Si conclude un anno storico per i rapporti Vietnam-S.Sede. Il Papa nomina un rappresentante diplomatico residente

Condividi l'articolo sui canali social

Papa Francesco ha nominato ieri il nunzio apostolico in Singapore, monsignor Marek Zalewski, arcivescovo titolare di Africa, anche rappresentante pontificio residente in Vietnam. Non si tratta ancora di una piena apertura delle relazioni diplomatiche con il Paese asiatico, ma è la prima volta che la Santa Sede nomina un rappresentante pontificio residente nella Repubblica socialista vietnamita.

I cattolici in Vietnam sperano ora anche in una maggiore libertà religiosa nel prossimo anno dopo che le relazioni tra il governo e il Vaticano sono notevolmente migliorate nel corso del 2023. Padre Anthony Duong Quynh, vicario generale dell’arcidiocesi di Hue, ha detto che i cattolici di tutto il Paese governato dai comunisti sono lieti di vedere il significativo passo avanti nelle relazioni tra le due parti.

Il Vaticano e il governo vietnamita avevano raggiunto nel luglio scorso lo storico accordo, tanto atteso, che avrebbe consentito a un rappresentante papale di risiedere nel Paese e di aprirvi un ufficio per la prima volta dalla fine della guerra del Vietnam nel 1975.

Quynh – riferisce l’agenzia cattolica UcaNews – ha affermato che le due parti si sono avvicinate ad ulteriori relazioni diplomatiche ufficiali dopo che il presidente del Vietnam Vo Van Thuong, che ha incontrato papa Francesco e il cardinale Pietro Parolin in Vaticano, ha invitato ufficialmente il Papa a visitare il Paese del sud-est asiatico.

A marzo, il Gruppo di lavoro congiunto Vietnam-Santa Sede si è riunito nella Città del Vaticano e ha avuto un “ampio e profondo scambio di opinioni” sulle relazioni reciproche, “comprese le questioni relative alla Chiesa cattolica in Vietnam”, secondo un comunicato stampa congiunto dopo l’incontro.

Nella dichiarazione si sottolinea che le due parti riaffermano la libertà della Chiesa, entro i limiti della legge, di svolgere la sua missione per il bene dell’intera società. E hanno convenuto che i cattolici in Vietnam continueranno a seguire la loro vocazione ad essere buoni cattolici e buoni cittadini.

Il governo autoritario ha anche sviluppato rapporti con gruppi religiosi negli Stati Uniti per cercare il loro sostegno.

Il Comitato governativo per gli affari religiosi ha riferito che in ottobre una delegazione del Vietnam guidata dal vice ministro degli Interni Vu Chien Thang ha visitato e discusso questioni relative ai diritti umani e alla libertà religiosa con funzionari governativi statunitensi e organizzazioni cristiane tra cui l’Alleanza evangelica mondiale e la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi giorni.

La delegazione ha incontrato anche l’arcivescovo Gabriele Giordano Caccia, osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite.

Secondo quanto riferito, Thang li ha invitati a fare pressione sul Dipartimento di Stato americano per rimuovere il Vietnam dalla “lista di controllo speciale”.

Il comitato, che controlla le attività di tutti i gruppi religiosi nel Paese, ha affermato che il Vietnam ha consentito a ben 55 volontari della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni con sede negli Stati Uniti di svolgere attività di beneficenza in alcune località del Paese nel 2023.

La Billy Graham Evangelistic Association, con sede negli Stati Uniti, ha organizzato uno storico evento religioso comprendente discorsi biblici pubblici e canti gospel, attirando 14.000 persone a Ho Chi Minh City a marzo.

Padre Ignatius Nguyen Quang Anh, della sottoparrocchia di Loc Thuy, nella provincia di Thua Thien Hue, ha affermato che il governo ha cercato di avvicinarsi ai sette milioni di cattolici del Paese, che sono elogiati per aver dato un grande contributo al miglioramento della vita materiale ed emotiva delle persone bisognose e dei gruppi etnici in aree remote.

Anh ha detto che Thuong è stato il primo presidente a visitare la sede della Conferenza episcopale cattolica del Vietnam in agosto, dopo aver incontrato papa Francesco e il cardinale Parolin in Vaticano.

Thuong ha anche fatto visita all’arcivescovo Joseph Nguyen Chi Linh di Hue e ha rivolto calorosi auguri di Natale ai cattolici locali il 14 dicembre.

Il sacerdote 76enne ha affermato che negli ultimi anni il governo ha allentato le sue politiche religiose consentendo l’ingresso illimitato di candidati nei seminari e negli ordini religiosi e costruendo strutture ecclesiastiche.

Alle diocesi locali viene data la possibilità di organizzare grandi eventi religiosi. Circa 20.000 giovani provenienti da 10 diocesi del nord hanno partecipato al loro raduno annuale presso il complesso della chiesa di Ben Dong il 19 e 20 novembre nella città di Hanoi. Circa 30.000 devoti mariani partecipano alla Festa dell’Assunzione l’8 dicembre presso il Centro di pellegrinaggio di Nostra Signora di Nui Cui nella provincia di Dong Nai.

Nel 2023, il Dipartimento delle risorse naturali e dell’ambiente della città di Ho Chi Minh ha concesso certificati di proprietà a 48 organizzazioni religiose, tra cui parrocchie e congregazioni cattoliche.

Anh ha detto che, sebbene il governo intervenga ancora nel processo di nomina episcopale del Vaticano per le diocesi locali, nel 2023 ha approvato tre nuovi vescovi: Peter Le Tan Loi, Peter Kieu Cong Tung e Joseph Huynh Van Sy per le diocesi di Can Tho, Phat Diem e Nha Trang rispettivamente.

Il Vaticano ha anche nominato vescovo residente della diocesi settentrionale, mons. Louis Nguyen Anh Tuan, che aveva servito come amministratore apostolico di Ha Tinh, e mons. Joseph Dang Duc Ngan di Da Nang arcivescovo coadiutore di Hue.

Tra le 27 diocesi del Paese, restano vacanti le diocesi di Ban Me Thuot e Da Nang.

Alcuni cattolici attribuiscono il miglioramento delle relazioni tra Vietnam e Santa Sede all’arcivescovo Joseph Nguyen Nang, capo della Conferenza episcopale cattolica del Vietnam. In ottobre il prelato ha invitato ufficialmente per la prima volta Papa Francesco a visitare i cattolici locali, i cui antenati hanno ricevuto la fede cattolica da missionari stranieri quasi 500 anni fa.

L’arcivescovo di Ho Chi Minh City spera che le relazioni Vietnam-Vaticano passino a un livello più alto “così da poter avere l’opportunità di accogliere un giorno il Papa che verrà a trovarci”.

Ha detto che i cattolici locali “desiderano ardentemente riunirsi attorno al Vicario di Cristo che ci ispira a rafforzare la nostra comunione, partecipazione e missione di evangelizzazione”.

(Foto: Vatican News)