Un Nobel per la Pace contro il regime degli Ayatollah

Condividi l'articolo sui canali social

L'attivista iraniana per i diritti umani Narges Mohammadi, detenuta in carcere, ha vinto il Premio Nobel per la Pace 2023. Leggiamo la cronaca della Bbc.

Annunciando la decisione, il Comitato norvegese per il Nobel ha affermato che la signora Mohammadi, 51 anni, è stata onorata per la sua lotta contro l'oppressione delle donne in Iran. La sua lotta ha avuto un “enorme costo personale”, ha detto la presidente della commissione Berit Reiss-Andersen. Ha riferito che la signora Mohammadi sta attualmente scontando una pena detentiva di 31 anni in Iran ed è stata sottoposta a 154 frustate.

Alla cerimonia di venerdì a Oslo, la signora Reiss-Andersen ha detto che il prestigioso premio è stato assegnato alla signora Mohammadi per "la sua lotta contro l'oppressione delle donne in Iran e la sua lotta per promuovere i diritti umani e la libertà per tutti".

Ha iniziato il suo discorso con le parole "donna - vita - libertà" - un riferimento al motto delle recenti proteste di massa che hanno investito l'Iran. Ha continuato descrivendo il premio come un riconoscimento alle centinaia di migliaia di iraniani che hanno manifestato nell'ultimo anno contro "le politiche di discriminazione e oppressione del regime teocratico nei confronti delle donne" - un movimento guidato, ha detto, dal nuovo premio Nobel.

Milioni di iraniani applaudiranno questo premio insieme agli attivisti per i diritti umani di tutto il mondo. La decisione del comitato Nobel invia anche un segnale molto forte di disapprovazione alle autorità iraniane. Nel corso della cerimonia, la signora Reiss-Andersen ha anche esortato l'Iran a rilasciare la signora Mohammadi dal carcere in modo che potesse partecipare alla cerimonia di premiazione a dicembre.

"Se le autorità iraniane prenderanno la decisione giusta, la rilasceranno in modo che possa essere presente a ricevere questo onore, che è ciò che speriamo principalmente". Ma sembra altamente improbabile che l’attivista possa effettivamente ritirare il suo premio. L'ONU ha affermato che il premio ha evidenziato "il coraggio e la determinazione delle donne iraniane e il modo in cui sono fonte di ispirazione per il mondo".

Nazanin Zaghari-Ratcliffe, una cittadina britannico-iraniana che ha trascorso del tempo nel carcere Evin di Teheran con la signora Mohammadi fino al suo rilascio nel marzo 2022, ha detto di essere contenta per la sua amica.

"Mi fa piangere. Ha fatto così tanto per tutti noi a Evin. Narges è un'ispirazione e un pilastro per le donne nel reparto femminile di Evin per la sua coraggiosa lotta contro le violazioni dei diritti delle donne, l'uso dell'isolamento e l'esecuzione nel sistema giudiziario iraniano. "Questo premio appartiene a ogni singola donna iraniana che, in un modo o nell'altro, è stata e rimane vittima dell'ingiustizia in Iran".

Oltre alla sua lunga pena detentiva, la signora Mohammadi è stata arrestata 13 volte e condannata cinque volte. Lo scorso dicembre, ha scritto dal carcere per fornire alla BBC dettagli strazianti di come le donne iraniane detenute durante le manifestazioni subissero abusi sessuali e fisici. Ha detto che tali aggressioni sono diventate più comuni durante le proteste, innescate dalla morte della 22enne Mahsa Amini nel settembre 2022 mentre era in custodia di polizia.

I disordini si sono poi diffusi in tutto il paese, con richieste che andavano da maggiori libertà al rovesciamento dello Stato. Le immagini di donne iraniane che danno fuoco ai loro veli con aria di sfida hanno affascinato il mondo. Le autorità iraniane hanno represso brutalmente le proteste, che in gran parte si sono calmate.

La signora Mohammadi è vice capo del Centro per i difensori dei diritti umani. L'anno scorso è stata inclusa nella BBC 100 Women, una lista di alto profilo di 100 donne ispiratrici e influenti da tutto il mondo.

(Fonte: Bbc News - Caroline Hawley/Jaroslav Lukiv; Foto: Amnesty International Australia)