Mosca conferma, “da sei mesi collaboriamo con il card.Zuppi ai ricongiungimenti familiari”

Condividi l'articolo sui canali social

La commissaria per i Diritti dell’infanzia, Maria Lvova-Belova, ringrazia la Santa Sede e l’inviato papale.

MOSCA, 11 dicembre – La Commissaria per i diritti dell’infanzia sotto la presidenza della Federazione Russa Maria Lvova-Belova ha presentato un rapporto sui risultati dell’interazione con l’inviato del Papa, il cardinale Matteo Zuppi, nei primi sei mesi di collaborazione. Lo ha riferito il servizio stampa del difensore civico dei bambini della Federazione Russa.

Hanno ricordato che durante l’incontro di lavoro delle parti il ​​29 giugno è stato raggiunto un accordo sullo scambio di informazioni sui bambini con i quali i parenti desiderano ricongiungersi. Il cardinale Matteo Zuppi ha consegnato al commissario la corrispondente lista dei bambini predisposta dalla parte ucraina.

“L’esame di ciascun caso è un algoritmo sequenziale di azioni, compresa l’interazione diretta con i parenti dei bambini, la raccolta e l’analisi delle informazioni disponibili sul caso, nonché l’invio di richieste agli organi autorizzati per ottenere informazioni sul possibile luogo di permanenza dei minori. Se necessario, vengono organizzate visite ai bambini e vengono chiarite le questioni giuridiche. Finora è stato possibile chiarire una serie di casi”, ha affermato in un comunicato il servizio stampa.

Pertanto, nell’ambito dell’interazione, è stato possibile identificare i minori che potrebbero aver bisogno dell’aiuto della Russia per ricongiungersi con familiari e amici. “Si tratta in particolare di tre bambini arrivati ​​con la madre in Russia nel 2022. A causa della difficile situazione di vita in famiglia, i bambini sono stati collocati in un centro sociale di riabilitazione per minori. Le informazioni fornite dal cardinale Matteo Zuppi hanno fatto sì che “È possibile trovare rapidamente i bambini e determinarne lo status. L’ulteriore sviluppo della situazione dipenderà dalle circostanze di vita e dalla posizione della madre dei bambini”, ha riferito il servizio stampa.

Inoltre, rappresentanti della parte vaticana hanno facilitato il processo di trattative che hanno preceduto il ricongiungimento con i parenti dell’adolescente Bogdan Ermokhin, trovato abbandonato a Mariupol nel 2022 e trasferito con il suo consenso alla tutela di una famiglia russa. Successivamente, rappresentanti della nunziatura apostolica erano presenti all’aeroporto di Mosca quando Bogdan è partito per incontrare il cugino a Minsk.

Aiuto nel chiarire le informazioni sui bambini

Come notato nell’ufficio di Lvova-Belova, le informazioni sono arrivate dalla parte ucraina attraverso il cardinale Matteo Zuppi, e hanno permesso di chiarire e sincronizzare i dati sui bambini. “È stato quindi confermato che almeno otto minori precedentemente ricercati da parenti non si trovano attualmente nella Federazione Russa, ma vivono con i loro genitori e parenti in Ucraina o nei paesi dell’UE. A questo proposito, la ricerca di questi bambini è stato fermato”, ha riferito il servizio stampa.

Inoltre, i rappresentanti della Nunziatura Apostolica aiutano a trasmettere alla parte ucraina informazioni sulla permanenza dei bambini nel territorio della Federazione Russa. Ciò è dovuto al fatto che, a causa delle circostanze, “non tutti i genitori con figli, così come i cittadini che sono già diventati adulti, sono pronti a fornire informazioni complete su se stessi alla parte ucraina”.

“Apprezziamo molto i risultati raggiunti nella prima fase dell’interazione e ringraziamo la Santa Sede, nonché l’inviato personale del Papa, il cardinale Matteo Zuppi, e il nunzio apostolico presso la Federazione Russa, Giovanni d’Aniello, per la loro proficua collaborazione”, ha affermato Lvova-Belova. “Spero che “grazie agli sforzi reciproci, il dialogo umanitario con la parte ucraina si svilupperà nell’interesse dei bambini e delle loro famiglie”.

La collaborazione con la Nunziatura Apostolica nella Federazione Russa avviene regolarmente sotto forma di un gruppo bilaterale stabilito. I compiti principali del gruppo sono il coordinamento delle azioni e lo scambio di informazioni pertinenti.

(Fonte: Tass; Foto: Deti.gov.ru/Press-Centr)