrive ancora Ben Joseph su UCA News.

Da parte israeliana, quest'anno finora 13 persone sono morte negli attacchi palestinesi, aggiungendosi al timore già esistente dello Stato ebraico di reagire, qualunque cosa accada. Le forze di sicurezza israeliane non lasciano nulla di intentato per prevenire la violenza settaria durante il mese sacro musulmano del Ramadan, che quest'anno coincide con la festa ebraica della Pasqua ebraica e della Pasqua per i cristiani. Il governo israeliano ha rafforzato la sicurezza in tutta la Terra Santa, in particolare nella Città Vecchia e vicino al Monte del Tempio, poiché migliaia di palestinesi dovrebbero pregare nella moschea di Al-Aqsa, il terzo luogo più sacro dell'Islam, fino alla fine del Ramadan il 21 aprile. Gli ebrei venerano la cima della collina come il Monte del Tempio e i musulmani come Haram al-Sharif.

Alla fine di febbraio si sono svolti colloqui tra funzionari israeliani e palestinesi in Giordania, che funge da custode ufficiale dei siti islamici e cristiani a Gerusalemme, per disinnescare le tensioni durante il Ramadan. Dovrebbero fare il punto della situazione in aprile a Sharm-el Sheik, in Egitto, con la partecipazione di alti funzionari di Stati Uniti, Egitto e Giordania. Da quando i colloqui di pace israelo-palestinesi sono in stallo dal 2014, gli attacchi ai siti cristiani - risalenti al II o III secolo - sono diventati una routine.

La maggior parte dei cristiani in Israele sono arabi appartenenti alla Chiesa greco-cattolica, greco-ortodossa o cattolica romana. Finora, quest'anno, la violenza contro i cristiani e le loro proprietà ha preso una brutta piega. Il 19 marzo, secondo quanto riferito, due estremisti israeliani sono entrati nella chiesa del Getsemani a Gerusalemme est, dove si ritiene si trovi la tomba della Vergine Maria, e hanno aggredito fisicamente un vescovo e due sacerdoti che stavano conducendo un servizio religioso. Hanno anche tentato di distruggere le proprietà della chiesa. Il Patriarcato ortodosso di Gerusalemme, rappresentato dal Patriarca Teofilo III, insieme al Santo Sinodo e alla Confraternita del Santo Sepolcro, ha criticato il vandalismo, affermando che “non può essere giustificato in nessuna circostanza”.

Il 16 marzo, una scuola cattolica gestita dalle suore francescane di Nazareth è stata presa di mira da due sconosciuti armati. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. A febbraio, una statua di Gesù Cristo è stata vandalizzata presso la Chiesa della Condanna, considerata il luogo in cui Gesù è stato flagellato e condannato a morte. Un turista statunitense è stato trattenuto come sospettato. Nello stesso mese, decine di tombe cristiane sono state profanate in un cimitero sul Monte Sion, ritenuto il luogo in cui Gesù tenne la sua Ultima Cena. Due adolescenti ebrei sono stati successivamente arrestati. Il giorno di Capodanno, due uomini hanno rovesciato lapidi e infranto croci in un cimitero anglicano.

Tra i precedenti attacchi si segnalano quelli compiuti alla Basilica dell'Agonia, situata sul Monte degli Ulivi a Gerusalemme accanto all'Orto del Getsemani, quando un uomo ebreo di 49 anni ha versato del liquido infiammabile all'interno della chiesa, l'Abbazia benedettina della Dormizione a Gerusalemme, vandalizzata in cinque diverse occasioni e con un tentativo da parte di un aggressore nel 2014 di bruciare l'abbazia, oltre a un incendio doloso alla Chiesa della Moltiplicazione, situata sul Mare di Galilea, dove Gesù ha sfamato migliaia di persone attraverso la moltiplicazione di pani e pesci.

I luoghi sacri di Gerusalemme sono minacciati su più fronti, tra cui atti di vandalismo, intimidazioni da parte di coloni radicali e politiche governative ostili come la tassazione delle proprietà della Chiesa e la confisca di terreni venduti dalle chiese a gruppi privati presumibilmente per difendere gli interessi degli inquilini. Le politiche ostili del governo hanno costretto i leader della Chiesa cattolica, greco-ortodossa e armena a chiudere temporaneamente le saracinesche della chiesa del Santo Sepolcro nel febbraio 2018.

A Gerusalemme est vivono 230.000 israeliani insieme ad almeno 360.000 palestinesi. Entrambi vogliono il luogo come capitale del loro futuro Stato. "Il conflitto tra di loro serve solo a dividere ulteriormente i cristiani, quelli che si schierano con i palestinesi a causa delle loro radici arabe e quelli che si battono per lo stato ebraico", sottolinea l'autore dell'articolo. In assenza di sforzi per promuovere la pluralità e la diversità religiosa e lo Stato che lavora per un solo gruppo di persone, i cristiani in Terra Santa sono minacciati contemporaneamente dal denaro e dalla forza muscolare.

È stato riferito che le proprietà dei cristiani stanno diminuendo nei quartieri cristiani della Città Vecchia di Gerusalemme mentre è in corso un tentativo sistematico di cacciarli via. Ma "i cristiani sono essenziali per l'identità di Gerusalemme - patrimonio comune di ebraismo, cristianesimo e islam - e renderla monopolio esclusivo di una religione equivale a imbiancare la storia".

(Fonte: UCA News)