Il segretario generale del CEC dopo la visita a Mosca, “siamo strumento di dialogo”

Condividi l'articolo sui canali social

Il 17 maggio 2023 a Mosca, una delegazione del CEC (Consiglio Ecumenico delle Chiese) composta dal segretario generale Rev. Jerry Pillay, dal direttore per gli affari internazionali Peter Prove e dal dirigente del programma per le relazioni ecumeniche e Fede e ordine Vasile-Octavian Mihoc ha incontrato il Patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa.

Una delegazione della leadership del Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC) che ha visitato l'Ucraina la settimana precedente aveva ricevuto conferma sia dalla Chiesa ortodossa ucraina (UOC) che dalla Chiesa ortodossa ucraina (OCU) della loro volontà di principio di impegnarsi nei processi di dialogo convocati dal CEC. “Il consolidamento e l'unità nella società ucraina, anche tra la maggioranza dei credenti cristiani ortodossi, è un'ovvia necessità nelle circostanze attuali affrontate dalla nazione e dal popolo ucraino” ha osservato il Rev. Pillay. “Abbiamo visitato Mosca per discutere l'impegno anche della Chiesa ortodossa russa nel dialogo sulla guerra e le sue conseguenze, anche per quanto riguarda le profonde divisioni nella famiglia ortodossa in questo contesto”, ha riferito Pillay, “e sono grato per l'intervento di Sua Altezza il Patriarca Kirill impegno ad esplorare questa possibilità”.

Nell'incontro con il Patriarca Kirill, il Rev. Pillay ha individuato quattro motivi importanti per la visita della delegazione del CEC: 1) la necessità di porre fine all'attuale guerra, 2) lavorare per l'unità della famiglia ortodossa così gravemente divisa in questo contesto, 3) discutere il ruolo delle Chiese nella costruzione della pace sia all'interno dei cristiani che all'esterno mentre affrontiamo i temi della guerra e della violenza, e 4) proporre una prima tavola rotonda di dialogo per affrontare questi temi, con la partecipazione di tutti parti interessate.

Durante l'incontro, il Patriarca Kirill ha riaffermato il ruolo unico del CEC come coordinatore e piattaforma per il dialogo tra le Chiese su questioni difficili e controverse. Ha condiviso i suoi ricordi, le sue esperienze e il suo apprezzamento per il lavoro del CEC negli anni passati, in particolare per il suo ruolo nella costruzione della pace nel periodo successivo alla Guerra Fredda. Ha sottolineato la sua preoccupazione per gli attacchi contro i cristiani in molte parti del mondo e ha espresso gratitudine per il ruolo storico e continuo del CEC nella promozione della libertà religiosa. Ha affrontato la crescente disunione all'interno della famiglia ortodossa, specialmente nel contesto ucraino, e ha sottolineato la necessità per i credenti di cercare la pace come via da seguire.

Pur esprimendo preoccupazione per la fattibilità di una tavola rotonda di dialogo a causa delle radicate influenze esterne, il Patriarca Kirill ha espresso piacere per la proposta e ha elogiato il CEC per il suo lavoro verso la pace e l'unità. Ha espresso la volontà di partecipare al dialogo della tavola rotonda, ma ha indicato la necessità prima di consultare internamente all'interno del ROC.

Riflettendo sull'incontro, il Rev. Pillay ha riconosciuto le sfide significative che gli sforzi per il dialogo devono superare. “È chiaro che le prospettive sul conflitto, le sue cause e il percorso verso una pace giusta rimangono fortemente polarizzate. Tuttavia”, ha concluso, “questo sottolinea solo l'importanza critica degli sforzi per creare spazi sicuri per il dialogo, e per il CEC questo deve iniziare con i tentativi di colmare il divario intra-ortodosso che rispecchia l'attuale confronto geopolitico”.

“Questa è l'essenza stessa dello scopo e della vocazione del CEC”, ha affermato Pillay, “essere uno strumento di dialogo tra le chiese sulle questioni che ci dividono. Siamo impegnati nella chiamata cristiana ad essere operatori di pace e, di fronte alla situazione in Ucraina e nel mondo di oggi, le chiese devono lottare insieme per rispondere a tale chiamata”.

(Fonte: World Council of Churches - Photo: Russian Orthodox Church)