La pace tra israeliani e palestinesi è sparita dall'agenda internazionale

Condividi l'articolo sui canali social

La pace tra israeliani e palestinesi è un capitolo ormai scomparso dall'agenda internazionale, finito in una sorta di dimenticatoio. Ne parla sulla World Politics Review, in un articolo del 16 maggio, Lina Khatib, direttrice del SOAS Middle East Institute presso la SOAS University di Londra. È anche MBI Al Jaber Chair in Middle East Studies e Professor of Practice presso il Department of Politics and International Studies della SOAS. Il suo lavoro sul Medio Oriente abbraccia la geopolitica, i conflitti, le transizioni politiche e la politica estera nei confronti della regione.

Ieri ricorreva il 75° anniversario della costituzione dello Stato di Israele e della Nakba palestinese, o “catastrofe”. Arriva in un momento in cui le prospettive di pace tra israeliani e palestinesi sono particolarmente scarse. Sia Israele che l'Autorità palestinese stanno affrontando sfide politiche interne, mentre gli sforzi internazionali per la pace sono tiepidi. Nel frattempo, la violenza quotidiana tra israeliani e palestinesi continua, punteggiata da periodiche esplosioni di combattimenti più pesanti. L'ultimo episodio ha visto cinque giorni di intensi scontri tra Israele e il gruppo militante della Jihad islamica a Gaza, che si sono conclusi domenica con un cessate il fuoco.

Una prima ondata di violenza è iniziata dopo che Khader Adnan, un membro di spicco della Jihad islamica, è morto in una prigione israeliana il 2 maggio, a seguito di uno sciopero della fame di 86 giorni. La Jihad islamica, un gruppo armato sostenuto dall'Iran con sede a Gaza e designato come organizzazione terroristica da Israele, ha di conseguenza lanciato razzi contro obiettivi israeliani, a cui le forze di difesa israeliane, o IDF, hanno risposto bombardando Gaza. Il conseguente cessate il fuoco non ha tenuto, poiché martedì scorso l'IDF ha iniziato quella che ha chiamato Operazione Scudo e Freccia, una campagna di attacchi aerei contro i leader della Jihad islamica e oltre 400 siti a Gaza. Mercoledì, la Jihad islamica ha reagito con quella che ha chiamato Operazione Vendetta dei liberi, lanciando più di 1.500 razzi secondo le stime dell'IDF, anche su Gerusalemme, anche se molti sono stati intercettati dalle difese missilistiche israeliane. Quando le due parti hanno concordato un altro cessate il fuoco domenica, la violenza aveva provocato la morte di 34 palestinesi e un israeliano.

Tuttavia, il cessate il fuoco di domenica non ha fatto nulla per creare condizioni che avrebbero aperto la strada a una riduzione della tensione a lungo termine. Quindi, sebbene quest'ultimo episodio sia stato il combattimento più intenso tra le fazioni israeliane e palestinesi dal 2014, è improbabile che sia l'ultimo.

Nel frattempo, i palestinesi rimangono divisi politicamente. L'attuale presidente dell'Autorità palestinese, Mahmoud Abbas, ricopre la carica da 18 anni. Nel 2007, Hamas ha preso il controllo di Gaza con un'acquisizione armata, e da allora la Cisgiordania e Gaza sono state sotto una guida separata. I discorsi sull'organizzazione di elezioni unificate sono aumentati e fluiti nel corso degli anni, l'ultima nel 2021, quando i sondaggi sono stati programmati ma alla fine annullati.

La riconciliazione intra-palestinese continua a incontrare ostacoli significativi, non ultima la mancanza di chiarezza su chi potrebbe succedere ad Abbas, che ha 87 anni e deve affrontare molteplici problemi di salute. Abbas affronta le critiche all'interno dei circoli palestinesi per aver trasformato l'Autorità palestinese in un sistema presidenziale durante i suoi anni al potere. Nel 2018 ha chiesto lo scioglimento del parlamento, che comunque era defunto dalla scissione del 2007 con Hamas, e nel 2021 ha attuato misure che gli hanno conferito più potere sia sul legislativo che sull'esecutivo.

Israele sta affrontando divisioni politiche proprie. Il primo ministro Benjamin Netanyahu è tornato al potere lo scorso ottobre a capo del governo più di destra che Israele abbia mai avuto. Le sue proposte di riforma giudiziaria hanno innescato le più grandi proteste nella storia del paese fino a quando non le ha ritirate per ulteriori consultazioni a marzo. Ma al di là delle riforme giudiziarie, molti israeliani sono preoccupati per le posizioni estremiste assunte da alcuni dei ministri del governo nominati da Netanyahu e per le loro implicazioni per i diritti umani e la stabilità. Giovedì scorso, mentre era in corso l'Operazione Scudo e Freccia, uno di quei ministri, il ministro delle finanze Bezalel Smotrich, ha dichiarato a Channel 14 della televisione israeliana che alla fine Israele non avrebbe avuto altra scelta che riconquistare Gaza per garantire la sua sicurezza.

Netanyahu continua ad affrontare una massiccia opposizione popolare alle riforme giudiziarie che promette ancora di attuare, con proteste contro di esse che continuano ogni sabato in tutto Israele. Alcuni israeliani sono persino scesi in piazza a Tel Aviv sabato scorso, nonostante gli organizzatori chiedessero una sospensione delle manifestazioni a causa della raffica di razzi lanciati dalla Jihad islamica. Commentando l'Operazione Scudo e Freccia, l'ambasciatore palestinese nel Regno Unito, Husam Zomlot, ha descritto gli attacchi aerei israeliani come un tentativo di Netanyahu di deviare i suoi problemi su Gaza. Alcuni commentatori in Israele hanno anche inquadrato l'Operazione Scudo e Freccia come un'opportunità per Netanyahu di rafforzare la sua posizione politica.

A livello internazionale, il conflitto israelo-palestinese rimane nel dimenticatoio. Il ruolo dell'Egitto è stato in gran parte ridotto all'intermediazione di cessate il fuoco, come l'ultimo tra Israele e la Jihad islamica. Gli accordi di Abramo, che hanno normalizzato le relazioni di Israele con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein, tra gli altri, non hanno portato a maggiori sforzi regionali per porre fine al conflitto, concentrandosi invece sul rafforzamento delle relazioni bilaterali tra Israele e i firmatari arabi. Le recenti violente repressioni da parte delle autorità israeliane contro i palestinesi, come ad esempio alla moschea di Aqsa durante il Ramadan all'inizio di quest'anno, hanno messo in imbarazzo gli stati arabi che hanno intensificato l'impegno con Israele. Ma gli stati del Golfo Persico non hanno compiuto alcuno sforzo diplomatico per affrontare il conflitto israelo-palestinese, in parte a causa del disagio con il governo di estrema destra di Netanyahu e in parte perché gli stati del Golfo stanno dando priorità alla propria sicurezza interna e regionale.

Per la prima volta quest'anno le Nazioni Unite hanno commemorato la Nakba. Sebbene la decisione abbia fatto arrabbiare Israele, rimane una mossa simbolica e non si è tradotta in un'azione diplomatica. Lo stesso si può dire delle osservazioni fatte venerdì scorso da Francesca Albanese, relatrice speciale Onu sui diritti umani nei Territori occupati, che durante una visita a Londra ha affermato che Israele tratta i Territori occupati palestinesi come sue “colonie”. Il ministro di Stato britannico per il Medio Oriente, Tariq Ahmad, considera il conflitto israelo-palestinese una priorità per la politica mediorientale di Londra. Ma in pratica, Londra continua a scimmiottare Washington, dove il conflitto è in basso nell'agenda della politica estera degli Stati Uniti. Tutto ciò sottolinea il perdurare dello stallo nel processo di pace israelo-palestinese, che dopo 75 anni è a un punto particolarmente basso.

(Fonte: World Politics Review - Lina Khatib; Photo: Israel Defense Forces)