In Mali i gruppi ribelli islamisti formano governi ombra

Condividi l'articolo sui canali social

Man mano che sempre più comunità in Mali cadono sotto il controllo di una fiorente insurrezione, il governo del paese si trova a lottare per affermare ciò che resta della sua autorità. Vari gruppi estremisti stanno espandendo sempre più la loro portata, lanciando persino attacchi alle basi militari maliane entro 10 miglia da Bamako, la capitale del Mali. Con ogni mese in cui l'insurrezione continua, la graduale erosione del potere statale diventa più visibile. Più di un decennio da quando un intervento militare francese ha ribaltato la situazione contro un'offensiva dei ribelli, il Mali affronta una rinnovata prospettiva di collasso dello stato. E' quanto scrive sulla World Politics Review Alexander Clarkson, docente di Studi europei al King's College di Londra.

Questo disastro al rallentatore coinvolge un mix di gruppi estremisti, tra cui il Jama'at Nasr al-Islam wal Muslimin, o JNIM, allineato con al-Qaida, e altri fedeli allo Stato islamico affiliato allo Stato islamico nel Grande Sahara, o ISGS. E dopo che un decennio di guerra ha ulteriormente minato lo sviluppo economico e la coesione sociale, le difficoltà affrontate dallo Stato maliano si stanno manifestando in un momento in cui sta vivendo uno stress ancora maggiore rispetto alla corsa alle ribellioni armate che hanno quasi travolto il governo nel 2012.

Dopo quasi un decennio di vacillanti sforzi contro l'insurrezione, il rapporto tra la giunta al governo del Mali guidata dal colonnello Assimi Goita e la Francia, l'ex sovrano coloniale del Mali, è andato in pezzi a seguito di due colpi di stato militari in meno di un anno che riflettevano la diffusa frustrazione pubblica per il peggioramento dell'insicurezza in tutto il Paese. Il ritiro delle truppe francesi dal Mali nell'agosto 2022, in mezzo all'ostilità di Bamako, ha segnato la fine ignominiosa di una vasta impronta antiterrorismo in Mali che includeva forze armate di altri stati dell'Unione Europea, nonché una grande missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite che Parigi ha presentato come un esempio di operazioni di controinsurrezione riuscite solo pochi anni prima.

Di fronte alla perdita della maggior parte degli aiuti militari e finanziari occidentali a seguito della rottura delle relazioni tra Bamako e Parigi, nel dicembre 2021 la giunta del Mali ha assunto contractors militari privati del gruppo russo Wagner per fornire supporto sul campo di battaglia per le operazioni di controinsurrezione in corso. Questi mercenari russi sono arrivati con elicotteri da combattimento, ingenti carichi di armi e la volontà di commettere crimini di guerra contro i civili accusati di ospitare ribelli. Sebbene queste operazioni abbiano trovato una certa popolarità tra le parti della società maliana desiderose di ritorsioni contro gli insorti, nonché contro i fulani e altre comunità etniche accusate di sostenerle, queste forze russe si sono dimostrate incapaci di ripristinare il potere dello Stato maliano come qualsiasi partner di sicurezza esterno prima di loro .

Ma per quanto l'esercito francese e i mercenari russi possano riflettere tradizioni militari molto diverse, la loro rispettiva incapacità di sconfiggere i gruppi ribelli - che sono spesso preoccupati di combattersi tra loro quanto lo Stato maliano - ha le sue radici nello stesso approccio fondamentalmente imperfetto verso le operazioni di controinsurrezione. C'è una tendenza a concentrarsi sui guadagni fugaci sul campo di battaglia forniti dalle forze delle operazioni speciali rispetto alle strutture logistiche più banali necessarie per la resilienza militare, così come la natura intrinsecamente destabilizzante dei sistemi presidenziali sovracentralizzati - tutti aspetti di un più ampio approccio disfunzionale verso la controinsurrezione che questa rubrica ha trattato negli articoli precedenti.

Tuttavia, forse il più grande ostacolo agli sforzi di controinsurrezione che ottengono risultati è la cronica incapacità dello Stato maliano e dei suoi sostenitori esterni di contrastare le sfide poste dalle strutture di governance ombra. Per quanto rudimentali possano sembrare, la velocità con cui ISGS, JNIM e altri gruppi ribelli stabiliscono i propri sistemi di riscossione delle entrate e risoluzione dei conflitti, attraverso la rigida applicazione della loro interpretazione della legge della Sharia, ha permesso loro di sfidare la presa che lo Stato del Mali esercita sulle comunità locali.

La creazione di sistemi sotterranei di istruzione, assistenza sanitaria e giustizia come valide alternative alle istituzioni statali corrotte è fondamentale per il successo di un movimento di ribellione.
L'incapacità della Francia di andare oltre il contenimento e respingere attivamente gli insorti è ancora più notevole se si considera la frequenza con cui i diplomatici e gli ufficiali dell'esercito francesi hanno sottolineato l'importanza di ripristinare l'accesso alle capacità statali e ai servizi pubblici per le popolazioni locali per il successo di una campagna di controinsurrezione. Nonostante tutti i successi tattici ottenuti da attacchi con droni, pattugliamenti a lungo raggio o raid delle forze speciali - condotti da una forza che al suo apice contava quasi 5.000 soldati nella regione del Sahel - l'esercito francese non è stato in grado di lavorare efficacemente con le controparti nelle istituzioni maliane per ripristinare una governance efficace necessaria per ricostruire la fiducia locale nello Stato.

L'incapacità di molti funzionari militari e governativi francesi di scrollarsi di dosso un'eredità di condiscendenza neo-imperiale nei confronti delle élite nazionali e regionali all'interno della sua ex colonia, ha spesso ostacolato la cooperazione con i leader civili e militari maliani che spesso sentivano che i propri interessi istituzionali venivano ignorati, ancora una volta, da un potere esterno. Tuttavia, nonostante tutte queste tensioni, la misura in cui le tradizioni costituzionali del presidenzialismo ipercentralizzato sono profondamente radicate in Francia, così come in Mali, ha fatto sì che le figure di spicco di entrambe le parti spesso rimanessero cieche di fronte a quanto sia cruciale il decentramento del potere. Certamente, il potere decentralizzato potrebbe aiutare ad attrarre élite locali disamorate che potrebbero altrimenti unirsi a un movimento di insurrezione e fornire i quadri dirigenti necessari per ottenere guadagni territoriali duraturi.

Optando per il sostegno di Wagner, la giunta militare di Bamako ha scelto di usare la brutale pressione che i mercenari russi sono disposti a esercitare per raddoppiare gli sforzi futili per imporre la centralizzazione statale. Sebbene i crimini di guerra contro i civili accusati di sostenere gruppi ribelli possano aiutare la giunta militare a generare un certo controllo territoriale per un periodo limitato, tale calcolata disumanità può alienare intere comunità a lungo termine, rendendo molto più facile per i jihadisti presentarsi come guardiani contro uno Stato oppressivo il cui potere è concentrato in una lontana capitale.

Anche quando fanno pagare ai civili posti di blocco per l'accesso alle strade che controllano, tali gruppi ribelli possono ottenere rapporti di lavoro con le imprese locali, purché rimangano più affidabili di ufficiali militari corrotti o funzionari governativi. Con circa 1.000 mercenari Wagner che combattono a fianco di circa 20.000 soldati e gendarmi maliani addestrati che affrontano quasi 7.000 ribelli in JNIM, ISGS e altri gruppi, non ci sono abbastanza truppe sul campo per sostenere un controllo duraturo attraverso la sola forza bruta. E senza la capacità di finanziare adeguatamente scuole, assistenza sanitaria, servizi igienico-sanitari e altri servizi pubblici che dimostrino i vantaggi della lealtà allo Stato, i governi di tutto il Sahel e dell'Africa occidentale semplicemente non possono competere con le strutture di governo ombra stabilite dai gruppi ribelli, che percorrono un lungo cammino per aiutarle a integrarsi con successo nelle comunità locali.

Di fronte a una corruzione diffusa tra amministratori e polizia sottopagati, i civili possono persino trovare meno costoso effettuare pagamenti regolari a gruppi di insorti locali con il potere di far rispettare l'ordine, piuttosto che a governi riconosciuti a livello internazionale. Se le élite locali si trovano tagliate fuori dall'accesso alle strutture del potere nazionale nella capitale, possono essere costrette a guidare gruppi ribelli che potrebbero fornire un mezzo attraverso il quale riaffermare il controllo su ampi tratti di territorio nelle loro regioni d'origine.

Forse l'area di competizione più cruciale tra lo Stato formale e i sistemi di governo ombra che i gruppi ribelli mettono in atto è nella gestione della giustizia. Con l'aspirazione di sostituire il sistema politico esistente, una volta che ha preso piede in una comunità locale, qualsiasi gruppo di ribelli coerente tenta rapidamente di stabilire la legittimità del proprio sistema giudiziario ombra, affermando che può offrire decisioni più giuste e rapide rispetto al sistema legale del governo. Se, come nel caso del Mali e di altri paesi del Sahel, le élite al potere si dimostrano incapaci o riluttanti a frenare la corruzione giudiziaria o a fornire un'efficace polizia, allora anche la più brutale operazione militare non riuscirà a impedire il ritorno dell'egemonia dei ribelli una volta che le truppe governative oppure i mercenari sono passati al distretto successivo.

(Fonte: World Politics Review, Alexander Clarkson - Photo: Mark Fischer)