I profughi Rohingya riluttanti a tornare in Myanmar senza garanzie sulla cittadinanza

Condividi l'articolo sui canali social

I rifugiati Rohingya in Bangladesh hanno espresso preoccupazione e paura, lo scorso sabato, in merito ai piani riguardanti il loro ritorno nel vicino Myanmar. I leader dei rifugiati, insieme ai funzionari del Bangladesh, hanno visitato il Myanmar venerdì per valutare la possibilità di rimpatriare i circa 1,2 milioni di rifugiati Rohingya attualmente in Bangladesh.

La delegazione di 27 membri ha visitato lo Stato di Rakhine in Myanmar, l'area da cui è fuggita la maggior parte dei Rohingya a causa della repressione militare iniziata nell'ottobre 2016. Il rimpatrio dei rifugiati Rohingya - comunità di religione musulmana - è da anni nell'agenda delle Nazioni Unite, ma non sono stati compiuti progressi concreti, nonostante le pressioni del Bangladesh.

Il team che ha visitato lo Stato di Rakhine ha preso parte a un progetto pilota Bangladesh-Myanmar mediato dalla Cina. Al loro ritorno, alcuni membri Rohingya della delegazione hanno dichiarato ai media che si sarebbero rifiutati di tornare in Myanmar perché, secondo l'attuale proposta, non avrebbero ottenuto la cittadinanza.

Il commissario per il soccorso e il rimpatrio dei rifugiati del Bangladesh Mizanur Rahman, che ha guidato la delegazione, ha detto ad Arab News che le autorità del Myanmar stanno proponendo un sistema di carta di verifica nazionale per il ritorno dei rifugiati. Sebbene tale identificazione alternativa sia stata ampiamente criticata dai gruppi per i diritti quando l'idea è stata lanciata per la prima volta dal Myanmar nel 2019, Rahman ha affermato che era comunque migliore di ciò che veniva offerto ai rifugiati in Bangladesh. "È meglio avere una vita con alcuni diritti civili che una vita senza diritti civili", ha detto. “È il loro paese. Qui nei campi, il Bangladesh non ha nemmeno riconosciuto loro lo status di rifugiati”.

Sebbene ospiti i Rohingya da anni, il Bangladesh non è uno dei firmatari della Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati del 1951. La violenza subita dalla comunità Rohingya in Myanmar – che gli osservatori internazionali hanno definito genocidio o pulizia etnica – rende comprensibilmente molti riluttanti a tornare nella loro patria ufficiale.

"Qual è la garanzia che non saremmo torturati di nuovo dalla giunta militare una volta tornati?", ha affermato Mohammed Rezuwan Khan, un attivista Rohingya in Bangladesh. “Non vogliamo altro che i nostri diritti, in modo da non trasformarci di nuovo in rifugiati, nemmeno dopo 100 anni - le nostre prossime generazioni non devono trasformarsi in rifugiati. Vogliamo risolvere questa crisi e l'unica soluzione è garantire pari diritti e fornire diritti di cittadinanza al popolo Rohingya". “Serve solo la cittadinanza, anche se non ci viene dato altro”, ha continuato. “Se otteniamo la cittadinanza, possiamo fare il resto da soli; potremo guadagnare soldi, studiare… possiamo fare tutto ciò che è necessario per la nostra comunità”.

Se una missione di mantenimento della pace potesse garantire la loro protezione in Myanmar, allora i rifugiati probabilmente sceglierebbero di tornare, ha aggiunto. "Questo processo dovrebbe coinvolgere la comunità internazionale", ha detto ancora. "Gli Stati Uniti e altri paesi importanti dovrebbero stare al nostro fianco". L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, intanto, ha finora preso le distanze dall'attuale proposta, citando le condizioni insostenibili nel Myanmar governato dalla giunta militare.

Per Mohammad Nur Khan, attivista per i diritti del Bangladesh ed esperto di migrazione, non sorprende che i rifugiati siano scettici su ciò che li attende se dovessero tornare in Myanmar. “I Rohingya sono stati ingannati per molto tempo. Erano oggetto di torture e atrocità. La squadra che ha visitato (Myanmar) venerdì non ha guadagnato fiducia da quella visita ", ha affermato. Soddisfare le richieste più fondamentali della comunità Rohingya – come la questione della cittadinanza – è della massima importanza per costruire la fiducia, ha detto Khan ad Arab News. "Non ci sarà alcuna possibilità di raggiungere un compromesso aggirando le loro richieste principali", ha osservato. "Senza il coinvolgimento di tutte le parti interessate e delle agenzie umanitarie internazionali, penso che non sia possibile raggiungere (un accordo)".

(Fonte: Arab News - Shehab Sumon; Photo: EU Civil Protection and Humanitarian Aid - Peter Biro)